Come richiedere i benefici della L.104/92 per i lavoratori dipendenti

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
110

Introduzione

Se sei stato riconosciuto, dalla commissione incaricata, soggetto portatore di Handicap in base alla L. 104/92 art. 33, oppure lo stesso riconoscimento l'ha avuto un tuo familiare, e tu sei un lavoratore dipendente, puoi usufruire dei benefici previsti dalla stessa legge per i lavoratori dipendenti. In questa guida ti spiego quali sono i tuoi diritti e come fare per ottenerli.

210

Occorrente

  • Verbale di riconoscimento Handicap L.104/92 art.33
310

Innanzitutto, se sei affetto da patologie gravi, presenta, tu o il tuo familiare, domanda di riconoscimento di handicap grave in base alla L.104/92. Il modulo di richiesta è disponibile all'ufficio invalidi della Ausl di appartenenza.
In breve tempo sarai sottoposto a visita medico collegiale dalla commissione Asl preposta all'accertamento. Porta alla visita tutti i certificati medici di specialisti della sanità pubblica, relativi alle patologie riconosciute.
Ti arriverà a casa il verbale della commissione, e se dallo stesso risulterà riconosciuto un Handicap in base all' art. 33 Legge 104/92 puoi usufruire di parecchi vantaggi.

410

Se sei lavoratore dipendente puoi richiedere tre giorni di congedo per ogni mese di lavoro. Richiedi il modulo di domanda presso l'amministrazione o azienda dove lavori e compilalo con i dati richiesti. Allega alla domanda fotocopia del verbale di riconoscimento di Handicap grave di cui alla L:104/92 art. 33. Se tale riconoscimento lo ha avuto un tuo familiare, devi allegare alla domanda il suo verbale L.104/92.art.33.
Il datore di lavoro ti concederà il beneficio e tu potrai usufruire, ogni mese di tre giorni di congedo relativo all'agevolazione della L.104/92, devi solo comunicare, ogni volta, la tua assenza dal lavoro.

Continua la lettura
510

Se, invece, hai bisogno di due ore di permesso ogni giorno lavorativo, puoi chiedere i tre giorni frazionati anche in ore giornaliere, ossia puoi lavorare due ore in meno al giorno, sia che sia tu il diretto interessato e sia che il malato sia un tuo familiare.
Quando il frazionamento ti viene concesso, puoi, ad esempio, chiedere di spostare l'orario di entrata in servizio di un'ora ogni giorno ed uscire per es. un'ora prima del previsto per alleggerire la giornata lavorativa, oppure puoi chiedere due ore consecutive come preferisci, tenendo conto delle tue necessità, innanzitutto, e poi, se possibile, anche delle esigenze di servizio.

610

Se in una famiglia vi è un soggetto riconosciuto portatore di Handicap, e due altri soggetti o più sono lavoratori dipendenti, solo un dipendente può usufruire dei benefici previsti dalla L.104/92. Il lavoratore che usufruisce di questi permessi, per se o per un familiare, ha diritto all'intero stipendio mensile ed alla tredicesima, senza nessuna decurtazione.
I permessi, oltrechè al lavoratore portatore di handicap spettano per l'assistenza dei figli malati ed anch'essi riconosciuti dalla commissione portatori di handicap in base alla L. 104/92 art.33, ed anche per i genitori, per i fratelli, per gli zii o nonni sempre che questi non abbiano altre persone che li assistano.

710

Se sei un lavoratore riconosciuto portatore di Handicap in base alla L. 104/92 o hai un familiare malato, come spiegato sopra, hai anche diritto a scegliere la sede di lavoro più vicina alla tua residenza. Anche per usufruire di questo beneficio devi inoltrare domanda corredata dalla fotocopia del verbale di riconoscimento dell'Handicap L.104/92 art.33

810

Inoltre, se sei un lavoratore dipendente malato e riconosciuto dalla L.104/92 art.33 hai anche diritto all' accredito di due mesi all'anno di contributi figurativi, e sino ad un massimo di cinque anni. In questo modo puoi andare in pensione con un anticipo di cinque anni rispetto a quanto previsto per gli altri lavoratori. Anche per usufruire di questo beneficio presenta domanda alla tua Amministrazione o Azienda con allegata fotocopia del verbale di riconoscimento dell'Handicap. La tua Amministrazione/Azienda provvederà ad inoltrare la tua richiesta all'Ente previdenziale di appartenenza, INPS, INPDAP, etc.

910

Se hai un familiare stretto malato, riconosciuto sempre dalla stessa L. 104/92 art.33, che ha bisogno della tua assistenza, figlio, marito, moglie, genitore, fratello, puoi chiedere due anni di aspettativa per assisterlo. Per questi due anni di aspettativa riceverai lo stipendio decurtato di una percentuale a seconda dell'importo annuale da te percepito. Se il tuo stipendio è medio-basso lo avrai praticamente quasi intero, mentre se il tuo stipendio è medio-alto il tuo stipendio sarà decurtato un po' di più ed i contributi previdenziali saranno versati per intero. Per usufruire anche di questo beneficio, se ne hai diritto, presenta domanda con allegato il verbale di riconoscimento di Handicap del familiare che devi assistere, all'Ufficio personale della tua Amministrazione o Azienda.
Allega sempre, a tutte le tue richieste, fotocopia del tuo documento di identità.

1010

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Richiedi i benefici solo se sei sicuro di averne diritto!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come compilare il modello QUIR per la richiesta del TFR in busta paga

Il 3 aprile 2015, con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, sono entrate in vigore le disposizioni del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri DPCM n° 29/2015 che trattano della possibilità, per i lavoratori dipendenti del settore privato,...
Richieste e Moduli

Cos'è e a chi spetta la mini Aspi

La "mini ASPI" è una prestazione a domanda riguardante una retribuzione a favore di quei lavoratori che hanno involontariamente perso il lavoro, o che non rientrano nelle categorie di lavoratori agricoli o dipendenti a tempo indeterminato delle Pubbliche...
Banche e Conti Correnti

Requisiti per ottenere una cessione del quinto dello stipendio

La cessione del quinto è una tipologia di prestito offerta ai pensionati e lavoratori dipendenti. Questa opportunità di credito permette di avere un prestito sicuro, senza offrire garanzie in quanto protetto da elevate coperture assicurative. Inoltre...
Richieste e Moduli

Come detrarre i figli a carico

Quando si ha uno stipendio fisso e si è in regola anche con i contributi versati, è possibile usufruire delle detrazioni fiscali, che comprendono le varie spese che avvengono in un anno all'interno della famiglia (ad esempio: sanitarie, scolastiche,...
Aziende e Imprese

Come inserire un lavoratore delle categorie protette Legge 68/99

Negli ultimi anni sono state emanate diverse normative con il fine di disciplinare le assunzioni di lavoratori appartenenti alle categorie protette. Non sempre però queste norme sono state in grado di fugare i dubbi sulle modalità di inserimento di...
Lavoro e Carriera

Aspettativa: i motivi per chiederla

Chi non ha mai pensato ad un periodo di evasione dal lavoro? Stress, noia, gravi motivi di carattere familiare o desiderio di migliorare la propria formazione aggiungendo un titolo di studio agognato ma fino ad oggi mai preso.La legge n.53 del 2000 norma...
Previdenza e Pensioni

Come richiedere l'handicap ex legge 104/92

Il settore della Previdenza Sociale dedica una particolare attenzione a coloro che necessitano di un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale e sociale a causa di un handicap grave. In particolare il cittadino...
Previdenza e Pensioni

Le principali caratteristiche del congedo parentale

Nel diritto del lavoro italiano, il congedo parentale o astensione facoltativa, è una forma di previdenza facoltativa che prevede un periodo di astensione dall'attività lavorativa per consentire al lavoratore di adempiere appieno alla sua funzione familiare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.