Come scrivere una lettera per chiedere l'aumento

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Quante volte avete sofferto per uno stipendio non adeguato alle vostre capacità o al carico di lavoro svolto? L'essere retribuiti in maniera adeguata alle proprie mansioni è fondamentale per instaurare un buon rapporto con il ruolo che si svolge. Essere gratificati professionalmente anche in ambito economico aiuta i dipendenti ad applicarsi con passione e buona volontà. Ma chiedere un aumento retributivo è, però, spesso un'impresa dagli esiti incerti. Vediamo come scrivere una lettera appropriata per l'occasione.

27

Occorrente

  • Educazione
  • Chiarezza
37

Per prima cosa informatevi sulle modalità circa le quali il vostro datore di lavoro di solito decide di aumentare la retribuzione di un lavoratore. Le caratteristiche che possono condurre alla decisione di concedere un aumento ad un dipendente possono essere di vario tipo: l'anzianità (ossia gli anni effettivi di lavoro svolti all'interno di un'azienda o per conto di un datore), le capacità effettive o potenziali, il rendimento passato, il fatturato dell'impiegato. Insomma, inizia con il chiederti se la tua richiesta sia fondata o meno. Valuta inoltre le condizioni economiche della tua azienda.

47

Non stabilite in nessun caso una cifra. Un datore di lavoro non apprezza di dover decidere in base ad altri. Nella vostre lettera, siate educati e chiari. Consigliabile poi, esordire specificando quanto siete grati per questo lavoro e quanto vi dedicate con dedizione ai vostri compiti. Siate modesti nel cercare di sottolineare i vostri risultati positivi e la grande puntualità nel rispetto di scadenze, contribuendo all'efficienza dello studio e al perseguimento di maggior economicità. Concludete la missiva con la firma per esteso, la mansione all'interno dell'azienda e la data, ma non scordate di aggiungere i vostri ringraziamenti. Sarà necessario, infatti, non porvi nei confronti del capo con un fare arrogante o pretenzioso.

Continua la lettura
57

I casi di rifiuto non mancheranno. Per questo è sempre consigliabile affidarsi alla lettera soltanto qualora non vi siano le condizioni per affrontare il discorso di persona, cogliendo magari di sorpresa il destinatario della vostra richiesta, rispettando sempre i principi di educazione, rispetto, non arroganza di cui sopra. Se la vostra lettera non dovesse sortire gli effetti sperati, non disperate: continuate a lavorare sodo ed ad ottenere risultati con gli stessi stimoli di sempre, dimostrando al vostro datore di lavoro che non puntare su di voi è stato un errore. Potrebbe ricredersi quanto prima.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Evitate di essere arroganti e maleducati per non incorrere in un rifiuto.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come Presentare Una Richiesta Di Permesso Al Datore Di Lavoro

Se avete necessità di richiedere un permesso retribuito ma non disponete di un modulo da compilare e presentare al vostro datore di lavoro, all'interno della seguente guida troverete alcuni consigli utili per formulare correttamente la vostra richiesta...
Lavoro e Carriera

Cosa fare se il datore di lavoro non paga

Può accadere di avere dei seri problemi con il proprio datore di lavoro. I problemi con cui si può venire in contatto sono veramente tanti e possono succedere ogni giorno, in particolar modo in questo periodo di profonda crisi economica. Nello specifico,...
Aziende e Imprese

Sicurezza sul lavoro: obblighi del datore di lavoro

In tutte le aziende sono i datori di lavoro (dirigenti o persone con incarichi dirigenziali) le prime figure che devono saper garantire la sicurezza: sono infatti i soggetti sui quali ricade appunto l’obbligo di mantenerne alti i livelli! Tali figure...
Richieste e Moduli

Come richiedere il cud al datore di lavoro

Il Certificato Unico Dipendente, che riconosciamo con l'abbreviazione "CUD", è una certificazione che viene consegnata ai dipendenti da parte del loro datore di lavoro. Anche i lavoratori assimilati lo ricevono, purché abbiano un contratto a tempo determinato,...
Lavoro e Carriera

Come regolarizzare una colf

Regolarizzare una colf non è così difficile. È però importante conoscere bene quali sono i diritti e i doveri che hanno sia il datore che il collaboratore. Vediamo dunque i passi fondamentali per andare incontro a una assunzione senza rischi. Vedremo...
Aziende e Imprese

Come Procedere alla nomina di un preposto

Nella gran parte dei casi, all'interno di aziende di tipo edile, il datore di lavoro non ha la possibilità di vigilare costantemente ed adeguatamente tutte le attività del cantiere, come l'operato e le attività dei propri dipendenti. In casi di questo...
Richieste e Moduli

Come accedere al fondo di garanzia INPS

Quando si parla di Fondo di Garanzia INPS ci si riferisce a quello strumento che l'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale mette a disposizione dei lavoratori per la riscossione del TFR (Trattamento di Fine Rapporto) e dei crediti di lavoro in caso...
Lavoro e Carriera

Come avere un buon rapporto con il proprio datore di lavoro

Il rapporto con il proprio datore di lavoro è un rapporto di tipo gerarchico, non sempre fondato sulla condivisione di interessi. Conflitti, tensioni e incomprensioni sono possibili e frequenti, ma ciò non toglie che queste situazioni problematiche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.