Come richiedere ed ottenere l'anticipo del TFR

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Ieri era la "buonuscita", oggi il "Trattamento di Fine Rapporto" (TFR): stiamo parlando di quell'importo che il lavoratore accantona mensilmente e che riceve al termine del rapporto di lavoro e può anche richiedere anticipatamente. Solo in alcuni casi specifici però puoi accedere al TFR anche durante il rapporto di lavoro, e ricevere un anticipo pari al 70% dell'importo accantonato. Vediamo allora come richiedere ed ottenere l'anticipo del TFR.

27

Occorrente

  • Possesso dei requisiti minimi
  • Richiesta scritta
  • Documentazione da allegare
37

Per ottenere l'anticipo del Trattamento di Fine Rapporto devono sussistere alcune condizioni:

- il lavoratore deve avere maturato almeno 8 anni di servizio presso lo stesso datore di lavoro;
- l’anticipazione deve essere contenuta nei limiti del 70% del trattamento spettante nel caso di cessazione del rapporto alla data della richiesta;
- l’anticipazione deve essere altresì contenuta nei limiti del 10% degli aventi titolo e comunque del 4% del numero totale dei dipendenti (nelle imprese con la misura di almeno 25 unità); in tal modo vengono così escluse dal legislatore le aziende con un esiguo numero di dipendenti.

47

Per poter essere accettata dal datore la richiesta deve essere giustificata da:
1) eventuali spese sanitarie per terapie e interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche. La straordinarietà che giustifica la concessione dell’anticipazione non deve essere intesa nel senso di rarità e di singolarità degli interventi e delle terapie, ma di complessità. La spesa può riguardare anche costi accessori, quali spese di viaggio e il soggiorno nei luoghi di cura.

2) acquisto della prima casa di abitazione per sé o per i figli, documentato con atto notarile. Il diritto all’anticipazione sussiste anche nel caso di acquisto da parte del coniuge ove viga il regime di comunione dei beni;

3) eventuali spese da sostenere durante i periodi di fruizione dei congedi parentali o per formazione del lavoratore.

Continua la lettura
57

La richiesta deve essere "scritta". Bisognerà inserire sempre nella richiesta i dati anagrafici, i dati del datore di lavoro, l'anzianità di servizio. Bisogna dichiarare inoltre di non aver mai richiesto prima altro anticipo TFR. Infine, dobbiamo specificare dettagliatamente la motivazione ed inserire un elenco dei documenti.

La documentazione da allegare varia a seconda di quale sia la motivazione per la quale stai chiedendo l'anticipo del TFR. Dovremmo allegare quindi l'atto di compravendita della prima casa o il contratto preliminare di vendita, oppure la certificazione medica su carta intesta e timbro o ancora indicare le spese che dovremmo sostenere durante i congedi di astensione facoltativa o per formazione.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prima di presentare la richiesta, verifica tutta la documentazione!
  • Non dimentichiamo la carta d'identità tra i documenti
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come richiedere l'anticipazione indennità di disoccupazione

La anticipazione dell'indennità di disoccupazione è un diritto del lavoratore, che sia stato licenziato, di richiedere all'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale la corresponsione anticipata della somma spettante al fine di favorire il disoccupato...
Aziende e Imprese

Come Contabilizzare Le Spese Per Salari E Stipendi

Una delle categorie di scritture contabili che produce, sicuramente, delle maggiori problematiche è quella riguardante le modalità per la contabilizzazione degli emolumenti da corrispondere ai lavoratori dipendenti. La finalità di questa semplice ed...
Richieste e Moduli

I principali termini di decadenza della NaspI

Fra gli ammortizzatori sociali, ossia fra le norme che vengono istituite a sostegno del reddito per coloro che rimangono accidentalmente privi di retribuzione, ricordiamo la NASPI (Nuova Assicurazione Sociale per l'impiego), in vigore dal primo maggio...
Lavoro e Carriera

TFR: termini di pagamento e mancato pagamento

Il TFR è una voce della busta paga, che rappresenta quando un dipendente lascia il posto di lavoro oppure viene licenziato e ha diritto ad una retribuzione accantonata nel tempo, definita TFR, ossia il trattamento di fine rapporto. Si tratta, in parole...
Lavoro e Carriera

Le regole sul licenziamento introdotte con il Jobs Act

Con il Jobs Act, il governo Renzi ha messo a punto una profonda riforma dei contratti di lavoro per favorire un rilancio dell’occupazione. Il Jobs Act non modifica i diritti acquisiti, cioè quelli dei lavoratori già assunti a tempo indeterminato,...
Lavoro e Carriera

Come controllare la busta paga

Per un impiegato è fondamentale saper controllare la propria busta paga. Questo documento rilasciato dal datore di lavoro comprende una serie di voci e di informazioni per il dipendente. La loro lettura informa sul calcolo effettuato per addivenire al...
Previdenza e Pensioni

Come trattare contabilmente il periodo di astensione per maternità

Le assunzioni di impiegate femminili aumentano sempre di più, come dovrebbero, ma anche i problemi non fanno che moltiplicarsi. Quando un datore di lavoro assume una lavoratrice di sesso femminile, essa avrà bisogno di un periodo di astensione dagli...
Finanza Personale

Come calcolare la ritenuta d'acconto

Sempre più spesso, nell'ambito lavorativo professionale, si sente parlare di ritenute d'acconto, ma questo argomento abbraccia quasi tutte le realtà lavorative regolari italiane in quanto è una vero e proprio anticipo di pagamento voluto dallo stato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.