Come interpretare il rating dei titoli di Stato

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Il rating o classificazione, è un metodo utilizzato per la valutazione dei titoli di Stato in base al loro rischio finanziario. Le valutazione del rating vengono effettuate da apposite agenzie di rating. In questa guida, in particolare, vedremo come fare per riuscire ad interpretare correttamente il rating dei titoli di Stato.

25

Parliamo dei rating dei titoli a lungo termine, ovvero quelli che hanno una durata di circa 12 mesi, tenendo conto delle due maggiori agenzie di credito: Standard&Poor's e Moody's. D'ora in poi chiameremo S&P la prima per brevità; partiamo dalla categoria: quella dell'Investimento, occupiamoci subito del rating AAA di S&P, cioè elevata possibilità di rimborso e solidità mentre per Moody's abbiamo la Aaa che significa rischio di perdite del capitale minime. Passiamo alla AA di S&P: elevata possibilità di rimborso, poca differenza con la tripla A anche se rappresenta una piccola discesa, per Moody's vi è la Aa è comunque indice di alta rimborsabilità ma con qualche rischio maggiore. Il grado A di S&P indica comunque una certa solidità nei pagamenti degli interessi sul capitale, ma una leggera debolezza legata a circostanze sfavorevoli che si potrebbero verificare, invece per Moody's la stessa lettera ha quasi lo stesso significato della categoria precedente, con un rischio leggermente più elevato di perdita degli interessi sul capitale.

35

Passiamo alla lettere BBB di S&P che indicano una certa solidità che persiste, ma è appena sufficiente e il rischio sale; Moody's adotta questo indicatore: Baa, per indicare una certa sicurezza temporanea, ma in futuro le cose potrebbero mutare. Quindi abbiamo ora il rating BB di S&P: garanzia sufficiente, ma grande fragilità nel futuro, mentre Moody's adotta la dicitura Ba, garanzia ancora buona ma grande incertezza in caso di condizioni avverse. L'ultimo gradino del rating (B) per S&P denota alta vulnerabilità a situazioni economiche sfavorevoli, per Moody's se i titoli di stato ottengono il grado B, è sconsigliabile investire nel lungo temine. Dalle lettere BBB alla D passiamo ad una tipologia di investimento chiamata Speculativa.

Continua la lettura
45

Occupiamoci ora del grado CCC di S&P: estrema vulnerabilità, possibile insolvenza degli interessi, Moody's indica questo rating con le lettere Caa che indica i bond di bassa qualità e capitale a rischio. Scendiamo ancora con il rating CC di S&P, differisce poco dalla prima categoria ma rappresenta un valore ancora negativo, quindi per Moody's che adotta le lettere Ca per sottolinearne l'insolvenza quasi totale e perdite sicure. In fondo alla scala abbiamo il grado C comune per S&P e Moody's, cioè probabilità scarse di insolvenza e rendite basse, quindi l'ultimo rating disponibile per S&P (ovvero D) denota la totale insolvenza.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se notiamo simboli come +, -, 1, 2, 3 dobbiamo intenderli come indicatori accessori che precisano le posizioni del rating

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come calcolare il rating di un'azienda

Sicuramente, il termine rating l'abbiamo sentito spesso negli ultimi anni. Influisce sulle economie degli Stati, sulle quotazioni in borsa e su altri fattori economici. Sostanzialmente è l'indicatore dell'economia moderna per misurare l'affidabilità...
Banche e Conti Correnti

Come calcolare il rating bancario

Il rating bancario rappresenta un tipico strumento che consente di controllare, in maniera costante, il livello dei titoli obbligazionari e gli eventuali rischi a carico delle imprese. Generalmente il valore di questo parametro viene espresso in lettere....
Finanza Personale

Finanza: come scegliere il miglior investimento obbligazionario

Tentare un investimento, soprattutto se si tratta di obbligazioni, potrebbe essere una cosa abbastanza rischiosa. Sopratutto se non si conoscono i fattori da prendere in considerazione. La finanza è un mondo davvero vasto. Di seguito, cercherò di aiutarvi...
Aziende e Imprese

Come migliorare il rating di un'impresa

In Italia sono presenti tantissime aziende, le quali sono governate da un responsabile che può avere le azioni divise con altri soci oppure le possiede totalmente; nelle aziende viene stipulato un contratto che può essere di tipologia S. R. L. (società...
Finanza Personale

10 cose da sapere sulle obbligazioni

Il mercato finanziario è un mondo ai più sconosciuto e pieno di pericoli. Lo scopo di questa guida è quello di avvicinare gli individui non proprio esperti in materia, al più specifico mercato delle obbligazioni. Vediamo, quindi, le 10 cose da sapere...
Finanza Personale

Come garantire il proprio credito

Al giorno d'oggi sia per i privati che per le imprese, diventa sempre maggiormente difficile garantire il credito proprio. Tutto questo a causa della crisi economica che incide sia sul salario del dipendente che a volte si riduce a zero, in caso di licenziamento,...
Finanza Personale

5 cose da sapere sulle obbligazioni subordinate

All'interno del panorama finanziario, ci sono diverse tipologie di titoli, aventi caratteristiche tra loro differenti. Tra questa moltitudine di tipologie, esistono anche le obbligazioni subordinate, che saranno l'oggetto della nostra guida. Infatti,...
Finanza Personale

Come investire nei fondi etici

Gli investimento sono l'anima del sistema economico in cui viviamo. Purtroppo però, quando facciamo un investimento generico, non sappiamo mai se indirettamente andiamo a finanziare delle multinazionali senza scrupoli, oppure delle fabbriche di armi....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.