Come diventare ricercatore universitario

di Stefano Nurse tramite: O2O difficoltà: media

Se sei uno studente universitario tra i più bravi del tuo corso e ti piace in modo particolare lo studio e la ricerca, la carriera universitaria potrebbe essere una buona opzione per il futuro. Nell'università italiana, infatti, è prevista una figura, ossia quella del ricercatore, che ti consente di approfondire determinate materie ed allo stesso tempo permette di approcciarti all'insegnamento, collaborando alle attività formative dell'ateneo. Questo, tra l'altro, potrebbe essere il primo passo verso la carriera accademica, dal momento che con l'ultima riforma universitaria, che ha comportato ad un aumento esponenziale dei corsi di laurea, il lavoro del ricercatore è equiparato a quello del titolare di cattedra. In buona sostanza, le uniche differenze sono legislative e retributive. Questa semplice ed esauriente guida vuole fornire alcune importanti indicazioni per intraprendere questa strada, in modo tale da diventare un ricercatore. Vediamo, dunque, come si diventa ricercatori universitari.

Assicurati di avere a portata di mano: laurea specialistica

1 Essendo un ruolo importante all'interno di ciascun ateneo, si accede alla figura professionale di ricercatore attraverso ad un concorso pubblico, che viene istituito dall'università stessa. Non ci sono, inoltre, delle limitazioni temporali. Non a caso ciascuna università, a seconda delle sue necessità, può aprire una selezione in ogni momento. Pertanto, il primo passo per chi ha l'intenzione di intraprendere questo nuovo percorso è quello di mantenere sempre d'occhio i siti internet istituzionali delle facoltà che ci interessano in modo particolare, nonché la Gazzetta Ufficiale oppure il servizio "Informagiovani". È buona regola, in ogni caso, sottolineare che si può partecipare alle selezioni in qualunque facoltà, non esclusivamente in quella dove è stato conseguito il titolo di studio.

2 La selezione si compone di due aspetti che andiamo ora a citare. Uno di questi è il curriculum del candidato, che rappresenta un fattore da tenere in considerazione, mentre l'altro criterio di scelta è dato dalle prove selettive. Per quanto concerne il curriculum del candidato, nonostante l'unico requisito di ammissione sia la laurea specialistica o equipollenti titoli riconosciuti in altri Paesi, vengono tenuti molto in considerazione, anche a livello di punteggio, i dottorati di ricerca, soprattutto quelli conseguiti all'esterno, oppure varie esperienze di ricerca effettuate fuori dall'ambito nazionale ma certificate, e le pubblicazioni scientifiche (ossia gli articoli su riveste specializzate nel settore da noi prescelto). Si può ricevere, inoltre, un punteggio più elevato se si ha prestato servizio presso gli enti pubblici, oppure altri atenei o ulteriori strutture statale di ricerca.

Continua la lettura

3 Le prove selettive, invece, consistono in due scritti ed una orale.  Il primo scritto è determinato da un tema su un argomento riguardante il percorso formativo, mentre il secondo è un'esercitazione, che è strettamente connessa alla materia in questione.  Approfondimento Come diventare un ricercatore (clicca qui) La prova orale, invece, rappresenta una sorta di colloquio che verte generalmente sull'attività scientifica che è stata svolta dal candidato fino a quel momento.  Se la guida ti ha convinto ad intraprendere questa strada, non ti rimane altro da fare che aspettare il prossimo bando, compilare la domanda, allegare tutta quanta la documentazione necessaria, generalmente il Curriculum Vitae, per poi consegnare il tutto a mano oppure con una raccomandata.

Come diventare assistente di un professore Come diventare geologo Come diventare ambasciatore Come diventare insegnante di anatomia

Il presente contributo è stato redatto dall'autore ivi menzionato a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e può essere modificato dallo stesso in qualsiasi momento. ATTENZIONE: tale contributo NON può essere in alcun modo considerato appello al pubblico risparmio e\/o sollecitazione all’investimento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore dello stesso, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tale contributo e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.
Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altri articoli