Come registrare un contratto di locazione a canone libero

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il contratto di locazione a canone libero è la tipologia di contratto più utilizzata. Con questo documento si da in uso il proprio immobile destinato ai fini abitativi, dietro pagamento di una quota concordata tra le parti. Al contrario, sono regolati secondo norme ben precise i rinnovi dello stesso ed il recesso. Gli immobili interessati da questo tipo di contratto sono per lo più le abitazioni personali, e sono esclusi quelli di pregio, accatastati come A1, A/8, A/9, per i quali si rimanda al codice civile; sono inoltre esclusi gli alloggi popolari di tipo pubblico, case di villeggiatura o foresteria e tutti quelli che non sono destinati ad un uso abitativo, come ad esempio i garage. Lungo i passi di questa guida vi forniremo qualche indicazione su come registrare un contratto di locazione a canone libero.

27

Occorrente

  • Attestato di prestazione energetica; certificato di agibilità; imposta di bollo
37

Prima di optare per l'affitto dell'immobile con contratto di locazione, è necessario comprovare l'agibilità della struttura con il cosiddetto certificato di agibilità, per il quale ci si può affidare ad un geometra, che si occuperà del sopralluogo e dei rilievi. Dal comune di residenza deve essere inoltre rilasciato l'attestato di prestazione energetica, il quale ha validità per 10 anni. Senza questi documenti non è possibile provvedere alla registrazione del contratto ed è prevista un'ammenda a carico di entrambe le parti in caso di falsa o mancata dichiarazione. La dichiarazione deve essere infatti consegnata entro 45 giorni.

47

Il documento che attesta la locazione, nonché l'accordo tra le parti, deve essere redatto in forma scritta e deve contenere i dati anagrafici degli interessati, la descrizione degli ambienti, l'importo del canone concordato, la durata di locazione prevista ed i dati catastali. Questi ultimi sono fondamentali per la registrazione, entro trenta giorni, presso l'Agenzia delle Entrate sotto pagamento dell'imposta di registro stabilita. Quest'imposta è diretta e riguarda il trasferimento di un bene o una ricchezza; essa deve essere pagata per poter registrare una scrittura, sia essa di tipo pubblico o privato ed è alternativa all'IVA.

Continua la lettura
57

Per la registrazione bisogna recarsi all'Ufficio del Registro, muniti di due copie dell'atto, una delle quali viene poi restituita all'interessato con la data dell'operazione e gli estremi della registrazione stessa. In alternativa è possibile utilizzare la nuova procedura di registrazione telematica, che risulta perfettamente conforme a quella classica realizzata in sede. Nel sito dell'Agenzia delle Entrate si possono trovare tutti i dettagli riguardanti quest'ultima tipologia di registrazione.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prestate attenzione ai dati dichiarati nei contratti
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come calcolare l'imposta di registro per locazione

Di questi tempi possedere una casa potrebbe essere un investimento come anche una perdita di soldi. Chi ha uno o più appartamenti solitamente tende a volerli mettere in affitto per poter avere una rendita e pagarci le tasse con maggiore tranquillità,...
Finanza Personale

Come preparare e registrare un contratto di affitto

Se si vuole affittare un immobile è consigliabile preparare e registrare il contratto; in questo modo si ha la possibilità di poter essere tutelati da eventuali problemi che possono sorgere. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli...
Aziende e Imprese

Come rilevare e registrare i risconti attivi in partita doppia

Cominciamo col precisare che i risconti attivi sono scritture legate a operazioni economiche che si manifestano a cavallo tra due esercizi amministrativi; sono, in pratica, dei costi sospesi riguardanti alcuni fattori produttivi, in particolare servizi...
Case e Mutui

Come si stipula un contratto di affitto transitorio

Decidere se acquistare casa oppure affittarla può rappresentare spesso un grande problema, specialmente per i più giovani. La scelta, infatti, risulta spesso obbligata dalla precarietà del lavoro e dall'impossibilità di ottenere un mutuo. Talvolta,...
Case e Mutui

Contratti di locazione: quale scegliere

Se stiamo pensando di affittare un appartamento o un locale di nostra proprietà, sicuramente sapremo che per farlo dovremo stipulare con il locatario un particolare contratto attraverso il quale noi ci impegniamo a mettere a disposizione il nostro bene...
Case e Mutui

Come detrarre il canone d'affitto dal 730

Chi vive in affitto ha diritto ad alcune detrazioni fiscali Irpef. Per molti è la voce più rilevante della dichiarazione dei redditi, proprio perché la spesa incide molto sul bilancio familiare. I vantaggi offerti dalle normative sono una buona occasione,...
Richieste e Moduli

Come redigere un contratto di locazione ad uso abitativo

Come vedremo nel corso di questa guida, la normativa attualmente vigente in tema di contratti, non prevede una specifica forma obbligatoria per la redazione dei contratti. Tuttavia la legge, impone agli stipulanti l'indicazione di alcuni elementi importanti,...
Case e Mutui

Come esercitare l'opzione di cedolare secca per gli affitti

In questo articolo, che proponiamo a tutti i nostri lettori, vogliamo cercare di far capire come poter esercitare, nel modo corretto, l'opzione di cedolare secca, per gli affitti.Iniziamo subito con il dire che la materia delle locazioni può apparirci...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.