Come illuminare la vetrina di un negozio

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'obiettivo che dovrete raggiungere è quello di rendere ben visibile la merce anche a determinate distanze. Generalmente vengono inseriti valori pari a 500 lux, ma occorre distinguere ciò che viene esposto per essere visto da lontano e ciò che invece, viene osservato da vicino: per le distanze maggiori è necessario incrementare i lux portandoli a 1000 o addirittura anche a 1500.
Ecco come illuminare correttamente, in maniera sbrigativa e investendo pochi soldi la vetrina di un qualsiasi tipologia di negozio.

27

Occorrente

  • Varie tipologie di LED
37

Qualità dell'illuminazione

Un fattore fortemente rilevante per la qualità dell'illuminazione è dato dalla tonalità assunta dalle fonti luminose. Esse, se sono correttamente bilanciate, riescono a mettere ottimamente in risalto le varie sfumature delle diverse colorazioni dei prodotti esposti in vetrina. Occorre che vengano sprigionate da una precisa miscela di raggi cromatici, i quali devono contenere l'intera gamma dei colori definiti "naturali": rosso, arancione, giallo, verde, azzurro, blu e viola.

47

La temperatura del colore

Tramite la grandezza fisica conosciuta come "temperatura di colore", vengono identificate le composizioni tipiche delle radiazioni cromatiche: per riportare un esempio, una temperatura di 3000 o 3200 K (kelvin), caratteristica delle lampade alogene, è una tonalità definita "calda": questo perché le radiazioni cromatiche che appartengono al rosso, arancione e giallo sono maggiormente potenti di quelle che restano all'interno dello spettro elettromagnetico.

Continua la lettura
57

Punti luce

La merce preziosa o comunque molto costosa, per essere maggiormente protetta dai furti, viene solitamente esposta in spazi maggiormente distanti rispetto a elementi più vicini al vetro, ma risulta anche meno visibile: si dovrà quindi guidare con sapiente strategia lo sguardo di chi osserva, magari applicando piccolissimi e tenui punti-luce (ricordate però che non devono mai infastidire il pubblico) con particolari sfumature, in maniera tale che ad un primo colpo d'occhio verranno notati anche gli oggetti posti su ripiani più interni.

67

Conclusione

È di fondamentale importanza dare al vostro negozio una linea caratteristica, un aspetto che lo distingua da altri del medesimo genere, progettandone ogni particolare con cura e pensando alla clientela di riferimento. L'illuminazione è un ''arma" necessaria, infatti è la principale per catturare l'attenzione dei potenziali clienti. Un grande ostacolo può essere rappresentato sia dai riflessi sul vetro causati dal chiarore del giorno, sia dalle tinte scure delle merci.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Attirare l’attenzione dei passanti e invogliarli a fermarsi per ammirare i prodotti.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come progettare la vetrina di un negozio

La vetrina è il biglietto da visita di un negozio. Ammettilo, quante volte ti sei soffermato davanti ad una vetrina, catturato da una bella torta? Per un pasticciere non dev'essere difficile attirare un discreto numero di persone davanti al suo negozio,...
Aziende e Imprese

Come allestire la vetrina di una profumeria

La vetrina rappresenta il biglietto da visita di un negozio. Essendo il primo punto di incontro con il cliente di un esercizio commerciale, essa risulta essere fondamentale per il successo del negozio stesso. Proprio per questa ragione, è opportuno dedicare...
Aziende e Imprese

Come allestire una vetrina per Pasqua

Pasqua rappresenta, insieme al Natale, una delle feste più importanti dell'anno. Ambedue provengono dalla religione cattolica, legate alla nascita e alla morte di Gesù. Durante il periodo pasquale, le vetrine dei negozi e gli scaffali dei supermercati,...
Aziende e Imprese

Consigli per la progettazione delle vetrine di un negozio

La gestione di un'attività commerciale comporta davvero tante incombenze, dalla selezione dei fornitori all'aggiornamento del magazzino alla tenuta della contabilità. Per i negozianti che hanno anche un affaccio su strada, e che sono interessati ad...
Aziende e Imprese

Come allestire la vetrina di una farmacia

La vetrina di una farmacia, come quella di qualunque negozio, rappresenta il biglietto da visita e serve da stimolo per invogliare i clienti ad entrare e ad acquistare i prodotti che si trovano all'interno. Non sempre è facile eseguire l'allestimento...
Aziende e Imprese

Consigli per la scelta del bancone di un bar

Avete l'animo da barista e volete lanciarvi all'avventura aprendo una nuova attività, oppure siete già nel settore ma volete dare una rinnovata al punto di massima importanza nel vostro bar, nonché il bancone, ottimizzandone l'aspetto e gli spazi?...
Aziende e Imprese

Allestimento vetrine: come attirare i clienti

Una vetrina creativa e fantasiosa può rivelarsi una valida strategia di marketing efficace e poco costosa per la propria attività commerciale. Pertanto realizzare vetrine accattivanti e che siano in grado di attirare i clienti può rendere la propria...
Aziende e Imprese

Come creare un negozio e-commerce online

Il commercio elettronico, ovvero la vendita di beni o servizi attraverso la rete Internet, non conosce crisi, anzi registra notevoli incrementi di volumi e di fatturato. Per questo motivo è largamente consigliato aprire al più presto una vetrina di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.