Come ottenere il bonus di ristrutturazione

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Secondo le disposizioni della Legge di Stabilità 2016, l’Agenzia delle Entrate ha prorogato le agevolazioni riguardanti i costi energetici ed i costi di ristrutturazione. Si tratta di crediti o sconti di imposta denominati bonus energia e bonus ristrutturazione. Ai soggetti fisici o giuridici che ne fanno richiesta e ne abbiano i requisiti, questi forniscono le detrazioni fiscali IRPEF ed IRES. La domanda è possibile farla quando si ha un immobile già esistente a qualunque titolo di proprietà, dove sono avvenuti gli interventi di riduzione del fabbisogno energetico o dispersione termica. Nel caso di riqualificazione energetica, la detrazione fiscale è del 65%, mentre nel caso di ristrutturazione edilizia ed acquisto di grandi mobili o elettrodomestici, il bonus si riduce al 50%. Tali crediti o sconti di imposta sono da recuperare nell'arco di 10 anni dalla concessione. Nel seguente tutorial vediamo insieme come ottenere il bonus di ristrutturazione.

27

Occorrente

  • Bonifico bancario o postale con indicazione della causale
  • Denaro
37

Eseguire i lavori previsti nella Legge di Stabilità ed acquistare elettrodomestici e mobili

L'agevolazione fiscale prevista viene attribuita quando si effettuano interventi che aumentano il livello di efficienza energetica sugli immobili esistenti. Questi benefici vengono estesi anche quando si sostengono costi per opere di ripristino o ricostruzione delle strutture danneggiare per colpa dei disastri naturali. La detrazione fiscale da ripartire in dieci quote annuali dello stesso importo viene determinata su un importo complessivo non maggiore di 10.000€. Il contribuente residente o meno che beneficia dell'agevolazione fiscale per lavori di recupero di alloggi ed edifici può godere anche di una riduzione di imposta per comprare mobili ed elettrodomestici (come frigoriferi, congelatori o lavatrici). Quest'ultimi devono comunque risultare di classe energetica non inferiore alla A+.

47

Pagare i fornitori con bonifici bancari o postali ed inserire la partita IVA o il codice fiscale

Per ottenere il bonus di ristrutturazione, il contribuente deve eseguire i pagamenti ai fornitori con bonifici e indicando la causale del versamento. Non è possibile pagare tramite assegni bancari, denaro contante o gli ulteriori metodi esistenti. Bisogna poi inserire il numero della partita IVA d il codice fiscale del soggetto che riceve il pagamento. I costi sostenuti vanno comprovati mediante una documentazione completa. Occorre dunque conservare le ricevute di pagamento (incluse quelle di transazione completata). Bisogna inoltre tenere le fatture comprensive di causale relativa alla qualità e quantità di beni acquistati.

Continua la lettura
57

Certificare l'impatto degli interventi ed il risparmio energetico ottenuto

Bisogna anche certificare l’impatto della ristrutturazione ed il risparmio energetico ottenuto dalle opere compiute. Al termine dei lavori, è dunque necessario il controllo da parte di un tecnico qualificato. Egli dovrà redigere la relazione dettagliata sui lavori effettuati, comprensivo dell'intera documentazione (schede tecniche di apparecchiature installate, fotocopia di fatture, ecc.). Questo resoconto va spedito in modo telematico all'Agenzia Nazionale Efficienza Energetica (ENEA), entro 90 giorni dalla conclusione degli interventi. In cambio si ottiene una ricevuta da congiungere alla dichiarazione dei redditi, esibendo l'intera documentazione delle opere compiute. Ecco dunque come ottenere il bonus di ristrutturazione.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Leggere con attenzione la Legge di Stabilità dell'ultimo anno.
  • Per avere qualsiasi chiarimento, è meglio recarsi presso un Centro di Assistenza Fiscale (CAF): qui è possibile ottenere delle informazioni precise ed un'adeguata assistenza fiscale.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come detrarre il 50% per una ristrutturazione edilizia

Con il passare del tempo, cambiano le leggi e i regolamenti per la nostra vita quotidiana. Attualmente è possibile detrarre il 50% per una ristrutturazione edilizia. Ciò ci permette di risparmiare denaro e ci invoglia ad effettuare lavori in casa. Senza...
Richieste e Moduli

Ristrutturare casa: tutti gli incentivi

Se pensiamo a quello che ci aspetta in occasione dei lavori di ristrutturazione casa, ma soprattutto ai soldi che dobbiamo spendere, è facile che lo sconforto prenda il sopravvento facendoci perdere tutto l'entusiasmo. Invece ristrutturare casa è un'ottima...
Finanza Personale

Come usufruire delle detrazioni previste dal piano casa

Nel 2008 abbiamo assistito alla convalida di un sistema di norme che consentiva di ampliare, demolire e poi ricostruire gli edifici. Tutto ciò si fondava sulle leggi regionali e sui piani regolatori locali. Grazie a tali norme, si andava a beneficiare...
Case e Mutui

Come avere lo sconto per l'acquisto della prima casa

L' acquisto di una nuova casa, soprattutto per le giovani coppie, è uno tra gli ostacoli più grandi alla realizzazione di una vera e propria vita familiare. Di certo avere agevolazioni e sconti consistenti rappresenta un grandissimo aiuto. Tra gli sconti...
Finanza Personale

Consigli per calcolo del rimborso Irpef sulle spese di ristrutturazione

Le spese per le ristrutturazioni edilizie possono essere portate in detrazione dal valore reddituale su cui viene calcolato l'Irpef (imposta sul reddito persone fisiche). Un’agevolazione introdotta nel 1997 e che in seguito ha ricevuto varie modifiche,...
Finanza Personale

Come detrarre le spese di ristrutturazione

Ristrutturare un edificio comporta delle spese notevoli e in questa particolare situazione di crisi economica non è molto facile poter affrontare la spesa derivante dai lavori edili. È proprio per questo motivo che il Consiglio dei Ministri ha emanato...
Richieste e Moduli

Come detrarre l’acquisto di una stufa a pellets

Con la legge n. 208 del 28/12/2015, ovvero la nuova Legge di Stabilità 2016, le agevolazioni per l'acquisto di caminetti e stufe sono state confermate ed è stato contestualmente protratto il termine del loro acquisto fino al 31/12/2016. La detrazione...
Finanza Personale

Come detrarre l'irpef per le spese di ristrutturazione

Le spese di ristrutturazione degli immobili consentono, già dal 1998, di detrarne una quota ai fini del pagamento dell'irpef in dichiarazione dei redditi con il decreto sviluppo e decreto Stabilità tese alla semplificazione nella comunicazione da fare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.