Come Parametrizzare i costi variabili al fatturato all'interno di un business plan

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Quando si redige un conto economico prospettico, ci si imbatte nella necessità di fissare il valore di alcuni costi futuri. Stabilire il valore dei costi variabili al fatturato non è un compito semplicissimo.
Nella seguente guida, passo dopo passo, vi illustreremo come parametrizzare i costi variabili al fatturato all’interno di un business plan. Poiché l’argomento richiede delle specifiche conoscenze, vi consigliamo di seguire con attenzione i consigli riportati. Vediamo dunque come fare.

25

Un business plan è un documento contabile, in cui si redige la previsione di spesa di un conto economico, dello stato patrimoniale e del Cash Flow. E’ possibile parametrizzare i costi variabili al fatturato, basandosi su alcune ipotesi. Si considerano i due fattori principali.
1) Le previsioni sull'andamento futuro dell'impresa
2) I dati storici dell’impresa stessa
I dati storici svolgono, naturalmente, un ruolo essenziale per prevedere i costi variabili al fatturato. Tramite il loro esame corretto ed appropriato, infatti, è possibile elaborare facilmente un business plan.

35

Bisogna poi ricordare che costi si dividono in due categorie:
1) Costi fissi
2) Costi variabili
Si considerano costi fissi quelle spese che esulano dalla produzione e rimangono costanti nel tempo.
Ne è un esempio affitto dei locali adibiti ad ufficio. Le spese non variano in relazione a quanto l’azienda lavora e fattura. I costi variabili, invece, derivano dalla produzione, ne sono dipendenti e variano con questa.

Continua la lettura
45

Un esempio di costi variabili sono gli acquisti di materie prime.
Al momento di redigere il business plan, l’azienda può parametrizzare i costi variabili al fatturato, considerando le spese del materiale. Come calcolare? Si dovrà semplicemente partire dai costi varabili storici dell'anno precedente. Bisogna considerare l'importo e suddividerlo per il fatturato dell’anno a cui fa riferimento. Quindi, si moltiplica il valore ottenuto per il fatturato dell’anno successivo. Qui di seguito vi illustreremo un esempio pratico che potrà esservi d'aiuto per comprendere meglio l'argomento in questione.
Fatturato 2014 = %u20AC 1.000.
Fatturato 2015 = %u20AC 2.000.
Costi di materie prime 2014 =100.
Dovete semplicemente dividere i costi delle materie prime per il fatturato dell’anno 2014.
Moltiplicate il risultato per il fatturato dell’anno 2015.
I costi per materie prime del 2015 saranno pari a %u20AC 200, ovvero 100 / 1.000 * 2.000.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

10 passi per la redazione di un business plan

Il Business Plan è un documento che viene redatto da una nuova azienda per sintetizzare ed illustrare un progetto imprenditoriale che verrà realizzato in futuro. Il Business Plan è uno studio realizzato per delineare le linee guida di un progetto,...
Aziende e Imprese

Come Calcolare Il Roi Return On Investment

ROI è l'acronimo di "Return on Investment" che tradotto dall'inglese significa "Ritorno sull'investimento". Viene utilizzato per indicare l'indice che identifica la redditività del capitale investito. Praticamente serve per capire quanto il capitale...
Aziende e Imprese

Come calcolare il fatturato annuo

Anche nella pratica, il fatturato è una delle ragioni di classificazione delle aziende, per fasce (o per classi), spesso articolato nell'indice di fatturato per addetto, ed entrambi sono elementi essenziali della valutazione dell'azienda (anche ai...
Lavoro e Carriera

Come fare un business plan semplificato in 10 punti

Un business plan è un documento che sintetizza i contenuti e le caratteristiche di un progetto imprenditoriale. Questo documento serve a far capire se la tua idea di business è realizzabile o no, è se è realizzabile spiega come si può realizzare,...
Aziende e Imprese

Come gestire un'attività commerciale

Con l'avanzare della crisi economica, riuscire a gestire in modo fruttifero un attività commerciale risulta essere sempre più difficile. Ma se da un lato i livelli di disoccupazione continuano a lievitare, dall'altro sono sempre più il numero delle...
Lavoro e Carriera

Come lavorare in un'azienda agricola

L'agricoltura è una grande risorsa per una nazione. Tradizionale e popolare, il lavoro nei campi ha fornito nei secoli grandi opportunità. L'attività molto redditizia, ha apportato cibo ed innescato scambi commerciali ancora oggi attualissimi. La modernità...
Lavoro e Carriera

10 consigli per crearsi un lavoro serio da casa

Se siete alla ricerca di un lavoro o semplicemente volete cambiare vita perché gli spostamenti casa-ufficio sono diventati estenuanti, potreste pensare ad un lavoro da fare comodamente a casa vostra. Certo, ci vogliono talento e forza di volontà, ma...
Aziende e Imprese

10 consigli per gestire la prima campagna di social marketing

Volete pubblicizzare la vostra azienda, il vostro punto vendita, la vostra attività? Allora di questi tempi non potete non pensare all'utilizzo dei social network: i social sono ormai veri e propri strumenti per farsi conoscere in lungo e in largo. In...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.