Come gestire uno sciopero dei dipendenti

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Le aziende più funzionali creano nei dipendenti una forte propensione al lavoro e fanno sì che essi non si sentono sfruttati. Infatti, il dipendente diventa un vero e proprio collaboratore dell'azienda. Spesso si assiste a scioperi dei dipendenti che causano situazioni di scissione e incomprensione con i capi. Vediamo come si può gestire uno sciopero dei dipendenti trovando dei modi che garantiscono sia benessere e prosperità all'azienda che reciproca intesa.

24

I motivi

Vari sono i motivi per i quali i dipendenti possono scioperare. La prima cosa è eliminare la parola dipendente e sostituirla con quella di collaboratore. I dipendenti spesso amano mettersi in gioco per la propria azienda e non vogliono essere sfruttati. Lo sciopero è una forte tensione interna; i dipendenti si sentono negare un proprio diritto o un po' di libertà ed insorgono con manifestazioni che è meglio evitare.

34

Un capo-leader

Sicuramente in ogni azienda ci può essere un valido capo-leader ben disposto al dialogo con i propri collaboratori. L'azienda è infatti una creazione che ha bisogno di essere stabile e di prosperare; scioperi inutili non servono e non è utile nemmeno far arrivare i collaboratori a delle situazioni estreme che portano a scioperare. Per placare lo sciopero è indispensabile la buona volontà, l'arte del dialogare, ma soprattutto quella dell'ascoltare che può dare all'azienda delle grandissime soddisfazioni. Nelle aziende di successo i dipendenti si sentono parte integrante dell'azienda e sono contenti per il suo benessere e per la sua crescita. Comunque se i dipendenti scioperano ci sono delle misure che si possono adottare per garantire il benessere di tutti.

Continua la lettura
44

Stress e tensione

Quando si è di fronte ad uno sciopero non bisogna mai opporsi con la forza; è una situazione di stress e tensione causata da un clima di oppressione. Opprimere non serve in quanto può essere lo stress ed il malumore la causa del calo della produzione. Bisogna placare uno sciopero parlando con il leader; egli è la figura di riferimento da cui si sentono ascoltati e valorizzati. Un abile capo d'azienda deve cercare il dialogo con il leader dei dipendenti. Avere un ottimo capo-leader che discute dei problemi e dei malumori dà prova ai dipendenti di trattarli con il dovuto rispetto. Il dialogo è il mezzo più idoneo per gestire uno sciopero. Si può creare all'interno dell'azienda un consiglio con i rappresentanti dei dipendenti per evitare di portare lo sciopero a situazioni drastiche.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come organizzarsi in caso di sciopero mezzi

La vita delle persone negli ultimi anni, sull'intero pianeta, è sempre più frenetica a causa dei ritmi troppo incessanti dovuti ai nostri impegni personali e lavorativi. Dunque, per muoversi con più semplicità, senza usare l'automobile, si preferiscono...
Aziende e Imprese

L’organizzazione sindacale e l’autotutela collettiva: i principi fondamentali

I sindacati sono degli enti che si occupano della tutela dei diritti dei lavoratori durante il loro rapporto di lavoro. Se siamo molto interessati a questa particolare tematica e ci piacerebbe approfondirla maggiormente, non dovremo fare altro che ricercare...
Lavoro e Carriera

I principali diritti del lavoratore subordinato

La legislazione prevede la tutela dei lavoratori dipendenti per garantire loro un corretto rapporto con il datore di lavoro. Il lavoratore ha una posizione di inferiorità rispetto a lui ed è fondamentale quindi che le leggi regolamentano il rapporto...
Lavoro e Carriera

Le regole sul licenziamento introdotte con il Jobs Act

Con il Jobs Act, il governo Renzi ha messo a punto una profonda riforma dei contratti di lavoro per favorire un rilancio dell’occupazione. Il Jobs Act non modifica i diritti acquisiti, cioè quelli dei lavoratori già assunti a tempo indeterminato,...
Lavoro e Carriera

Assenza da lavoro: le conseguenze

Lo statuto dei lavoratori, tra i vari diritti e doveri, prevede anche alcune specifiche clausole per quanto riguarda l'assenza dal luogo di lavoro. Se infatti un dipendente non si reca al lavoro per una nevicata, uno sciopero improvviso dei mezzi pubblici...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare le detrazioni da lavoro dipendente

I contribuenti che producono dei redditi da lavoro dipendente possono, in base di dichiarazione dei redditi, detrarre l'irpef. Non si procede a nessuna riduzione in caso di sciopero o di contratto part-time. Vediamo insieme questa semplicissima guida...
Richieste e Moduli

Bagaglio smarrito o danneggiato: come chiedere il risarcimento

Organizziamo un viaggio nei mini dettagli, per sfortuna si smarrisce il proprio bagaglio. Questa evenienza non è rara, ma ci lascia disorientati. Siccome è una cosa che può succedere conviene mettere nel bagaglio a mano (un borsone o un piccolo trolley)...
Lavoro e Carriera

Job sharing: cos'è

Con l'attuale crisi che sta affliggendo più o meno tutti i paesi del mondo, negli ultimi anni il mondo del lavoro è stato più volte riformato. E non sempre è facile destreggiarsi agevolmente fra contratti, licenziamenti, contrattazione collettiva....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.