Come organizzare l'archivio dell'ufficio

di Rita Malizia tramite: O2O difficoltà: facile

In ufficio capita spesso di essere sommersi da grandi quantità di dati cartacei che, a lungo andare, tendono ad accumularsi disperdendosi per il nostro ambiente di lavoro. In questa guida vedremo come poter organizzare in modo corretto e funzionale l'archivio del nostro ufficio, facilitando così l'accesso alle nostre pratiche ed ai nostri documenti senza perdite di tempo e fatica.

1 Per cominciare, dovremmo munirci di scaffali da ufficio, che saranno destinati a contenere i nostri documenti. La scelta degli scaffali è da ponderare in base alle nostre necessità: a lungo andare, i ripiani si riempiranno costringendoci a comprare altri scaffali se questi dovessero risultare insufficienti. Per risparmiarci quest'ulteriore fatica, ci preserveremo acquistandone di capienti e possibilmente con molti ripiani, per sfruttarli al meglio nell'archiviazione dei nostri documenti.

2 Una volta montati gli scaffali, possiamo cominciare con l'acquisto di registratori a leva che serviranno per raccogliere i nostri fogli in modo ordinato. Un aiuto nella classificazione può venire anche dai colori: scegli i raccoglitori ed i registratori con dei colori accomunabili e riconoscibili.

Continua la lettura

3 La catalogazione vera e propria dei documenti dipende dal tipo di attività che si svolge, dunque può variare di caso in caso.  In generale, saranno utili delle buste in plastica trasparente con perforazioni e dei separatori, ovvero dei cartoncini che separeranno, all'interno dello stesso raccoglitore e con colori differenti, i tuoi documenti secondo un criterio che ti soddisfa; una linguetta sporgerà sul lato e sopra potrai annotarci l'argomento.  Approfondimento Come archiviare i documenti in ufficio (clicca qui)
Si ricorda di non inserire dentro buste in plastica la carta termica (per esempio un fax): si sbiadirà nel giro di poco tempo.  È necessario dunque, prima di archiviarla, farne una fotocopia su carta.

4 Stabilito il tipo di raggruppamento che ci è più comodo, avremo delle macro-categorie (es. Nome dell'azienda cliente) che conterranno delle categorie più piccole; dovrai poi sistemare il tutto in ordine crescente (numerico o alfabetico). Se possediamo molto materiale, potrebbe essere utile fare uno schema, su un foglio di carta, di gruppi e sottogruppi. Sul dorso del raccoglitore o del registratore, ricordiamoci di posizionare un'etichetta con informazioni sul nome dell'azienda (o ditta) di riferimento e sul contenuto, sul periodo di riferimento ed eventuali codici di riconoscimento.

Come organizzare un archivio All'interno di questa guida, andremo a parlare d'archivi. Nello ... continua » Come gestire un ufficio stampa Ogni azienda, pubblica o privata, che si rispetti deve avere al ... continua » Come avere una scrivania ordinata Sicuramente, la stragrande maggioranza delle persone possiede una scrivania personale all ... continua » 5 modi per tenere in ordine un raccoglitore Se per conservare in ordine tutti i nostri documenti, intendiamo adottare ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come arredare un ufficio

Ad ognuno di noi può capitare di cambiare lavoro e quindi anche ufficio, oppure ci si può trovare nella situazione di averne uno tutto nostro ... continua »

10 cose da non fare in ufficio

Chi svolge un lavoro di ufficio trascorre prevalentemente la maggior parte delle ore della giornata assieme ai colleghi di lavoro, piuttosto che con i propri ... continua »

Come diventare assistente notarile

La figura dell'assistente notarile è una forma professionale relativamente nuova, che richiede una certa competenza e un’alta specializzazione nell’operare attivamente all’interno ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. ATTENZIONE: tali contributi NON possono essere in alcun modo considerati appelli al pubblico risparmio e\/o sollecitazione all’investimento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.