Come gestire una carta di credito

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Sapere come gestire una carta di credito richiede una grande responsabilità, che a volte è difficile da controllare e fa rischiare di incappare in guai finanziari. Molte persone infatti lottano per trovare il giusto equilibrio nella sua gestione, dato che essa crea l'illusione di essere in possesso di una quantità di denaro illimitata. Vediamo allora, in questa guida, come gestire una carta di credito.

28

Occorrente

  • Senso di responsabilità
  • Equilibrio nella gestione
38

quantifica il numero di carte da avere

Apri ed attiva un numero limitato di carte di credito a tuo nome. Se non hai particolari esigenze, te ne basteranno un paio: una per le emergenze e l'altra per pagare le spese mensili. Portane con te solo un tipo per volta, quando sei sicuro che avrai la necessità di utilizzarla. Questo accorgimento dovrebbe aiutarti a evitare le tentazioni.
Tieni traccia di tutte le tue erogazioni, sia facendo il saldo mensile che registrandole in forma scritta. Segui questa regola anche per liquidazioni che ti sembrano irrisorie. Solitamente sono proprio queste che creano danni poi difficilmente riparabili.
Spendi solo quello che ti puoi permettere di rimborsare entro un mese o due. Quando effettui il versamento minimo mensile all'istituto di credito, verifica di non avere in atto nessun tipo di debito e che il conto non scenda al di sotto del tetto minimo. In tal caso, evita nel modo più assoluto di fare spese superflue con questo mezzo di pagamento.

48

determina il livello di debito

Determina il tuo personale livello accettabile di debito. La maggior parte delle istituzioni finanziarie considerano ragionevole un rapporto debito-reddito del 20-25%, il che significa che la quantità di denaro dovuto corrisponderà ad un quarto del suo reddito annuale.
Smetti di usare la carta di credito se superi tale soglia, oppure aspetta fino a quando il saldo raggiungerà nuovamente un livello gestibile.
Discuti con il tuo consulente personale le novità e le opportunità dei diversi piani di offerta creditizia, valutando le eventuali opportunità con tassi di interesse più bassi o rinunce di carico penale per i ritardi di pagamento. Se il tuo credito è buono, gli Enti saranno ben disposti a negoziare i dettagli del contratto piuttosto che perdere un cliente.

Continua la lettura
58

carta di credito senza quote annuali

Richiedi una carta di credito che non disponga di una quota annuale e che offra premi o ricompense ai membri. Non solo non si dovrebbe pagare per il privilegio di appartenenza, ma si dovrebbero ottenere dei bonus per essa.
Leggi accuratamente le dichiarazioni mensili per assicurarti che tutte le clausole siano attive ed autorizzate per l'importo corretto e non siano soggette a tasse impreviste.

68

carta di credito ricaricabile

Se vuoi essere sicuro di non andare oltre il budget prefissato, puoi optare per una carta di credito ricaricabile, che ti permetterà di spendere solo la cifra che effettivamente è presente sulla carta. Ciò significa che, se vorrai andare oltre il credito non ti sarà concesso e la transazione verrà considerata nulla. Ottimi alleati contro lo sperpero, ma hanno degli aspetti negativi da non sottovalutare: i costi di attivazione e gestione sono particolarmente elevati, gli addebiti delle spese vengono fatti spesso e volentieri in ritardo e devi recarti all'istituto di credito ogni volta che devi ricaricarla. Anche questo, tra l'altro, ha un costo.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Controllate a cadenza settimanale le vostre spese per non sforare il tetto
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Carta di credito e carta di debito: differenze

Le carte di credito e quelle di debito ci permettono di avere accesso ai nostri risparmi, senza dover portare in giro soldi contanti. Questa grande innovazione ci aiuta a gestire al meglio le nostre risorse economiche e si possono utilizzare praticamente...
Case e Mutui

Come calcolare la rata del mutuo in base allo stipendio

Hai deciso di acquistare casa ma ti spaventa l'idea di un mutuo troppo elevato? Hai alcuni dubbi sui parametri utilizzati dalle banche per calcolare tale rata, in base al tuo stipendio? In questo articolo troverai tutte le informazioni necessarie, non...
Aziende e Imprese

Come liquidare l'IVA: scritture di rilevazione e di versamento nei registri contabili

L'IVA è una tassa che deve essere versata allo Stato, molte volte viene direttamente trattenuta dalle buste paghe naturalmente, a prescindere se il lavoro è full-time o par-time altre volte invece, deve essere pagata a parte soprattutto se si è titolari...
Banche e Conti Correnti

Come negoziare con banche

Che si sia trattato di aprire o estinguere un conto privato, piuttosto che chiedere un prestito o sussidio per la propria azienda, chi non ha mai avuto a che fare con almeno un istituto di credito? Mentre nel primo caso il singolo individuo (a volte pur...
Aziende e Imprese

Come contabilizzare le fatture da ricevere

Nel corso dell'esercizio le rilevazioni contabili afferenti gli acquisti dei beni o dei servizi vengono registrate all'atto del ricevimento della relativa fattura. Alla fine dell'esercizio, nel momento della chiusura dei conti, si possono presentare delle...
Finanza Personale

Come chiedere un prestito alle poste

Realizzare i nostri sogni spesso richiede un investimento di passione e denaro. La passione ce la mettiamo noi, il denaro possiamo chiederlo in prestito e restituirlo a rate con piccoli interessi. Ultimamente è sempre più necessario chiedere dei finanziamenti...
Banche e Conti Correnti

Come versare la ritenuta d'acconto

La ritenuta d'acconto è una trattenuta (Irpef o Ires) effettuata su un reddito soggetto a tassazione di un sostituto d'imposta (ex: datore di lavoro, banca, istituto finanziario) e che successivamente sarà versata all'erario. Entro il 28 febbraio di...
Finanza Personale

Prestiti Inpdap: guida alle nuove regole

L'INPDAP, ossia l'Istituto Nazionale di Previdenza dei Dipendenti dell'Amministrazione Pubblica, è stato fondato nel 1994, tramite il Decreto Legislativo numero 479 del 30 giugno dello stesso anno. Precisamente, è sorto a seguito della fusione dell'ENPAS,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.