Come si calcola la base imponibile

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La base imponibile nel diritto tributario esprime quel valore reddituale essenziale per il calcolo dell'imposta sul reddito. Sapere come calcolare la base imponibile permette di evitare spiacevoli sorprese al termine del periodo d'imposta, permettendoci inoltre di eliminare dalla base tutte quelle spese e le ulteriori deduzioni che quando non sottratte dal contribuente vanno comunque a definire il reddito lordo. In questa occasione vedremo come si calcola la base imponibile; ricordiamo in ogni caso che in specifiche circostanze le voci reddituali che possono interessare un soggetto possono essere maggiori e più complesse (vedi il caso dei soggeti IRES) ragion per cui questa guida si limita a dare indicazioni utili alla corretta compilazione senza ritenersi sostitutiva dei professionisti del settore, che all'occorrenza pongono ulteriori elementi di disciplina aggiornata alla base del calcolo teorico che verrà qui spiegato.

26

Occorrente

  • Foglio, penna e calcolatrice
36

Innanzitutto per quanto riguarda le azioni e i titoli quotati, si prendono come riferimento i listini di Borsa, e in particolare la media dei prezzi dell'ultimo trimestre anteriore all'apertura della successione. Per quanto riguarda, invece, le partecipazioni in società non quotate e le aziende gestite in forma individuale, il primo passaggio è quello di trovare la rendita catastale del vostro immobile. Il dato in genere si trova sull’atto di proprietà dell’immobile e in alternativa si può ricorre al servizio di visure catastali dell’Agenzia delle Entrate. Per semplicità di calcolo supponiamo che la rendita catastale sia di 1.000 euro. Questo valore deve essere rivalutato del 5% (e quindi 1.000 euro x 0,05=50 euro, rendita rivalutata 1.050 euro). Quindi il secondo passaggio è la rivalutazione della rendita catastale del 5%. La rivalutazione si ottiene semplicemente moltiplicando la rendita catastale per 0,05.

46

La base imponibile, cioè la cifra sulla quale calcolare l’importo da versare per la TASI 2014, si ottiene tramite una semplice operazione che prevede di mmoltiplicare la rendita catastale rivalutata per un coefficiente che, per le abitazioni civili è 160.

Continua la lettura
56

L’ultimo passaggio, quello fondamentale, è il calcolo del corrispettivo da pagare. La cifra è il risultato del prodotto della base imponibile calcolata nel passaggio 3 e l’aliquota TASI decisa dal Comune. Per le partecipazioni in società di persone in contabilità semplificata o per le successioni di imprese individuali in contabilità semplificata, è necessario redigere una situazione patrimoniale alla data di apertura della successione.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricordatevi che il comma 675 dell’art. 1 della legge di stabilità 2014, stabilisce che la base imponibile della TASI è la stessa dell’IMU
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Requisiti per abbassare la rendita catastale di un'abitazione

Chi ha una casa di proprietà, ha certamente dovuto fare i conti con la tanto temuta tassa dell'IMU. Molte persone, dopo aver calcolato l'imponibile dovuto per la tassazione attraverso gli strumenti delle nuove procedure moltiplicative, hanno potuto osservare...
Finanza Personale

Come si calcola la rendita catastale degli immobili

Il Catasto stabilisce la rendita degli immobili che possiede un proprietario. Per sapere a quanto ammonta la rendita catastale, basterà ottenere i documenti necessari e consegnarli agli uffici del Catasto. Ciò è utile per calcolare l'IMU di un immobile,...
Finanza Personale

Come si calcola la rendita catastale per il pagamento dell’imu

Da qualche anno a questa parte è stata introdotta l'IMU. Tale tassa altro non è che la vecchia ICI, ovvero la tassa sugli immobili che tutti i contribuenti possessori di beni immobili devono pagare. Ciò che differenzia l'IMU però, oltre ad essere...
Finanza Personale

Come calcolare la IUC

Al giorno d'oggi il meccanismo delle tasse sulle abitazioni, in Italia, si è arricchito di un nuovo acronimo, che acquista la denominazione di IUC. Precisamente, parliamo della cosiddetta Imposta Unica Comunale, che è stata introdotta con la Legge di...
Case e Mutui

Come calcolare il valore catastale

Il valore catastale di un immobile viene preso come riferimento per per determinare la consistenza di specifiche imposte sulla casa. In caso di successioni, donazioni, iscrizioni di ipoteche o imposte di registro e catastali, questo è il dato di riferimento...
Lavoro e Carriera

Come si calcola la liquidazione del TFR

Il TFR (Trattamento di Fine Rapporto) chiamato anche liquidazione, è un compenso che viene corrisposto al lavoratore in maniera differita, ossia alla cessazione del rapporto di lavoro. Per questa ragione l'accantonamento annuo del TFR viene considerato...
Case e Mutui

Guida alle spese notarili per l'acquisto della prima casa

L'acquisto della prima casa è indubbiamente un momento profondo che indica la volontà di indipendenza e maturazione. Per effettuare un passo così importante, bisogna infatti possedere un lavoro e aver messo da parte un bel po' di soldi. Le spese da...
Case e Mutui

Come calcolare l'IMU sui terreni agricoli

Mentre la vecchia Imposta Comunale sugli Immobili, conosciuta con la sigla ICI, non prevedeva un pagamento per i proprietari di terreni agricoli, l'IMU (Imposta Municipale Unica) prevede anche il pagamento di questi ultimi, che prima erano completamente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.