Come migliorare la performance di un'azienda

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Come ognuno che possiede un'azienda sa, non è sempre una passeggiata avere dei discreti livelli di efficienza. Spesso infatti, per i più svariati problemi, sia noi che i nostri dipendenti possiamo influire negativamente sulle performance dell'azienda. Pochi però sanno che anche piccoli accorgimenti che costano pochi sforzi, possono avere risultati ottimi nel breve e nel lungo tempo nei profitti della nostra azienda. In questa guida vedremo di occuparci, nel modo più esauriente e completo possibile per migliorare l'efficienza, offrendo vari consigli validi per la maggior parte di esse.

24

Ottenere l'appoggio di persone fidate

Migliorare la performance aziendale vuol dire semplicemente, cercare di migliorarne la gestione, i risultati dal punto di vista economico e anche l'assetto patrimoniale. Appoggiarsi al lavoro di persone assolutamente fidate da questo punto di vista può certamente essere un buon punto di partenza per garantire una buona efficienza dell'azienda stessa; dovete cercare di ottenere il miglior personale possibile, e possibilmente condividere un ottimo rapporto di fiducia e rispetto reciproco.

34

La regola d'oro della gestione di un'azienda

Per quanto concerne la fase di miglioramento dal punto di vista gestionale, la regola d'oro è certamente quella di fare sempre le scelte giuste. Ricordiamoci che il cuore della nostra azienda è rappresentato da tutti i collaboratori che ne fanno parte. Stare attenti alla produttività e alla competenza, specialmente mantenute nel tempo, è fondamentale. Dobbiamo sempre circondarci di collaboratori di valore. Valutato, infatti, ciò in cui credono gli imprenditori che stanno in "vetta" all'azienda, è necessario accostargli collaboratori che ne siano completamente in sintonia. In questo modo non si creano "intoppi" di nessun genere e si può contare seriamente su un incremento dei valori aggiunti per l'azienda e per la sua crescita.

Continua la lettura
44

Considerazioni sul personale

Non tralasciamo assolutamente nessuna figura professionale poiché ogni ruolo, all'interno di una "catena" risulta di fondamentale importanza. Una volta preso in considerazione il cosiddetto BEP (ovvero il livello di produttività necessaria), è estremamente importante fare una distinzione tra coloro che possono essere considerati collaboratori validi e quelli che, fatte le somme, non risultano particolaremente validi. Consideriamo che il collaboratore valido porta soluzioni, è veloce, prima fa e poi chiede, motiva contrariamente ad un collaboratore demotivato, aspetto molto grave se consideriamo il fatto che per lavorare al meglio è necessario un ambiente in cui la motivazione sia l'obiettivo di tutti coloro che ne fanno parte. Fatte queste considerazioni e mettendole in atto, potrete trovare un cambiamento positivo nell'azienda.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come diventare un leader

Per gestire al meglio le attività lavorative ed ottenere il massimo dei risultati, e soprattutto per avere un pieno rapporto di fiducia e stima con i propri dipendenti o collaboratori è importante essere leader nel proprio team di lavoro. Essere leader...
Lavoro e Carriera

5 modi per vivere il lavoro con passione

Come disse il celebre Darwin: "il lavoro nobilita l'uomo". Lo dimostrò un secolo e mezzo fa ed ancora oggi, in questa frase, troviamo un fondo di verità. Svolgendo un lavoro affine alle proprie qualità e gusti si riesce ad avere un rapporto diverso...
Lavoro e Carriera

5 caratteristiche del contratto a progetto

Nel lavoro a progetto il lavoratore è un collaboratore autonomo e non un dipendente. L'attività si basa, appunto, sulla realizzazione di un determinato progetto. Questa forma di lavoro flessibile sostituisce quello di collaborazione coordinata e continuata...
Lavoro e Carriera

Come convocare una riunione di lavoro

Se abbiamo da poco aperto un'azienda tutta nostra oppure l'abbiamo ereditata, per riuscire ad amministrarla nel migliore dei modi è necessario conoscere tutti quanti i compiti che si dovranno esplicare, in modo tale da evitare qualsiasi genere di problema....
Lavoro e Carriera

I ruoli del revisore contabile

Alcune delle più importanti procedure di revisione sono: le indagini presso la direzione, per acquisire una comprensione della stessa organizzazione, le sue operazioni, il reporting finanziario e la frode accertata o per errore; valutare e comprendere...
Finanza Personale

Fondi indicizzati: 5 cose da sapere

Per ogni soggetto privato od azienda che abbia a disposizione degli utili o dei capitali aggiuntivi e desideri investire, esistono oggi numerose opportunità. Una di queste è rappresentata dall'acquisto di quote di fondi comuni di investimento, strumenti...
Aziende e Imprese

Come gestire uno sciopero dei dipendenti

Le aziende più funzionali creano nei dipendenti una forte propensione al lavoro e fanno sì che essi non si sentono sfruttati. Infatti, il dipendente diventa un vero e proprio collaboratore dell'azienda. Spesso si assiste a scioperi dei dipendenti che...
Lavoro e Carriera

Consigli per formare un team vincente

Formare un team vincente è fondamentale, sia che la tua impresa sia una start up, oppure un'attività già avviata da tempo. Tra i segreti del successo di ogni azienda un posto di rilievo è occupato infatti dalle persone che vi lavorano o vi collaborano....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.