Come ottenere l'affidabilità creditizia

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'affidabilità creditizia è una valutazione, generalmente sotto forma di tabella, che la banca assegna a un determinato soggetto, sia esso individuo privato o azienda, nelle occasioni in cui questi richieda un prestito. Il rating dell'affidabilità creditizia è un concetto spesso poco conosciuto e ignorato nel nostro sistema, a differenza ad esempio di quanto accade nel sistema statunitense dove viene applicato un vero e proprio punteggio. Una maggiore affidabilità creditizia aiuta ad avere accesso al credito con maggiore facilità e per capire come ottenere un buon rating bisogna partire da alcuni basi.

27

Occorrente

  • Storico creditizio affidabile
37

Reddito

È la voce più ovvia, il reddito. Non si tratta solo di stabilire l'entità del reddito, in una sorta di gara a guadagnare più possibile. Per un istituto di credito è infatti più importante che il reddito sia stabile piuttosto che ingente. Dal punto di vista della banca un lavoratore dipendente con 14 mensilità da 1.200 euro (esempio casuale) è statisticamente un cliente migliore di un libero professionista che fattura 12.000 euro in Gennaio e poi 100 euro per i tre mesi successivi. Questo accade per tutta una serie di fattori, alcuni tangibili e "contabili" e altri più aleatori (il dipendente ha tendenzialmente meno spese esterne) ma il risultato non cambia. Per la banca conta la stabilità del reddito.

47

Precedenti

Che si tratti di una banca o di una finanziaria, essere già presenti nel loro database clienti, meglio ancora se con precedenti finanziamenti o prestiti già concessi e saldati in tempo e senza problematiche è sicuramente un grosso vantaggio perché l'ente creditizio già vi "conosce" e conosce quindi la vostra tendenza e possibilità di saldare i debiti. Ma attenzione, non si tratta solo di prestiti o finanziamenti, ci sono anche, ad esempio, le carte di credito. Alcuni provider di carte di credito mettono a disposizione in automatico lo storico creditizio di un cliente. Fa fede principalmente il saldo puntuale mensile della carta di credito.

Continua la lettura
57

Protesti

Si giunge infine al dente che duole. Si tratta della questione più importante e delicata fra quelle citate. Gli enti creditizi difficilmente concedono nuovi prestiti o finanziamenti a chi è già stato protestato, a chi ha avuto ritardi consistenti, continui o regolari sui pagamenti di debiti (che si tratti di mutui o saldo della carta di credito). Bisogna prestare molta attenzione anche agli assegni, a volte può bastare un assegno rifiutato o a vuoto, e una terza parte particolarmente zelante (chi riceve l'assegno) per finire nel "libro nero" dei protesti.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Attenzione agli assegni "a vuoto", ne basta uno per finire tra i protestati
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come funzionano i prestiti revolving

L'intricato mondo bancario può riservare diversi ostacoli. Sapersi districare al meglio è quanto mai fondamentale per le proprie finanze. In questa guida vedremo un particolare prodotto bancario molto in voga negli ultimi anni. Parliamo del prestito...
Finanza Personale

Come cancellarsi dalla CRIF come cattivi pagatori

Ultimamente molte persone fanno affidamento alla richiesta di prestiti per poter risolvere i problemi economici della propria vita. Non tutte le banche però, sono disposte a finanziare una persona, poiché gli può risultare un cattivo candidato al quale...
Banche e Conti Correnti

Storia della BCC

La Banca di Credito Cooperativo, il cui acronimo è BCC, nasce a fine ‘800; il suo scopo è quello di far fronte ai pressanti problemi di credito della società dell’epoca. Si basa sul modello tedesco realizzato da Friedrich Wilhelm Raiffeisen (fondatore...
Aziende e Imprese

Come migliorare il rating di un'impresa

In Italia sono presenti tantissime aziende, le quali sono governate da un responsabile che può avere le azioni divise con altri soci oppure le possiede totalmente; nelle aziende viene stipulato un contratto che può essere di tipologia S. R. L. (società...
Lavoro e Carriera

Come diventare mediatore creditizio

Il mediatore creditizio è un professionista che ha il compito di dirigere la propria clientela verso un finanziamento adeguato alle proprie esigenze (ad esempio un mutuo). Questa figura si relaziona continuamente con istituti creditizi per cercare di...
Lavoro e Carriera

Appunti di tecnica bancaria professionale

Tra le discipline universitarie, diciamo, più complicate ma ugualmente superabili, tramite i nostri consigli, ci sono gli Appunti di tecnica bancaria professionale. Attraverso questi appunti, cerchiamo di ripercorrere insieme le peculiarità della disciplina...
Banche e Conti Correnti

Come gestire una carta di credito

Sapere come gestire una carta di credito richiede una grande responsabilità, che a volte è difficile da controllare e fa rischiare di incappare in guai finanziari. Molte persone infatti lottano per trovare il giusto equilibrio nella sua gestione, dato...
Lavoro e Carriera

Come diventare Credit Manager

Gli sviluppi normativi in tema di rischi finanziari che stanno interessando l'industria bancaria hanno accentuato la necessità di disporre di professionisti dell'analisi del credito. I Credit Manager, in Italia sono figure di recente istituzione ma la...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.