Come richiedere l'assegno statale o comunale di maternità

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

La nascita di un figlio nonostante rappresenti un lieto evento per tutta la famiglia, per le donne lavoratrici invece comporta una momentanea perdita di reddito. Per fortuna lo stato prevede in questi casi un indennizzo rivolto proprio alle mamme, atto a sostituire il reddito temporaneamente perso. A tale proposito ecco una guida, in cui illustriamo come richiedere l'assegno statale o comunale di maternità.

24

Per prima cosa bisogna distinguere due tipi di assegni di maternità; infatti, ne troviamo uno erogato dallo stato e l'altro invece dal comune. Gli assegni di maternità erogati da quest'ultimo si possono richiedere solo nel caso in cui non si abbiano i requisiti necessari per quelli concessi dallo stato, ed inoltre non bisogna percepire nessun tipo di indennità di maternità. I due tipi di assegni, non sono tuttavia in nessun caso cumulabili tra loro.

34

Per poter accedere agli assegni di maternità statale, bisogna innanzitutto essere delle mamme lavoratrici e senza nessun altro trattamento di maternità, e con almeno tre mesi di contributi versati nel periodo compreso tra i nove e i diciotto mesi prima del parto. In alternativa, bisognerà lavorare per almeno tre mesi nelle ultime nove settimane. Se dunque si rientra nella prima tipologia di assegno ovvero quello statale, sarà necessario recarsi presso gli uffici territoriali dell'Inps e presentare una specifica domanda in carta semplice. Quest'ultima dovrà comunque essere presentata entro 6 mesi dalla nascita del figlio, e richiede in allegato la documentazione che attesti il possesso dei requisiti previsti per la concessione dell'assegno che verrà rilasciato dopo circa due mesi dalla presentazione. Se invece non si è in possesso dei requisiti per richiedere l'assegno di tipo statale, sarà possibile invece optare per quello comunale. Il reddito annuale dell'intera famiglia, comunque non dovrà superare la cifra di circa 33.000 euro.

Continua la lettura
44

In presenza di queste specifiche condizioni, sarà comunque necessario recarsi nell'ufficio comunale del propria residenza, entro e non oltre i sei mesi dalla data dell'avvenuto parto. Alla domanda è necessario inoltre allegare anche un altro importante documento, ovvero l'attestazione dell'ISEE, e nel caso si tratti di una cittadina straniera, anche la fotocopia della propria carta di soggiorno. A questo punto, l'assegno di maternità viene regolarmente erogato, e l'importo percepibile in genere si aggira intorno ai 1500 euro circa.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come compilare il modulo di maternità obbligatoria INPS

Il momento più bello della vostra vita è arrivato, finalmente siete in dolce attesa e dovete conciliare il lavoro con la maternità. All’inizio è facile e non avete nessun problema, ma quando il pancione inizierà a crescere non potrete più svolgere...
Richieste e Moduli

Come compilare la domanda per assegni familiari

L'assegno per il nucleo familiare non è altro che un sussidio rivolto ai lavoratori dipendenti e ai pensionati, il cui reddito complessivo ricade nelle fasce inferiori stabilite per legge. Altre categorie di lavoratori a cui spetta sono: i disoccupati...
Previdenza e Pensioni

Come si ottengono gli assegni familiari

Gli assegni familiari sono una misura a sostegno delle famiglie dei lavoratori dipendenti a tempo indeterminato, con contratto a termine, in malattia o in maternità, in cassa integrazione, ai disoccupati con indennità, ai pensionati ex lavoratori dipendenti...
Finanza Personale

Come ottenere il contributo gravidanza Regione Lombardia

La Giunta regionale della Lombardia ha approvato con la delibera 2013 del 20 luglio 2011, la promulgazione di un fondo speciale che comprende 1113 progetti personalizzati per aiutare le madri, con problemi economici, a far fronte alla gravidanza e alla...
Lavoro e Carriera

Maternità obbligatoria: 5 cose che devi sapere

Con il concetto di maternità obbligatoria, chiamato anche congedo della maternità, ci si riferisce a quel particolare periodo in cui una donna, madre lavoratrice, è obbligata ad astenersi dal posto di lavoro. Come vedremo nel corso di questa guida,...
Previdenza e Pensioni

La tutela della maternità per lavoratrici a progetto

Avere un contratto di lavoro a progetto significa svolgere il proprio lavoro in assoluta indipendenza e senza nessun vincolo di subordinazione da parte del committente. Il lavoratore deve avere dei progetti da portare a termine in completa autonomia....
Previdenza e Pensioni

5 cose da sapere sulla maternità obbligatoria

La maternità obbligatoria rappresenta il periodo in cui la madre lavoratrice deve esimersi dal lavoro. Qui di seguito, verranno riportate le 5 cose più importanti da sapere sul congedo obbligatorio, trascritte nel decreto legislativo n. 151 del 26 marzo...
Lavoro e Carriera

Maternità obbligatoria e facoltativa

Nel corso degli ultimi decenni la tutela delle lavoratrici madri sul piano fisico ed economico lavoratrici, è stata garantita dalle diverse leggi succedutesi nel tempo. Rientra nella tutela disciplinata dalla legge qualunque lavoratricie dipendenti....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.