Come richiedere i benefici della maternità

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Le donne in dolce attesa possono usufruire di un'indennità economica messa a disposizione dall'INPS. Questi benefici riguardano le lavoratrici che devono assentarsi dal lavoro a causa della gravidanza. La legge che disciplina i congedi e permessi di maternità è il D. Lgs.151 del 26 marzo 2001 e vale anche per i futuri papà. Tutte le mamme che vogliono richiedere l'indennità devono seguire una procedura specifica, inviando un'apposita domanda all'INPS. Vediamo in questa guida come richiedere i benefici della maternità e qual è l'iter giusto da seguire.

27

Occorrente

  • Modulo per la domanda di maternità
37

In questo caso è importante sapere che l'unico ente di riferimento è l'INPS. Questo riconosce i benefici di maternità alle lavoratrici assicurate ma anche a quelle che si trovano in casi particolari. Un esempio sono le donne disoccupate o le lavoratrici a domicilio, ma solo se ricorrono determinate condizioni. Le dipendenti della Pubblica Amministrazione, invece, non hanno diritto all'indennità stabilita dall'INPS. Il periodo di astensione dal lavoro comincia due mesi prima della data del parto e continua per tre mesi, dopo la nascita del bambino. Durante questo periodo la donna riceve regolarmente una retribuzione. Per recepirla però, deve compilare una domanda specifica, seguendo la procedura standard.

47

La domanda per richiedere i benefici della maternità si presenta all'Istituto di Previdenza. Questo mette a disposizione diverse modalità, a seconda dei casi. Il primo caso riguarda l'invio telematico della richiesta di maternità. Per farlo basta accedere al portale dell'INPS e con il proprio PIN entrare all'area privata. Da qui bisogna compilare dei moduli con i dati necessari e inviare la richiesta. È necessario inoltrare la domanda telematica prima dell'inizio del congedo. Entro 30 giorni dal parto, la lavoratrice deve obbligatoriamente comunicare la data di nascita del bambino. È inoltre obbligatorio rendere note all'ente tutte le sue generalità.

Continua la lettura
57

Il secondo modo per richiedere i benefici della maternità è rivolgersi ad un patronato. Nel territorio italiano ce ne sono tanti, uno tra tutti è il CAF. Questi enti aiuteranno la futura mamma a compilare il modulo con tutti i dati necessari. Gli stessi provvederanno anche ad inviare telematicamente la richiesta. La terza modalità per richiedere i benefici della maternità è contattare l'INPS tramite telefono. In particolare c'è un servizio specifico che si chiama Contact Center Integrato. In questo caso degli operatori provvederanno ad assistere la donna durante tutte le fasi di compilazione.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Farsi assistere da un patronato per facilitare la compilazione e l'invio della pratica
  • Rispettare i tempi di invio per la richiesta per evitare di perdere tali benefici
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

La tutela della maternità per lavoratrici a progetto

Avere un contratto di lavoro a progetto significa svolgere il proprio lavoro in assoluta indipendenza e senza nessun vincolo di subordinazione da parte del committente. Il lavoratore deve avere dei progetti da portare a termine in completa autonomia....
Richieste e Moduli

Come fare la domanda di maternità

Le lavoratrici dipendenti in possesso dei requisiti richiesti, fortunatamente, riescono ad avere particolari diritti. Se si dovessero considerare i vari avvenimento in cui la donna risulta avere dei diritti, c'è sicuramente la domanda di maternità....
Previdenza e Pensioni

Come trattare contabilmente il periodo di astensione per maternità

Le assunzioni di impiegate femminili aumentano sempre di più, come dovrebbero, ma anche i problemi non fanno che moltiplicarsi. Quando un datore di lavoro assume una lavoratrice di sesso femminile, essa avrà bisogno di un periodo di astensione dagli...
Previdenza e Pensioni

5 cose da sapere sulla maternità obbligatoria

La maternità obbligatoria rappresenta il periodo in cui la madre lavoratrice deve esimersi dal lavoro. Qui di seguito, verranno riportate le 5 cose più importanti da sapere sul congedo obbligatorio, trascritte nel decreto legislativo n. 151 del 26 marzo...
Lavoro e Carriera

Collaborazione a progetto: tutela della maternità

Un argomento che offre un interesse davvero importante è sicuramente la maternità. Nonostante questo interesse, le mamme non sempre riescono a essere organizzate nel momento in cui si ritrovano in questa determinata situazione. Nella guida che seguirà,...
Finanza Personale

Come richiedere l'assegno statale o comunale di maternità

La nascita di un figlio nonostante rappresenti un lieto evento per tutta la famiglia, per le donne lavoratrici invece comporta una momentanea perdita di reddito. Per fortuna lo stato prevede in questi casi un indennizzo rivolto proprio alle mamme, atto...
Lavoro e Carriera

Maternità obbligatoria e facoltativa

Nel corso degli ultimi decenni la tutela delle lavoratrici madri sul piano fisico ed economico lavoratrici, è stata garantita dalle diverse leggi succedutesi nel tempo. Rientra nella tutela disciplinata dalla legge qualunque lavoratricie dipendenti....
Previdenza e Pensioni

5 cose da sapere sulla maternità anticipata

Per le donne durante il periodo di gravidanza, è sicuramente fastidioso recarsi al lavoro, perché molte aziende non riescono a concedere il periodo che spetta da dedicare alla maternità. In realtà secondo la legge, deve essere assolutamente previsto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.