Come scrivere un testamento

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il testamento è un atto pubblico con il quale è possibile scrivere e stabilire la sorte del patrimonio del 'de cuius', ossia del testatore, dopo la sua morte. Si tratta essenzialmente di un atto revocabile che può essere steso in tre diverse forme di scritture: pubblico, segreto e olografo. Per le prime due è necessaria la presenza di un notaio e di testimoni, il terzo non necessità invece tali formalità. Vediamo insieme come scrivere correttamente un testamento.

26

Occorrente

  • Notaio
  • Eredità
36

L'ordinamento italiano è strutturato in modo tale da non lasciare che i beni rimangano senza proprietario; questo in virtù di esigenze garantiste che fanno sì che la categoria delle 'res nullius', letteralmente le 'cose di nessuno' di romana memoria, non sia assolutamente contemplata.
Le disposizioni testamentarie devono essere redatte in maniera del tutto autonoma, nel pieno delle facoltà mentali e senza alcun tipo di costrizione né fisica né psicologica. Le ultime volontà devono essere scritte dal testatore di proprio pugno, non quindi da altri né tanto meno a macchina, su un qualunque foglio di carta. Alcuni, nella stesura, prediligono la forma di lettera.

46

All'interno del testamento, ai fini della sua validità, devono essere presenti, oltre alle disposizioni del 'de cuius', anche la data di redazione e le firme del testatore e degli eventuali testimoni. Affinché le ultime volontà possano essere interpretate in maniera del tutto univoca, è opportuno che il testo contenga disposizioni chiare e precise, in modo da evitare equivoci interpretativi di sorta. Attraverso testamento è possibile disporre liberamente del proprio patrimonio, fatta salva la posizione dei congiunti più stretti, ai quali spetta di diritto la quota "legittima". Tale quota costituisce una forma di tutela che l'ordinamento ha previsto in capo ai parenti più prossimi del 'de cuius'.

Continua la lettura
56

Gli eredi legittimi, secondo quanto sancito dal codice civile, sono i figli e i loro discendenti, il coniuge e gli ascendenti, come i genitori e i nonni. La successione trasmette al coniuge 1\3 dell'eredità, mentre i rimanenti 2\3 ai figli in parti uguali. In mancanza di discendenti e con gli ascendenti ancora in vita, essi concorrono con il coniuge alla divisione, al coniuge andranno i 2\3 del patrimonio e la restante parte agli ascendenti. Se all'apertura della successione è in vita solo il coniuge, questi eredita l'intero patrimonio del 'de cuius"; allo stesso modo ereditano automaticamente l'intero patrimonio i genitori o i fratelli in mancanza di coniuge e figli.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se all'apertura della successione è in vita solo il coniuge, questi eredita l'intero patrimonio del 'de cuius".
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

come calcolare le quote degli eredi in una voltura

In caso di successione per causa di morte, si rende necessario effettuare una voltura, cioè la variazione dei dati che riguardano una proprietà, un'attività o un servizio, in base ai nuovi intestatari. È dunque necessario dividere il capitale in proporzione...
Finanza Personale

Come e perchè fare testamento da giovane

La parola "testamento" istintivamente mette tutti un po' a disagio. Viverlo come una pratica burocratica tipica degli anni del tramonto è una pura formalità di pensiero. Infatti, nessuno sa a priori quando, come e perché morirà. Pertanto, si può...
Richieste e Moduli

Come Sapere Se Esiste Un Testamento Di Persona Defunta

Accade sovente che, passata l'ora dell'estremo saluto alla persona cara, i familiari del "de cuius" arrivino a porsi le fatidiche domande: "Ma l'avrà fatto il testamento? L'avrà depositato da un notaio? Se sì, quale? Come facciamo a scoprirlo?". Sapere...
Richieste e Moduli

Testamento olografo: cos'è e come si fa

La vita di ognuno di noi può essere più o meno ricca di esperienze e averi. Al termine del nostro percorso possiamo scegliere di lasciare in eredità ciò che è nostro a terzi. Per farlo possiamo redigere il testamento. La validità è tale, infatti,...
Finanza Personale

Come determinare la quota disponibile e legittima nella successione testamentaria

Non tutti quante le persone possiedono un patrimonio, che sia piccole abitazioni, ville, barche, terreni, ricchezze, che vengono sempre segnalate da procedure burocratiche e da atti notarili. Possiamo tranquillamente affermare che chi possiede questi...
Richieste e Moduli

Come impugnare un testamento olografo

Come vedremo nel corso di questa breve guida, in base alla normativa attualmente vigente, ogni persona interessata può impugnare un testamento olografo, allo scopo di farne valere l'invalidità (ovvero la nullità e l'annullabilità dello stesso). Se...
Finanza Personale

come impugnare per vie legali un testamento olografo

Il testamento olografo è l'insieme delle volontà scritte di una persona, che non sia stata dichiarata incapace di intendere e di volere, senza bisogno di un notaio o di testimoni quindi di sua spontanea volontà. Per essere considerato valido, il testamento,...
Finanza Personale

Come redigere un testamento olografo

Il testamento è un atto fondamentale per la successione ereditaria: ne esistono diversi tipi, pubblico, segreto e olografo. Quest'ultimo è la forma di testamento più semplice e più usata da parte di chi vuol far conoscere la propria volontà dopo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.