Come fare la pubblicità alla propria attività

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Una buona pubblicità alla propria attività, non solo ti porterà una visibilità maggiore con i tuoi clienti, ma è necessaria al momento dell'apertura di una nuova attività. La pubblicità diventa anche un investimento per il futuro della propria attività, solo però se viene fatta in modo responsabile. Questa semplice guida, analizzerà tutte le possibilità su come fare la pubblicità alla propria attività e scoprirete che non serve spendere cifre folli per fare una buona impressione ai futuri clienti.

24

La prima cosa da fare è analizzare la vostra attività di cosa si occupa, se avete un'attività di vendita di giocattoli, la vostra pubblicità verrà rivolta principalmente ai bambini, cercate quindi di creare una pubblicità colorata, divertente e che anche i bambini riescano a comprendere. Dovete considerare i bambini come un cliente, perché dal momento in cui avrete attirato la vostra attenzione ci penseranno loro ad assillare i genitori per averlo. Un metodo molto raccomandato in questo caso è il volantinaggio. Mi raccomando iniziate sempre dalla zona in cui la vostra attività risiede, non spingetevi troppo oltre anche perché se la vostra attività non è molto estesa o non vendete un prodotto difficile da reperire; difficilmente i clienti faranno un sacco di chilometri per visitarvi. Quindi sarebbe solo uno spreco di tempo e soldi spesi in volantini.

34

Altro capitolo molto importante è quanto è famosa la vostra attività, anche in quel caso la vostra pubblicità dovrà essere adeguata. Se avete, per esempio, un'impresa di spedizioni internazionali, potreste fare pubblicità anche nel paese a cui le spedizioni si rivolgono. Se la vostra attività vende un prodotto su tutto il territorio nazionale, allora prendete anche in considerazione di fare qualche pubblicità alla televisione o alla radio. Ma non solo, potreste anche appendere dei cartelloni pubblicitari agli autobus, alle macchine o negli appositi spazi.

Continua la lettura
44

Fidelizzate il cliente. Una volta che vi sarete fatti conoscere bene dalla vostra zona, allora questo è il momento di fidelizzare il cliente, per esempio potreste creare una tessera che dia una percentuale di sconto a chi la possiede, oppure una tessera punti che dopo una serie di acquisti regali qualcosa. Insomma tutto ciò che potrebbe invogliare il cliente a tornare ancora. Detto questo non vi resta che scegliere quale pubblicità potrebbe fare a caso vostro, anche in base a quanto siete in grado di spendere e poi partire con la vostra pubblicità.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come Contabilizzare I Ricavi Delle Agenzie Di Pubblicità

Quando si ha un'agenzia di pubblicità solitamente bisogna saperne controllare la contabilità. Questo compito però non risulta essere sempre facile per tutti. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato, in pochi e semplici passaggi, come fare per...
Aziende e Imprese

Come pubblicizzare il proprio hotel

Gestire un'attività complessa, come ad esempio una del settore alberghiero, determina sempre numerosi rischi professionali. Infatti sono moltissimi gli aspetti che concorrono a determinare il successo oppure il fallimento di un determinato business....
Aziende e Imprese

Come pianificare una campagna pubblicitaria

La pubblicità è un investimento mirato a migliorare ed espandere la propria azienda. Alcune di queste scelgono di pubblicizzarsi quando il loro pubblico di riferimento è più propenso ad acquistare i loro prodotti o servizi. Ecco una semplicissima...
Aziende e Imprese

5 metodi per fare pubblicità su internet

La pubblicità su internet rappresenta ormai una della maggiori fonti di guadagno delle imprese. Esistono, infatti, diverse tipologie di pubblicità, ognuna con delle caratteristiche specifiche. Lo scopo di questa guida è quello di mostrarne alcune....
Lavoro e Carriera

Come Scrivere un Buon Messaggio Pubblicitario

Se volete scrivere un messaggio pubblicitario ma i soliti slogan non vi danno i risultati che sperate, vi consigliamo di cercare un modo che sia semplice, rendendo efficace realmente. Un metodo molto incisivo è quello che prevede la tecnica AIDA. In...
Aziende e Imprese

Pubblicità e comunicazione visiva per le aziende

Chi ha un'azienda sa bene quanto siano importanti la pubblicità e la comunicazione visiva per farsi conoscere dal pubblico e per avere un riscontro positivo. Si tratta infatti di due elementi fondamentali che se curati nel modo giusto possono portare...
Aziende e Imprese

Come installare le insegne pubblicitarie

Henry Ford, il fondatore dell'omonima casa automobilistica, diceva che chi smette di fare pubblicità per risparmiare soldi è come se fermasse l'orologio del tempo, per risparmiare il tempo. Questa affermazione ci fa capire, in qualche modo, come l'elemento...
Aziende e Imprese

Come stipulare un contratto di sponsorizzazione e pubblicità

Se avete la necessità di fare pubblicità alla vostra società, azienda, o ad una semplice attività lavorativa, dovrete sottoscrivere un contratto di sponsorizzazione e pubblicità. In questo modo avrete la certezza di fare pubblicità alla vostra attività...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.