Come Impostare Una Fattura Per Lavori Di Traduzione

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Se siamo proprietari di una attività, sicuramente ci sarà già capito di dovere emettere una fattura in che varia in base al servizio emesso. Su internet, comunque, potremo trovare molto facilmente tantissime guide che ci mostreranno come fare per emettere correttamente una fattura, indicandoci tutti i vari campi che dovremo compilare. In questo modo, sopratutto se abbiamo iniziato da poco a svolgere il nostro lavoro, potremo capire molto facilmente come compilare una fattura senza correre il rischio di commettere degli errori che possano causare problemi fiscali. Se non riusciamo a comprendere perfettamente tutti i passaggi, è sempre meglio rivolgerci al nostro commercialista di fiducia. Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire ad impostare una fattura per lavori di traduzione.

26

Occorrente

  • carta e penna
36

Ci sono sostanzialmente due aspetti principali da chiarire quando si decide di accettare un lavoro di traduzione. Il primo è quello di stabilire il prezzo a cartella e il secondo è definire cosa si intende per cartella. È bene sapere che esistono diversi formati per questa unità di misura, ma in linea di massima una cartella corrisponde a un testo da 1500 caratteri comprendendo anche gli spazi.

46

Il lavoro ovviamente dovrà essere pagato sulle cartelle da noi tradotte e non su quelle originali. Infatti potrebbero verificarsi delle belle differenze di lunghezza, come per esempio, traducendo dal tedesco, lingua piuttosto prolissa e con parole lunghe, o dall'inglese, molto più concisa.

Continua la lettura
56

Al momento di fatturare se siamo in possesso di partita IVA procederemo nel seguente modo: usiamo lo strumento conteggio parole di Word, o applicazioni simili per altri sistemi e prendiamo il valore "spazi inclusi". Poniamo ad esempio che il lavoro sia di 15678 battute, dovremo dividerle per 1500 e otterremo 10,452 che sono le nostre cartelle, questo valore va moltiplicato per il prezzo pattuito per cartella e otterremo il prezzo lordo finale a cui aggiungeremo il 4% del DL 295/96 e il 20% dell'IVA, al valore ottenuto va sottratto infine il 20% di ritenuta d'acconto ed ecco il netto che riceveremo.

66

Se non abbiamo partita IVA potremo fatturare fino ad un massimo di 5000 euro l'anno e non potremo lavorare per più di 30 giorni per uno stesso committente. Se non supereremo questi limiti il nostro lavoro rientrerà nella categoria delle prestazione occasionali. Una volta eseguito il lavoro faremo gli stessi calcoli spiegati sopra e cioè: numero di battute spazi inclusi / 1500 x prezzo per cartella. Il valore ottenuto è da considerarsi lordo da cui dovremo sottrarre il 20% della ritenuta d'acconto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come fatturare gli acconti ricevuti dai clienti

Chiunque possegga un'attività autonoma deve vedersela con tediosi aspetti burocratici e contabili. Quest'ultimi in particolare, sono fondamentali per mandare avanti l'attività senza intoppi e senza beghe che si ripercuotano sulle proprie finanze. Per...
Lavoro e Carriera

Come compilare e ordinare correttamente una fattura

Tutti i soggetti fiscali hanno l'obbligo di emettere la fattura, un documento che dimostra l'avvenuta cessione di beni o la prestazione di servizi. Il soggetto venditore ha l'obbligo di compilare correttamente questo documento per poi ottenere il diritto...
Finanza Personale

Come fatturare con il regime dei minimi

L'articolo 1 commi 54-59 della Legge di Stabilità ha introdotto un nuovo regime contabile applicabile ai lavoratori autonomi con partita Iva. Sebbene non sia obbligatorio e si possa scegliere il regime semplificato o quello ordinario, è bene conoscere...
Richieste e Moduli

Come Ricavare A Ritroso I Dati Di Una Parcella Usando Un Foglio Di Calcolo

Spesso capita di negoziare una prestazione, senza essere a conoscenza di quanto ci si ritroverebbe in realtà in tasca, oppure di ricevere un pagamento e dover compilare la fattura. Usando un foglio di calcolo ed un paio di formule, si può creare un...
Lavoro e Carriera

Come compilare una fattura per una prestazione occasionale

Alcuni individui effettuano prestazioni lavorative occasionali che non raggiungono valori di fatturazioni elevati, tanto da obbligare all'apertura della partita IVA, in questi casi generalmente si ricorre alla fattura per prestazione occasionale la quale,...
Lavoro e Carriera

Come scrivere una fattura

Prima di spiegare l'esatta procedura su come scrivere una fattura, iniziamo col spiegare cos'è l'IVA. Essa è un'imposta sul consumo indiretta, istituita nel 1972 in Italia, regolata con il decreto IVA 2006 che ha praticamente sostituito l'imposta generale...
Finanza Personale

Come fatturare un rimborso spese

Se fate parte di quella categoria di lavoratori che hanno diritto al rimborso spese, ovvero di parte dei costi che lo stesso ha anticipato per conto del proprio datore di lavoro, allora vi interesserà sapere come fatturare un rimborso spese. Per esepuo...
Aziende e Imprese

Come registrare una fattura di un professionista

I soggetti interessati all'emissione di fatture e parcelle sono moltissimi, tutte queste figure abitualmente si definiscono “professionisti”. In queste rientrano tutti gli individui dotati di un Albo Professionale come per esempio: notai, avvocati,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.