Come Gestire il TFR nello stato patrimoniale

di Matteo Rolando tramite: O2O difficoltà: facile

Il TFR (o trattamento di fine rapporto) è la somma che tutti i lavoratori percepiscono nel momento in cui cessa un rapporto di lavoro. Viene disciplinato dal codice civile all'articolo 2120 ed il calcolo è molto semplice. Viene effettuato sommando, per ogni anno in cui il lavoratore abbia prestato servizio nell'impresa, una quota pari alla retribuzione lorda annua diviso 13,5. A questa cifra deve essere aggiunta ogni anno una rivalutazione secondo un indice ISTAT. Dal 2015 vi è la possibilità per il lavoratore di chiedere il TFR in busta paga, ma in questo caso le scritture contabili sono leggermente differenti. In questa guida vi daremo alcuni suggerimenti su come Gestire il TFR nelle scritture contabili obbligatorie, ossia lo Stato Patrimoniale ed il Conto Economico. Buona lettura.

1 Per prima cosa bisogna ricordare che ci sono due tipi di scritture, quella relativa al costo che l'azienda ha ogni anno, per accantonare la quota di TFR, che andrà nel conto economico, e quella che invece riguarda il fondo di accantonamento degli anni precedenti, che si trova all'interno dello stato patrimoniale, ossia tra gli stock di attività o passività. Così considerato, il fondo accantonamento del TFR è un vero e proprio debito che l'impresa ha nei confronti dei dipendenti, quindi si trova nella colonna di destra, tra le passività.

2 Prendendo ad esempio le scritture contabili che saranno necessarie alla fine dell'esercizio economico, bisogna considerare per prima cosa la scrittura che rappresenta un costo per l'impresa, ed è calcolabile come la somma degli stipendi lordi diviso 13.5 più le varie rivalutazioni. Questa scrittura contabile sarà in partita doppia come un costo e come contropartita un accantonamento al fondo TFR.

Continua la lettura

3 Dall'altra parte avremo quindi un aumento del fondo TFR che deve essere registrato all'interno dello Stato Patrimoniale, come aumento delle passività, ossia dei debiti verso i dipendenti.  Infatti, alla fine dell'esercizio, questo accantonamento si va a sommare a quelli già effettuati negli esercizi precedenti.  Approfondimento Come Rappresentare In Contabilità Le Dimissioni (clicca qui) Nel momento in cui un dipendente cessa il suo contratto di lavoro con l'impresa, si smobilizzerà una parte del fondo TFR accantonato, pari alla quota parte da destinare a quel determinato dipendente.
Le registrazioni sono davvero semplici e potranno essere gestite semplicemente senza fare macchinosi calcoli.  Vedrete che sarà davvero facile seguendo questa semplice guida.

5 cose da sapere sul conto patrimoniale Il conto patrimoniale, più comunemente chiamato stato patrimoniale, è uno dei ... continua » Come trattare in contabilità gli oneri per ferie maturate Tra i vari oneri positivi per ogni lavoratore dipendente, il trattamento ... continua » Come funzionano i fondi comuni di investimento Il fondo comune di investimento è uno strumento che adempie al ... continua » Come calcolare e contabilizzare l'accantonamento Tfr Il trattamento di fine rapporto, liquidazione o buonuscita, è un indennizzo ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come Determinare Il Ccno

Come facilmente intuibile dal titolo della guida, ora ci dedicheremo a spiegarvi Come determinare il CCNO. Partiamo dal definire questo acronimo: per CCNO, intendiamo il ... continua »