Come funziona una pensione

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La pensione è uno dei temi più discussi negli ultimi tempi: pensioni che sono slittate più avanti nel tempo, pensioni che alcuni non riescono ad ottenere... Ma che cos'è di preciso una pensione? Essa consiste in una quantità di denaro (una sorta di stipendio) che una persona riceve non appena totalizza un certo numero di anni di lavoro. Questo sistema è presente in ogni parte del mondo, anche se in modi differenti: la pensione può essere pubblica o privata, inoltre, dipende da alcuni fattori. Per citarne alcuni, esiste la pensione di anzianità (o di vecchiaia), che si può ottenere quando si raggiunge una determinata età, o anche quelle di invalidità o reversibilità che fanno parte della pensione sociale. Questa guida vi sarà utile per capire come funziona una pensione in Italia.

26

Lo schema di una pensione

Per poter ottenere una pensione è necessario versare, negli anni in cui si ha una vita lavorativa attiva, un certo capitale nelle casse dell'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale: si tratta dell'ente previdenziale principale sul territorio italiano. Il denaro versato prende il nome di "contributo", e rappresenta una percentuale della retribuzione che i lavoratori sono obbligati a versare e che viene pagata in parte dallo stesso lavoratore e in parte dal datore di lavoro. Quando il soggetto smette di lavorare perché ha raggiunto una certa età, percepirà una rendita vitalizia in funzione di quanto ha versato e di un coefficiente che tiene conto di alcuni fattori, come l'età in cui inizia la rendita, il sesso del soggetto e così via.

36

La pensione di anzianità e la pensione di vecchiaia

Tutti i sistemi pensionistici, in generale, seguono più o meno questo schema base. In Italia sono due le principali forme di pensione: quella di anzianità e quella di vecchiaia. Per ottenere la prima occorre aver accumulato un certo numero di anni di contribuzione; è dunque subordinata al raggiungimento del limite di età. La seconda, invece, riguarda l'età: si ottiene, infatti, raggiungendo la cosiddetta "età pensionabile", ovvero il limite di età previsto dalla legge, raggiunto il quale si ha diritto a lasciare il posto di lavoro.

Continua la lettura
46

Il sistema contributivo

Per calcolare la pensione si può utilizzare il sistema retributivo, contributivo o misto. Attualmente però, una serie di riforme ha puntato verso il sistema contributivo, che dovrebbe rimanere l'unico in vigore. Esso si basa sul capitale versato negli anni di vita lavorativa, ma dipende anche dal PIL dello Stato e dall'età del soggetto interessato. È anche vero poi che ci sono differenze nella riforma in base all'età, e ai lavoratori più "vecchi" viene applicato un sistema di calcolo misto tra il retributivo e il contributivo.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Informarsi sulla pensione fin da quando si inizia a lavorare è un buon modo per non ritrovarsi senza dopo aver raggiunto una certa età.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

Come richiedere la pensione di vecchiaia

La pensione è una obbligazione che consiste in una rendita vitalizia o temporanea corrisposta ad una persona fisica in base ad un rapporto giuridico con l'ente o la società che è obbligata a corrisponderla per la tutela del rischio di longevità o...
Previdenza e Pensioni

Come si calcolano le pensioni INPDAP

L'INPDAP, vecchio ente di gestione del sistema contributivo dei dipendenti pubblici, venne assorbito dall'INPS nel 2012. Pertanto, il calcolo delle pensioni attualmente viene effettuato da quest'ultima. Con la nuova gestione, la procedura ha subito significativi...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare la pensione col sistema misto

Tutti sappiamo purtroppo che, negli ultimi anni, stiamo attraversando un periodo economico di grande difficoltà e caos che non riesce a mettere chiarezza nei tempi di pensionamento delle persone che hanno già raggiunto o che stanno già raggiungendo...
Previdenza e Pensioni

Come e quando andare in pensione

Andare in pensione è uno dei traguardi più importanti per qualsiasi lavoratore che si avvicina alla terza età. In Italia, negli ultimi anni sono cambiate molte regole in materia di pensionamento: è stata aumentata l'età pensionabile fino a 67 anni...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare la pensione contributiva

La pensione contributiva è stata introdotta con la cosiddetta riforma Dini, legge n. 335 del 1995, insieme a successivi interventi legislativi n. 449 del 1997 e la successiva riforma Maroni del 2004. Questi interventi hanno cambiato profondamente il...
Lavoro e Carriera

Come calcolare la pensione 2012

La riforma pensionistica del 2012 è entrata in vigore il primo gennaio dello stesso anno e ha portato grandi innovazioni e modifiche nel campo pensionistico italiano. L'effetto principale di questa riforma si ha nel prolungamento del periodo lavorativo,...
Previdenza e Pensioni

Come usufruire del prepensionamento

Con l'argomento pensioni, si entra sempre in confusione. Le leggi sulle pensioni, sui prepensionamenti, sull'età per la pensione, sugli anni di servizio, ecc., diventano sempre più complessi da decifrare e da capire e spesso non si sa come agire. Molti...
Previdenza e Pensioni

Regole per il calcolo della pensione minima

La pensione è una somma mensile corrisposta al lavoratore al raggiungimento dell'età pensionabile, quando cessa l'attività lavorativa e passa sotto il regime pensionistico erogato dall'INPS, l'ente nazionale previdenza sociale.ub">Sopratutto in passato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.