Come richiedere la pensione di inabilità

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La pensione di inabilità è un sussidio che spetta al lavoratore dipendente o autonomo affetto da infermità fisica o mentale. Tale sussidio è garantito dalla legge 222 del 12 giugno 1984 entrata in vigore il primo luglio dello stesso anno. Il grado d'invalidità è espresso in termini percentuali: il range di riferimento è tra 67 % e 100 %. Nel caso d'inabilità del 100% l'aiuto è di circa 3500 annui, pertanto il lavoratore può richiedere tale supporto che consentirà di affrontare le spese per curare la malattia e migliorare la situazione. Vediamo insieme come richiedere la pensione di inabilità.

26

Occorrente

  • Requisiti necessari
36

La pensione d'invalidità viene concessa solo nel caso in cui il medico accertatore dell'INPS diagnostichi infermità fisica o mentale che provochi assoluta e permanente impossibilità a svolgere qualsiasi attività lavorativa e un'anzianità contributiva e assicurativa di almeno cinque anni, di cui tre versati nei cinque anni precedenti la domanda di pensione. Altri requisiti prevedono età compresa tra 18 e 65 anni, cittadinanza italiana e reddito annuo personale non superiore a 16500 euro. Al raggiungimento dei 65 anni di età per gli uomini e dei 60 anni di età per le donne la pensione d'invalidità sarà convertita in pensione di anzianità.

46

La condizione necessaria in questo caso è di 20 anni di contributi per il raggiungimento dei quali saranno inclusi eventualmente anche gli in cui l'interessato ha ricevuto l'assegno d'invalidità. Questa pensione non è definitiva: le condizioni sanitarie infatti saranno soggette a revisione, dunque a miglioramento o peggioramento, con relativa eventuale variazione della percentuale di indennità. La domanda potrà essere inoltrata per via telematica sul sito internet dell'INPS nella sezione moduli dopo aver richiesto un PIN online; per via telefonica contattando il numero gratuito 803164; presso un centro di assistenza fiscale che offre i servizi telematici in via completamente gratuita.

Continua la lettura
56

Una volta ottenuto il modulo di richiesta, dovrà essere compilato in ogni sua parte e presentato direttamente agli uffici presso cui è stato richiesto, oppure dovrà essere inviato per posta con raccomandata A/R. La domanda dovrà essere compilata in tutte le sue parti, in particolare le pagine contrassegnate dalla cornice blu. Una volta presentata si riceverà convocazione dal medico dell'INPS per essere sottoposti alla visita, dopodiché, se tale domanda avrà esito positivo, comincerà l'iter burocratico per il riconoscimento dello status d'invalidità.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Al raggiungimento dei 65 anni di età per gli uomini e dei 60 anni di età per le donne la pensione d'invalidità sarà convertita in pensione di anzianità.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

Le tipologie di pensione previste dall'INPS

Districarsi tra le tipologie di pensione previste dall'INPS non è impresa facile.Se abbiamo bisogno di informazioni ci sono varie strade: telefonare ad un numero verde che è gratuito ma che richiede sempre tempi biblici prima di fornire una risposta...
Previdenza e Pensioni

Indennità di accompagnamento: i criteri secondo INPS

Cos'è l’indennità di accompagnamento? Chi ha titolo per farne richiesta e quali criteri vengono adottati dall'INPS per vagliare le domande e garantire il sussidio agli aventi diritto? Proprio a queste domande troverete risposta nella guida a seguire....
Previdenza e Pensioni

Sistema previdenziale: quali pensioni sono reversibili

Con il termine "sistema previdenziale" si intende l'insieme degli ordinamenti e delle legislazioni che hanno la funzione di permettere a tutti i cittadini un dignitoso tenore di vita. Esso viene sostenuto sia da un ente pubblico che da un privato. Il...
Previdenza e Pensioni

Invalidità civile: riconoscimento e benefici economici

Se siete diventati disabili e non siete più in grado di lavorare o siete in grado di farlo solo part-time, è possibile che possiate godere di una pensione di invalidità, Questo tipo di beneficio vi aiuterà con le spese da sostenere mese per mese e,...
Finanza Personale

Come richiedere il codice PIN INPDAP

L'Istituto nazionale di previdenza e assistenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica (INPDAP) era un ente pubblico non economico. L'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (INPS) è il principale ente previdenziale italiano, presso cui...
Previdenza e Pensioni

Come richiedere l'invalidità civile con inabilità al lavoro

L'invalidità civile è uno status che il nostro ordinamento legislativo riconosce a tutte quelle persone che per situazioni specifiche non riescono a svolgere le ordinarie azioni atte a provvedere al proprio fabbisogno. Chi si trova in tale situazione...
Previdenza e Pensioni

Come richiedere la pensione di vecchiaia

La pensione è una obbligazione che consiste in una rendita vitalizia o temporanea corrisposta ad una persona fisica in base ad un rapporto giuridico con l'ente o la società che è obbligata a corrisponderla per la tutela del rischio di longevità o...
Previdenza e Pensioni

Come fare la totalizzazione dei contributi

Nel corso della loro vita ed esperienza lavorativa non tutti i lavoratori riescono a versare alle aziende pensionistiche preposte i contributi necessari che consentano loro di avere diritto ad una pensione. In questa particolare circostanza, l'unico mezzo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.