Come ottenere la licenza di venditore ambulante

di Luciano Telesco tramite: O2O difficoltà: difficile

Se si vuole aprire un'attività commerciale, bisogna tener conto diversi costi fissi come l'acqua, la luce, l'affitto e oneri fiscali. Per questo motivo, si prende la decisione di svolgere l'attività di venditore ambulante, per il quale sono necessarie alcune autorizzazioni che richiedono comunque dei costi e del tempo.

1 L'attività di venditore ambulante, sia nei mercati che nelle fiere, è disciplinata dal decreto N.114 del 1998 (riforma Bersani) la quale stabilisce che per svolgere questo tipo di lavoro è necessario una licenza, che può essere di tipo A o B. 
Quella di tipo A riguarda l'acquisizione del diritto ad avere un posto fisso in un mercato per 10 anni e, per ottenerlo, bisogna fare una domanda con marca da bollo di E 14,62 al Sindaco del Comune di appartenenza, che assegnerà il posto in un mercato (se c'è disponibilità) altrimenti bisogna aspettare la data del bando di concorso. Con tale licenza si possono effettuare i mercati nell'ambito della Regione e le fiere anche nel territorio Nazionale.

2 La licenza di tipo B è quella itinerante, nei mercati e nelle fiere e viene ottenuta inviando una lettera raccomandata con marca da bollo di E 14,62 al Sindaco del Comune, che rilascerà tale permesso entro 30 giorni. Se la persona decide di vendere prodotti NON ALIMENTARI, tale licenza è sufficiente. Invece, se vuole vendere PRODOTTI ALIMENTARI è necessario essere in possesso di uno dei seguenti documenti: iscrizione CCIAA con data e numero;  aver frequentato un corso per il settore alimentare con il numero delle ore ed il nome dell'istituto; diploma di scuola alberghiera.

Continua la lettura

3 L'attività di venditore ambulante può essere esercitata dalle ditte individuali e dalle società di persone (SAS e SNC), mentre le società di capitale non possono esercitare attività su aree pubbliche.  Inoltre, non possono esercitare attività commerciale le persone fallite o con carichi pendenti se non siano trascorsi almeno 5 anni.  Approfondimento Come avviare un'attività di vendita ambulante (clicca qui) Infine, ottenuta la licenza è necessario avere la Partita Iva, l'iscrizione alla Camera di Commercio e all'Inps.

4 Per il rilascio della partita Iva bisogna recarsi all'Ufficio delle Entrate e compilare il modulo AA9/7, consegnare la fotocopia della carta d'identità. Invece per l'iscrizione alla camera di commercio bisogna andare all'Ufficio del Registro compilare il modulo R e pagare il diritto annuale di E 90,00. Poi bisogna andare all'Inps per l'iscrizione previdenziale.

5 Oppure si può semplificare la pratica attraverso COMUNICA, che è una nuova procedura telematica che consente di compilare la richiesta con un unico modulo on-line, inoltrandola contemporaneamente a tutti e tre gli uffici (Agenzia Entrate, Ufficio del Registro ed Inps).Tale procedura però deve essere effettuata o da un caf o da un commercialista. Dopo aver espletato tutta la documentazione, si può finalmente esercitare l'attività di venditore ambulante.

Come aprire un banco al mercato Il vostro sogno è svolgere un’attività in proprio, ma pensate ... continua » Aprire un chiosco ambulante Un buon sbocco di lavoro, senza investire eccessivo denaro, è diventare ... continua » Come aprire una piadineria ambulante Le piadine sono un cibo pratico, gustoso ed economico. Molti amano ... continua » Come ottenere il rilascio della licenza sanitaria a Napoli Chiunque intende aprire un'attività artigianale o industriale di produzione di ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come aprire una tabaccheria

Senza dubbio, aprire una tabaccheria è il sogno di molti, soprattutto perché garantisce un minimo di introito giornaliero continuo. C'è da dire che è ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. ATTENZIONE: tali contributi NON possono essere in alcun modo considerati appelli al pubblico risparmio e\/o sollecitazione all’investimento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.