Come ottenere la detrazione del 36% per l'acquisto di un box auto

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La finanziaria in Italia anche quest'anno, ha rinnovato la possibilità di ottenere la detrazione del 36% e 50% per l'acquisto di un box auto. Questi incentivi in Italia sono poco sponsorizzati e le procedure per ottenerli non sono neanche tanto facili da capire. Ecco perché oggi in questa guida cercheremo di capire come ottenere la detrazione del 36% e 50% per l'acquisto di un box auto. In questo modo si avrà l'opportunità di usufruire di tutti i bonus, sapendo esattamente i requisiti minimi da possedere.

27

Occorrente

  • modello 730
  • box auto nuovo
  • documenti da compilare
  • modello detrazione
37

Una delle cose più importanti da sapere è che l'agevolazione o detrazione fiscale non spetta in caso di acquisto del box da venditore privato. L'agenzia delle entrate ha indicato mediante un nuovo modulo che non sono concesse le detrazioni a chi compra un box prima dell'atto notarile e in assenza di un contratto preliminare di vendita regolarmente registrato al Catasto. Quindi ricapitolando, se è stato depositato un acconto, la detrazione spetta in relazione ai pagamenti effettuati con bonifico solo se il compromesso di vendita è stato regolarmente registrato.

47

Per poter usufruire della detrazione box auto, esso dovrà essere pagato mediante bonifico bancario, indicando correttamente i dati, la causale del versamento per l'acquisto di un box o posto auto pertinenziale (indicato nella legge numero 449 del 97). Per essere certi che tutto venga accettato, il costruttore dovrà rilasciarci una dichiarazione sui costi di costruzione o ristrutturazione del box, segnalando sul documento i propri dati (azienda costruttrice), i dati dell'acquirente e i dati della casa. La fattura invece dovrà contenere i dati relativi ai costi di manodopera del box auto separatamente, cosi da capire esattamente i costi del lavoro e quelli da detrarre.

Continua la lettura
57

Nel rogito bisogna inserire la dichiarazione che il box sarà accatastato come pertinenza dell'appartamento. Oltre a questo si dovrà poi indicare gli estremi del bonifico bancario con cui è stato pagato il tutto. Fatto ciò si dovrà passare alla compilazione del modello 449/97 e una volta compilato inviarlo con raccomandata A/R al centro operativo entro la fine dell'anno in corso. Inoltre per chi ancora non lo sapesse ricordo che nel 2012 e 2013 la detrazione per l'acquisto del box era pari al 36% se si spendeva più di 48.000 euro. Mentre attualmente è pari al 50%, per spese sostenute che superano il limite di 96.000 euro. Il tutto inoltre è detratto in dieci rate annue di pari importo.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per quanto riguarda i documenti da compilare si può stare tranquilli. infatti, non preoccupatevi in quasi tutte le banche esistono moduli pre-compilati in merito.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come richiedere l'ecobonus per gli impianti domotici

Dal 1° gennaio 2016, per i contribuenti, è stato è stata estesa la detrazione al 65% IRPEF anche alle spese domotica. Il tutto è stato chiamato "Ecobonus spese domotica 2016".In pratica comprende tutte le spese per gli impianti domotici e i dispositivi...
Finanza Personale

Come detrarre l'irpef per le spese di ristrutturazione

Le spese di ristrutturazione degli immobili consentono, già dal 1998, di detrarne una quota ai fini del pagamento dell'irpef in dichiarazione dei redditi con il decreto sviluppo e decreto Stabilità tese alla semplificazione nella comunicazione da fare...
Finanza Personale

Come detrarre le spese di ristrutturazione

Ristrutturare un edificio comporta delle spese notevoli e in questa particolare situazione di crisi economica non è molto facile poter affrontare la spesa derivante dai lavori edili. È proprio per questo motivo che il Consiglio dei Ministri ha emanato...
Richieste e Moduli

Come detrarre l’acquisto di una stufa a pellets

Con la legge n. 208 del 28/12/2015, ovvero la nuova Legge di Stabilità 2016, le agevolazioni per l'acquisto di caminetti e stufe sono state confermate ed è stato contestualmente protratto il termine del loro acquisto fino al 31/12/2016. La detrazione...
Richieste e Moduli

Guida alle detrazioni fiscali per la sostituzione di una porta blindata

Guida alle detrazioni fiscali per la sostituzione di una porta blindata, secondo gli aggiornamenti più recenti dell'Agenzia delle Entrate. Le agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie sono in atto da alcuni anni e riguardano quei lavori di...
Richieste e Moduli

Come detrarre le spese dell'affitto

Quando si avvicina il periodo della dichiarazione dei redditi, la grande preoccupazione è quella di racimolare tutte le ricevute delle spese sostenute durante l'anno precedente, per poi metterle in detrazione. Tra queste spese possono essere messe anche...
Finanza Personale

Guida alle agevolazioni edilizie

Dato il momento di stallo economico in tutti i settori, i governi recenti, stanno tentando di rilanciare il settore edilizio in grave difficoltà. Le banche non concedono più mutui, soprattutto in assenza di solide garanzie, a copertura e molte case...
Case e Mutui

Come detrarre le spese per la ristrutturazione della prima casa

Per chi avesse un'abitazione principale e volesse ristrutturarla può beneficiare delle agevolazioni fiscali governative e usufruire di una detrazione pari al 50% su una spesa massima consentita di 96.000,00 euro (a unità immobiliare) se la ristrutturazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.