Come esercitare il diritto di prelazione agraria

di Alessandro Bocci tramite: O2O difficoltà: difficile

L'articolo 47 della Costituzione Italiana prevede che l'accesso alla proprietà della terra sia favorito da parte della persona che provvede direttamente alla propria coltivazione: questa disposizione costituzionale venne introdotta a favore dell'affittuario coltivatore direttore, del mezzadro, del colono e del coltivatore diretto proprietario di terreni confinanti.
La cosiddetta "prelazione agraria" stabilisce che siano prediletti tali soggetti a qualsiasi terzo, a parità di condizioni, in caso di trasferimento del fondo a titolo oneroso: nella presente esaustiva e rapida guida che vi consiglio di andare a leggere molto attentamente nei passaggi susseguenti, vi indicherò bene come bisogna esercitare correttamente questo diritto costituzionale.

Assicurati di avere a portata di mano: Raccomandata con ricevuta di ritorno Denaro Avvocato (eventuale)

1 La comunicazione necessaria per esercitare la "prelazione agraria" deve essere compiuta mediante una raccomandata con ricevuta di ritorno, nella quale si dovranno indicare tutte le condizioni di vendita previste.
Procedendo in questa maniera, il coltivatore avrà la possibilità di riuscire a far valere il proprio diritto di prelazione, ovvero subentrare all'acquirente alle stesse condizioni, entro un termine massimo di 30 giorni dal ricevimento della lettera postale.

2 Per riuscire ad esercitare la propria "prelazione agraria", a sua volta, il coltivatore dovrà semplicemente inviare al proprietario del fondo una raccomandata con ricevuta di ritorno (nella quale dichiari la volontà di far valere il suo diritto costituzionale) e procedere al pagamento del prezzo concordato.

Continua la lettura

3 Se il coltivatore non risponde, il proprietario del fondo sarà libero di venderlo; qualora sia quest'ultimo a non inviare la comunicazione di vendita al coltivatore (impedendogli di far valere la sua "prelazione agraria", poiché non viene messo a conoscenza dell'alienazione), egli potrà esercitare il cosiddetto "retratto", ossia conseguire la proprietà del fondo anche contro l'acquirente.

4 Il diritto di riscatto dev'essere fatto valere entro 12 mesi, a cominciare dalla trascrizione del contratto di vendita.
Per esercitare il cosiddetto "retratto", il coltivatore potrà rivolgersi ad un avvocato, che provvederà alla messa in mora del venditore e dell'acquirente, chiedendo il trasferimento della proprietà del fondo e minacciando delle sanzioni amministrative.

5 Qualora avvenga il riscatto, il coltivatore dovrà versare il prezzo che l'acquirente iniziale ha versato con la stipulazione della compravendita, entro 3 mesi dall'esercizio del cosiddetto "retratto": passati i seguenti termini, se il coltivatore non provvede al pagamento, egli perderà ciascun diritto e il fondo rimarrà di proprietà del primo acquirente.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Gli aspetti soggettivi della prelazione agraria La disciplina della prelazione agraria La prelazione agraria e la forma della comunicazione Acquisto terreni agricoli: il diritto di prelazione agraria

Come esercitare diritto di recesso Quando si acquistano dei beni o dei servizi, abbiamo il diritto ... continua » Come esercitare il diritto di usucapione Sulla questione usucapione, possiamo riscontrare chiarimenti nel Codice Civile Italiano del ... continua » Motivi validi per mandare via un inquilino Quando si stipula un contratto di affitto, viene effettuato un accordo ... continua » Come esercitare il diritto di ripensamento Il diritto di ripensamento chiamato anche diritto di recesso, permette ad ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. ATTENZIONE: tali contributi NON possono essere in alcun modo considerati appelli al pubblico risparmio e\/o sollecitazione all’investimento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.