Come ripartire le spese tra proprietario e inquilino

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Ora andremo a occuparci del classico contratto di locazione, dove si vanno a stabilire i diritti e gli obblighi delle parti. Il titolo della guida lo dice molto chiaramente: dovremo andare a spiegare a voi lettori come ripartire le spese tra proprietario e inquilino.
Cominciamo subito la nostra argomentazione, partendo dal fatto che il soggetto locatore all'interno del contratto ha l'obbligo di consegnare l'abitazione all'inquilino in uno stato buono. Per quanto riguarda, invece, le spese relative ai condizionatori, agli impianti elettrici e idrici, ai termosifoni, queste spese sono a carico di chi ne fa uso, e quindi dell'inquilino.
Come ben sappiamo, quando viene affittato un appartamento, nelle spese condominiali figurano le spese che spettano al proprietario dell'immobile e quelle spettanti all'inquilino. La legge sulle locazioni degli immobili urbani (legge 392/78), afferma che le spese che riguardano l'inquilino sono la pulizia delle scale e androne, quelle relative all'ordinaria manutenzione dell'ascensore, ecc. Comunque è buona regola specificare sul contratto di locazione la ripartizione delle spese, onde evitare, a lungo andare, azioni legali.

25

La manutenzione ordinaria e straordinaria

Generalmente, possiamo affermare che al proprietario dell'immobile ricadano le spese relative all'installazione, mentre per quanto riguarda le spese relative alla manutenzione ordinaria, esse ricadranno sull'inquilino. La manutenzione di carattere straordinario, invece, dipenderà dal proprietario dell'immobile. Conseguentemente, per esempio, l'installazione di una nuova caldaia, la riparazione di un tubo dell'acqua usurato, per esempio o ancora la sostituzione del cancello in giardino.

35

Le riparazioni

Nel momento in cui, invece, dovesse essere rovinato gravemente il materiale presente nell'immobile da parte dell'inquilino, le spese di riparazione, come è ovvio che sia, ricadranno su quest'ultimo, che dovrà ripristinare la condizione di partenza. Inoltre, sempre all'inquilino ricadranno le spese relative al controllo annuale della caldaia o la riverniciatura del cancello in giardino). L'allacciamento alla rete fognaria (servizio duraturo) va pagato dal proprietario, mentre l'estemporaneo servizio di pulizia e di spurgo dei pozzetti è un onere economico dell'inquilino, che ha materialmente contribuito all'utilizzo.

Continua la lettura
45

Le spese condivise

Per legge l'affittuario paga ciò che concretamente consuma, che si tratti di oggetti fisici o di servizi; il locatore invece si assume le spese straordinarie, per le opere destinate a durare anche al di là della permanenza dell'inquilino nell'appartamento.
Per concludere, le spese condivise tra inquilino e proprietario sono, generalmente, quelle che riguardano la parte amministrativa condominiale, in quanto l'utilizzo di questo servizio è a beneficio di entrambi i soggetti in causa.
Eccovi, in chiusura, un link: http://www.studiolegale-online.net/locazioni_04.php.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Spese condominiali a carico dell'inquilino

Vivere in un condominio è una realtà piuttosto comune nelle città più popolose. Essere inquilino di un condominio comporta alcuni doveri, nel rispetto di sé e degli altri. Esistono infatti delle spese condominiali da sostenere. Queste possono essere...
Case e Mutui

Come si stipula un contratto di affitto transitorio

Decidere se acquistare casa oppure affittarla può rappresentare spesso un grande problema, specialmente per i più giovani. La scelta, infatti, risulta spesso obbligata dalla precarietà del lavoro e dall'impossibilità di ottenere un mutuo. Talvolta,...
Case e Mutui

Come disdettare anticipatamente un contratto di locazione

Il Codice Civile nostro, prevede anche il contratto di locazione, fra gli altri tipi di contratto. Esso non è altro che un contratto di fitto mediante il quale il locatore, cioè il proprietario di un immobile, conferisce in affitto la sua proprietà...
Case e Mutui

Come tutelarsi in un contratto d'affitto

Che siate inquilini o proprietari, gestire nel modo ottimale un contratto d'affitto non è sempre facile. Infatti, molte volte, per risparmiare da un lato e la volontà di lucrare dall'altro rendono il rapporto tra contraenti altamente conflittuale. Bastano...
Case e Mutui

Contratto di locazione: come fare una disdetta

Quando abbiamo un locale od un appartamento da locare, capita a volte che si firmino i contratti di locazioni e ci troviamo in difficoltà per fare la disdetta per un cambio di programmi per diversi motivi. Con il tempo possono capitare questi cambi e...
Case e Mutui

Il deposito cauzionale nelle locazioni abitative

Nella guida riportata nei passi successivi, parleremo di una delle condizioni principali che viene spesso contemplata nei contratti di locazione. Si tratta del deposito cauzionale, ovvero una quantità di denaro che viene versata al proprietario dell'appartamento...
Case e Mutui

Come tutelarsi se il proprietario non registra il contratto di affitto

Molti sono coloro che offrono un canone d'affitto minore, appunto per convincere l'affittuario ad accettare il compromesso. A tale proposito è bene sapere che c'è chi, addirittura, non fa firmare alcun accordo e chi, invece, fa firmare al proprio inquilino...
Case e Mutui

Guida allo sfratto per morosità

Lo sfratto per morosità è un provvedimento che può sembrare antipatico, ma in molti casi risulta necessario per riprendere legittimamente il possesso di un immobile. Per avere validità tale procedimento deve essere costituito da un titolo esecutivo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.