Come iniziare al meglio l'anno lavorativo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

All'interno della presente guida, come avrete già compreso attraverso la lettura del titolo che contraddistingue l'argomento principale della guida stessa, andremo a parlare di lavoro. Nello specifico, ci concentreremo su Come iniziare al meglio l'anno lavorativo.
Sembrerà davvero banale, ma alcuni consigli per riuscire a prendere per il verso giusto un nuovo anno lavorativo che arriva è quello di cogliere i risvolti positivi che esso potrà mostrare nello sviluppo della nostra vita di tutti i giorni.

26

Un principio cardine è il volersi migliorare.
Questa volontà nasce come una necessità per qualsiasi lavoratore, non solo se come occupazione si ha un'attività personale avviata. Per migliorarsi serve porsi degli obiettivi nuovi, che però devono essere raggiungibili, ben calibrati. Il miglioramento dovrà toccare tutti quegli aspetti che non ci hanno soddisfatto nell'anno precedente, e che riteniamo possano essere migliorati attraverso un maggior impegno e una maggiore preparazione personale.
Senza nuovi obiettivi, ogni anno lavorativo che passa sarà esclusivamente il nastro di un film già visto, e ci porterà alla monotonia, facendoci seriamente rischiare di entrare inconsciamente in uno status personale di appagamento, che è l'anticamera del basso rendimento, con tutte le conseguenze lavorative e extra lavorative che potrebbero verificarsi in questo caso.

36

Abbassa il tuo livello di stress.
Lo stress accompagna qualsiasi lavoratore che abbia a cuore il proprio operato. Molto spesso, senza prestarci attenzione, andiamo a crearci noi i presupposti per alimentare questo stress, creandoci un ambiente lavorativo pieno di confusione. Per questo, un buon proposito per l'anno lavorativo che sta per cominciare, è quello di stare molto attenti a tenere ben ordinato il nostro ambiente lavorativo, specialmente per chi lavora in ambienti come gli uffici. Quella mole stratosferica di documenti, accumulati tra loro sopra le scrivanie, senza un dovuto ordine creano solamente panico e confusione, alimentando il nostro stress lavorativo. Questo succede perché il nostro cervello lavora per immagini mentali, e se noi riproduciamo il caos nel nostro ambiente lavorativo, alimenteremo sempre di più lo stress una volta giunti in sede lavorativa.

Continua la lettura
46

Trova del tempo per te.
Sì, questo è obbligatorio, perché noi non siamo nati per lavorare, ma siamo nati anche per lavorare. Il lavoro non è tutto, e se non riuscissimo a trovare degli svaghi esterni, anche una volta chiusa la giornata lavorativa, non faremmo altro che continuare ad analizzare nella nostra testa ciò che è accaduto a lavoro, senza ottenere un effettivo distacco tra una giornata lavorativa e l'altra.
Fate sport, vi aiuterà a ottenere questo distacco ed a sentirvi meglio da svariati punti di vista, il che non potrà che giovare con il vostro rendimento lavorativo.

56

Guarda il video

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Mansioni e qualifiche nel pubblico impiego contrattualizzato

Dal 1993 e negli anni a seguire, relativamente alle discipline che regolano il rapporto di lavoro nel mondo delle pubbliche amministrazioni, si sono riscontrati dei grandi cambiamenti. Fino ad allora, infatti le normative che riguardavano tale rapporto...
Aziende e Imprese

10 accorgimenti per migliorare la sicurezza sul lavoro

Ogni anno, più di 2 milioni di lavoratori sono vittime di incidenti fatali che avvengono sul posto di lavoro; 153 sono invece le persone che ogni 15 secondi finiscono per farsi male in modo più o meno serio, all'interno del proprio contesto lavorativo....
Lavoro e Carriera

10 errori da non commettere sul posto di lavoro

Da anni, quasi tutti gli italiani vivono in condizioni non volute dalla loro volontà e con la paura di non poter mantenere in parte o, in tutto se stessi e la rispettiva famiglia. Questo gravissimo malessere si è creato per la forte crisi economica,...
Lavoro e Carriera

10 regole per lavorare meglio

Il lavoro è una di quelle attività che accompagnano l'individuo per tutta la vita. Generalmente si studia per poter scegliere successivamente la professione che piace di più. Non sempre però si riesce ad assecondare le proprie ambizioni e talvolta,...
Lavoro e Carriera

Contratto part time : 5 vantaggi

Durante un momento storico di particolare crisi economica, è inevitabile ritrovarsi alle prese con una grave crisi del lavoro la quale coinvolge, in primo luogo, i giovani ed i giovanissimi, appena giunti nel mondo del lavoro con la difficoltà di riuscire...
Lavoro e Carriera

10 consigli per vivere serenamente un cambiamento lavorativo

Spesso, quando qualcosa fa parte della nostra vita da tempo, un cambiamento improvviso di quello a cui siamo abituati, che può avvenire per una ragione o per un'altra, può generare ansia e preoccupazione. Certamente, questo avviene se sappiamo che siamo...
Lavoro e Carriera

Selezione del personale: 10 consigli da seguire

Trovare un lavoro è diventata un'impresa e trovare un buon team lavorativo lo è ancora di più! Viviamo in un momento di crisi economica e aprire un'attività propria diviene un grosso rischio. Date queste premesse bisogna scegliere con lucidità il...
Lavoro e Carriera

Tirocini: come e dove ricercarli

Dopo avare conseguito la laurea in materia di interesse, al fine ottenere un bagaglio di esperienze lavorative e per evolvere le qualità nel campo lavorativo, il neolaureato dovrà conseguire il tirocinio. Il contratto prevede un'assunzione temporanea,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.