Come licenziarsi da un contratto a tempo determinato

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Quando si ottiene un contratto a tempo determinato occorre visionarlo per bene. Questo è un sistema che va eseguito sempre. Per poi poter, in eseguito muoversi in base a quello che viene concordato e poi firmato. Il contratto a tempo determinato prevede sempre una scadenza di fine lavoro. Ma può succedere di volersi licenziare prima per motivi di vario genere. Per questo bisogna seguire delle regole e agire in modo corretto. Nella seguente guida vi spiego come licenziarsi da un contratto a tempo determinato.

27

Occorrente

  • Lettera di licenziamento
37

La prima cosa che va fatta è quella di rispettare i termini in materia di preavviso. Pertanto questi dipendono dai tempi relativi all'assunzione del contratto a tempo determinato. Di solito questi prevedono quindici giorni di preavviso. Mentre, se ancora siete nel periodo di prova, non è necessario avvisare. Invece, il problema sorge se lavorate già da tempo nell'azienda. Quindi, dovrete procedere diversamente e cioè avvisare il datore preventivamente. A questo punto è necessario che parlate direttamente con il vostro datore di lavoro, portandogli la lettera di dimissioni. Oppure spedendogli tutto tramite raccomandata con ricevuta di ritorno.

47

A questo punto se vi trovate sotto il periodo di prova o meno, dovrete sottoscrivere una lettera di dimissioni. Questa la dovete consegnare direttamente al vostro datore o all'ufficio del personale competente, in caso di grande azienda. Inoltre, potrete redarla sia a mano che in via telematica. Scrivendola al computer e indicando luogo e data e sottoscrivendo in prima persona la vostra decisione di licenziarvi. È bene farsi consigliare anche da un esperto legale quale può essere un consulente del lavoro. Fate attenzione a non fare errori nella lettera di licenziamento che andate a presentare. Infine, dopo averla controllata potete inviarla tranquillamente.

Continua la lettura
57

Una volta effettuata la consegna della lettera di licenziamento sarete liberi di non presentarvi più sul posto di lavoro. Il vostro contratto a tempo determinato verrà considerato decaduto e potrete quindi dedicarvi a cercare altro. In questo modo potreste avere diritto ad un risarcimento per un danno da voi subito a torto, stimato in una condizione di parità relativa all'ammontare delle retribuzioni che avreste percepito per la durata intera del contratto. Ovviamente, prima di effettuare tutti gli incartamenti valutate sempre bene la situazione, senza fare cose affrettate. Analizzando il motivo del recesso del contratto. Per poi, informarvi con delle persone esperte nel campo. Ecco come licenziarsi da un contratto a tempo determinato.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Farsi aiutare da un esperto in materia: come sindacati e avvocato esperto in cause di lavoro
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come licenziarsi da un contratto a progetto

I contratti a progetto sono delle tipologie di accordi tra lavoratori e datori di lavoro molto frequenti ma nello stesso tempo costituiscono dei contratti che non danno molte garanzie al lavoratore che presta servizio presso l'azienda a tempo determinato...
Lavoro e Carriera

10 motivi per licenziarsi

Il lavoro è una parte fondamentale della vita dell'uomo. Infatti il lavoro non è necessario solo alla sopravvivenza ma anche per sviluppare le proprie passioni e passare del tempo. A volte, sfortunatamente, il lavoro si trasforma in una grande sofferenza....
Lavoro e Carriera

Lavoro: come difendersi dal mobbing

Il termine "mobbing" deriva dal verbo inglese "to mob" che significa assediare, attaccare. Con mobbing, infatti si intendono tutti quegli atteggiamenti, sia pratici che psicologici, che tendono ad isolare, mettere in difficoltà ed a disagio una persona...
Lavoro e Carriera

10 motivi del lavoro part time

Con lavoro part time si intende un contratto che prevede un numero di ore inferiore alle 40 settimanali previste per un full time. Ovviamente anche la retribuzione risulta essere inferiore. Tuttavia non sempre si tratta di un ripiego, perché esistono...
Lavoro e Carriera

Licenziamento e dimissioni

Per estinguere un rapporto di lavoro, è necessario che entrambe le parti cioè sia il datore di lavoro che il dipendente, recedano da un rapporto lavorativo con un licenziamento o con delle dimissioni. Tutte e due le cose, sono disciplinate con le leggi...
Lavoro e Carriera

Dimissioni del lavoratore: il principio di libera recedibilità

Il lavoro è una delle attività più importanti per la vita di ogni persona ma, sebbene ci si trovi in un periodo di profonda crisi economica, può capitare di voler smettere di lavorare, o di cambiare lavoro. In ambedue i casi, la legge prevede il diritto...
Lavoro e Carriera

Come dare le dimissioni senza preavviso

Anche in controtendenza alle vicissitudini lavorative e alla carenza di occupazione nel nostro Paese è possibile che abbiate necessità di dare le dimissioni dal vostro impiego lavorativo. Tuttavia queste condizioni possono essere eluse o ignorate quando...
Aziende e Imprese

Come trattare in contabilità l'indennità di preavviso

Oggi parleremo di contabilità e di indennità di preavviso, in questa guida. Come voi lettori e lettrici -probabilmente- ben saprete, l’istituto del preavviso tutela il soggetto che, all'interno dell’ambito del recesso di un contratto di lavoro a...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.