Come mettersi in regola con il catasto

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Quando si possiede un immobile oppure si è titolari di un contratto di locazione che ha subito modifiche senza che ne siate al corrente può capitare che la planimetria dell'immobile non corrisponda esattamente a quella prevista dal catasto. In tal caso urge quindi prendere provvedimenti ma non è sempre facile stare dietro a tutte le questioni della burocrazia. Ecco quindi che vi tornerà utile leggere questa guida che indica come mettersi in regola con il catasto e riuscire ad evitare per tempo sanzioni amministrative piuttosto pesanti.

25

Confrontare la planimetria col catasto

Il contratto di locazione deve contenere le informazioni riguardanti la planimetria e l'attestazione della conformità dell'accordo stesso al "Registro degli immobili" esistente nel catasto. Tutti coloro che hanno effettuato delle modificazioni al proprio immobile sono obbligati dalla legge a rivedere i dati catastali, aggiornandoli e verificandone la corrispondenza: se avrete costruito una nuova stanza oppure trasformato in locale abitabile una terrazza, ad esempio, dovrete assolutamente dichiarare tali migliorie. Considerate che rientrano nella casistica tutte quelle ristrutturazioni che hanno comportato il cambiamento strutturale dell'area d'interesse.

35

Chiedere il rilascio del permesso in sanatoria

Se invece non avete nulla di nuovo da dichiarare ma avete soltanto la necessità di mettere n regola al catasto un vecchio stabile è il caso di richiedere il rilascio di un permesso in sanatoria. Per ricevere questo permesso sarà necessario pagare una cifra che sia il doppio rispetto a quella pagata alla stipula del contratto di locazione originario. Tali principi vengono stabiliti dal comune e possono variare da un comune all'altro. Tutte le informazioni saranno reperibili presso gli uffici competenti dello stesso municipio e valgono anche per tutti gli immobili che vengono concessi in affitto. Anche gli affittuari saranno soggetti a sanzioni amministrative proprio come i medesimi proprietari.

Continua la lettura
45

Comunicare variazioni strutturali in seguito a lavori

Nel caso in cui avete fatto lavori si ristrutturazione e di ampliamento del vostro immobile senza comunicare tempestivamente la variazione sarete obbligati a rimediare il prima possibile. Per farlo sarà necessario pagare una somma di denaro che si aggiro intono ai 700 euro. Prima di apportare modifiche in maniera autonoma è molto importante rivolgere a degli esperti che si occupino di registrare tutti i dati necessari e di elaborare un nuovo piano che sostituirà quello precedente. Inoltre, è importante sapere che i lavori di ristrutturazione siano stati svolti in linea con il rispetto della normativa di legge attualmente vigente e con i dettami previsti dal comune presso il quale è ubicato l'immobile. Tutto ciò è utile affinché si possano evitare le sanzioni amministrative.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come e quando fare una nuova planimetria

La planimetria è la rappresentazione in disegno tecnico e geometrico, generalmente da fare in scala 1:500, di un qualsiasi edificio, privato o pubblico che sia. In ogni casa ci deve essere una planimetria corrispondente, prima di tutto perché questo...
Case e Mutui

Modifica della mappa catastale: 5 cose da sapere

Quando si eseguono dei lavori in casa di ristrutturazione che prevedono dei cambiamenti interni ad un appartamento, ad una villa o ad un edificio, è importante segnalare il cambiamento della mappa al catasto per evitare di beccarsi qualche multa salata....
Richieste e Moduli

Come frazionare un appartamento al catasto

Di questi tempi frazionare un immobile potrebbe rivelarsi una soluzione davvero utile dal punto di vista economico. Le recenti leggi hanno infatti abolito tutti gli oneri economici legati a questa trattazione, il che rende il frazionamento davvero vantaggioso...
Finanza Personale

Come si calcola la rendita catastale degli immobili

Il Catasto stabilisce la rendita degli immobili che possiede un proprietario. Per sapere a quanto ammonta la rendita catastale, basterà ottenere i documenti necessari e consegnarli agli uffici del Catasto. Ciò è utile per calcolare l'IMU di un immobile,...
Richieste e Moduli

Come risalire al proprietario di un immobile

I motivi per i quali risalire al proprietario di un immobile possono essere molteplici: perché si è interessati al suo acquisto, perché si vuole discutere con lui di eventuali problemi o tanti altri. Quali che siano i motivi, risalire al proprietario...
Case e Mutui

Come conoscere la categoria catastale della casa

Ogni immobile possiede un determinato "valore catastale" in relazione alla cosiddetta "rendita catastale". Si tratta di un valore piuttosto importante quando si acquista, quando vi è in gioco una successione o una cessione dell'immobile, e serve per...
Case e Mutui

Come leggere una visura catastale

La visura catastale è un documento in cui vengono riportati i dati identificativi di fabbricati e terreni regolarmente iscritti al catasto. È possibile richiederlo all'agenzia delle entrate, rivolgendosi sia agli sportelli che online. Risulta indispensabile...
Richieste e Moduli

Come richiedere una visura catastale per soggetto

Nella seguente pratica e dettagliata guida che vi consiglio di leggere approfonditamente nei passaggi successivi, vi spiegherò esaustivamente come bisogna richiedere correttamente una qualsiasi visura catastale per soggetto.Specificatamente, avrete l'opportunità...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.