Come esercitare il diritto di precedenza nelle assunzioni

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Con l'approvazione della legge di conversione n. 78/2014 del decreto legislativo n. 34/2014, il diritto di precedenza nelle assunzioni ha subìto delle sostanziali modifiche. Qui di seguito vedremo nel dettaglio come esercitare questo beneficio per non incorrere in errori ed avere, quindi, la possibilità di essere assunti a tempo indeterminato presso l'azienda dove si ha prestato servizio.

26

Periodo della prestazione

La prima cosa da considerare, è il periodo della prestazione lavorativa. Infatti, se il rapporto di lavoro è stato superiore a sei mesi il lavoratore potrà esercitare il diritto di precedenza entro dodici mesi dalla scadenza della sua ultima prestazione lavorativa presso quella azienda, fatta eccezione se diversamente espresso nella contrattazione nazionale stipulata. Invece, nel caso in cui il rapporto di lavoro sia stato inferiore a sei mesi, non è previsto dalla legge un termine di scadenza.
In entrambi i casi è importante consegnare al proprio datore di lavoro una dichiarazione scritta, in cui si esprime la propria volontà alla riassunzione.

36

Congedo di maternità

Nel caso in cui una lavoratrice durante il suo rapporto di lavoro a tempo determinato si sia assentata dal lavoro per fruire del congedo di maternità, questa potrà inserire detto periodo nel calcolo del raggiungimento dei sei mesi. Ai fini del conteggio sarà utile soltanto l'intervallo che rientra nel termine del contratto sottoscritto, anche se la lavoratrice ha ricevuto un indennizzo da parte dell'Inps per il periodo che viene dopo la fine del contratto. Tale computo non potrà essere applicato alle lavoratrici assunte per attività stagionali.

Continua la lettura
46

Prestazioni stagionali

Il diritto di precedenza può essere esercitato anche per le prestazioni di tipo stagionale: il lavoratore dovrà esprimere la sua volontà entro tre mesi dalla cessazione del rapporto lavorativo e potrà essere assunto a termine solo per la stessa attività stagionale. In questo caso il diritto di precedenza dura un anno e, oltre questo periodo, il datore di lavoro avrà piena libertà di assumere come dipendente un'altra persona. Il diritto di precedenza non può essere applicato dai lavoratori assunti con un contratto intermittente a termine in quanto, questa particolare tipologia di contrattazione, ha una normativa a sé. In generale, nella lettera di assunzione firmata dal lavoratore dovrà essere presente in calce un richiamo al diritto di precedenza che riassuma le condizioni per esercitare tale beneficio.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come richiedere il libretto di lavoro

Il libretto di lavoro era un particolare documento che aveva il compito di tenere nota delle competenze e delle esperienze lavorative del suo portatore. Attualmente, quello che conoscevamo con il nome di libretto di lavoro, si chiama invece scheda lavorativa/professionale...
Lavoro e Carriera

Come assumere un dipendente in cassa integrazione

Oggi, grazie alle nuove agevolazioni, assumere un dipendente in cassa integrazione, conviene all'azienda e all'intera società. Nella guida vedremo cosa si intende per Cassa Integrazione, come assumere un dipendente in Cassa Integrazione, quali sono i...
Aziende e Imprese

Come comportarsi se l'azienda non paga i contributi

Il mondo del lavoro si trova in profonda crisi ormai da moltissimi anni. Sono tante le aziende italiane che hanno serie difficoltà a far quadrare tutti i conti, e proprio per tale ragione, le misure ricadono spesso sui lavoratori, con effetti molto negativi....
Finanza Personale

Azioni a favore dei prestatori di lavoro: 5 cose da sapere

Il lavoro dipendente o lavoro subordinato è strettamente connesso a due figure: il prestatore di lavoro o dipendente e il datore di lavoro. Il dipendente cede il proprio lavoro al datore in cambio di un salario, settimanale o mensile come previsto per...
Aziende e Imprese

Come Beneficiare Delle agevolazioni sugli apprendisti

Nel fiume di norme dell' ordinamento italiano spesso capita di non sapere come orientarsi. Se avete una ditta con alle vostre dipendenze un apprendista, oppure volete prendere qualcuno a lavorare per insegnargli un lavoro qualificato. Potete farlo usufruendo...
Aziende e Imprese

Come inserire un lavoratore delle categorie protette Legge 68/99

Negli ultimi anni sono state emanate diverse normative con il fine di disciplinare le assunzioni di lavoratori appartenenti alle categorie protette. Non sempre però queste norme sono state in grado di fugare i dubbi sulle modalità di inserimento di...
Previdenza e Pensioni

Come trattare contabilmente il periodo di astensione per maternità

Le assunzioni di impiegate femminili aumentano sempre di più, come dovrebbero, ma anche i problemi non fanno che moltiplicarsi. Quando un datore di lavoro assume una lavoratrice di sesso femminile, essa avrà bisogno di un periodo di astensione dagli...
Aziende e Imprese

10 cose da valutare prima di chiudere la partita IVA

In contesto quale quello attuale, caratterizzato da una lenta ma progressiva crescita dei consumi e dalla conseguente ripresa delle assunzioni da parte delle aziende, chiudere la partita IVA per tornare al lavoro dipendente sembra essere a molti la soluzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.