Come funziona il sistema fiscale nel Libano

di Maria Liccardo tramite: O2O difficoltà: difficile

Capita molte volte che i giovani, non trovando lavoro in Italia, decidano di espatriare verso paesi stranieri, con la speranza di trovare un lavoro stabile e di pagare meno tasse possibile per arrivare a fine mese. Il Libano favorisce una politica economica rivolta al libero scambio. Esso può essere certamente considerato in tutto e per tutto un paradiso fiscale. Per questo la maggior parte degli imprenditori decide di depositare lì il proprio denaro. Ecco come funziona il sistema fiscale in Libano.

Assicurati di avere a portata di mano: Soldi

1 La tassazione Essendo un paradiso fiscale la tassazione è quasi del tutto nulla per quanto riguarda gli individui non residenti. Per quel che concerne i capitali, l'imposta totale è del 10% sull'utile, ma viene ridotta al 5% se quest'ultimo deriva dalla costruzione di unità residenziali da vendere a terzi. Le nuove industrie sono favorite da agevolazioni ed esenzioni fiscali. Quest'ultime sono esenti dalle imposte sul reddito per i primi dieci anni dall'inizio della produzione.

2 Le normative A differenza del sistema fiscale italiano, che obbliga i titolari di aziende ad aprire una partita IVA, attraverso cui comunicare ogni operazione compiuta per non andare incontro a sanzioni, in Libano, in virtù della legge del 1983, tutto questo non accade. Questo Stato, ormai da qualche anno meta di turismo di massa, è ben noto agli uomini d'affari di tutto il mondo che approfittano di questo paradiso fiscale per portare i loro capitali evadendo tasse e sottraendosi a leggi.

Continua la lettura

3 I capitali Lo Stato italiano ha tentato di tutelare l'evasione attraverso un decreto che prevede delle sanzioni per chi cerca di trasportare capitali all'estero, ma molti stati del mondo non prevedono sanzioni per chi cerca di evadere il fisco e questo fa tutt'oggi del Libano uno dei maggiori paradisi fiscali mondiali, luogo prediletto di evasori e truffatori.  L'Unione europea sta cercando di collaborare con il governo di Beirut alla modernizzazione del sistema fiscale libanese, adeguandolo agli standard europei.

4 Le esenzioni L'esenzioni in Libano non includono l'imposta sulle società e sui profitti per le società holding, società offshore, istituti di istruzione, ospedali, associazioni di cooperative, i sindacati, le imprese di trasporto aereo, marittimo locale e stabilimenti turistici. Una riduzione del 30% sulla retribuzione imponibile dei lavoratori stranieri a società off-shore, quando si lavora in Libano; inoltre, è presente l'esenzione dal pagamento dei contributi di previdenza sociale per gli stranieri se stanno lavorando in Libano ai sensi di un contratto concluso all'estero con le imprese straniere e se sono coperti da una prestazione analoga a casa.

Come funziona il sistema fiscale in Algeria Ogni nazione possiede la propria storia, la propria tradizione culturale, risorse ... continua » Come funziona il sistema fiscale in Estonia Uno dei migliori sistemi fiscali dell'Europa, per quanto concerne l ... continua » Come funziona il sistema fiscale nelle Filippine Il sistema fiscale filippino è una combinazione dei sistemi globali e ... continua » Come funziona il sistema fiscale in Madagascar Se si sceglie di viaggiare, girare il mondo o semplicemente cambiare ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide