Come diventare Giudice

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La professione di giudice è una delle più ambite da chi intraprende gli studi giuridici. Il giudice è un funzionario pubblico a cui è stato conferito il potere giudiziario. A esso compete il compito di amministrare la giustizia e di far rispettare e applicare le leggi vigenti nello Stato. Il giudice deve essere un soggetto super partes e indipendente, per questo il percorso per intraprendere tale attività professionale è abbastanza articolato. Infatti, per diventare magistrato è necessario il conseguimento di titoli di studio precisi e il superamento di un concorso, ma anche la presenza di requisiti morali ed etici e una condotta incensurabile. Ecco nel dettaglio come diventare giudice.

25

Uno dei requisiti fondamentali per accedere alla professione è la laurea in materie giuridiche. I ragazzi che hanno le idee chiare, già dalle scuole medie inferiori, dovrebbero scegliere un liceo classico o professionale, che permetta loro di cominciare a studiare il latino, il greco e altre materie base che li porti ad affrontare con maggiore serenità l’università. Naturalmente, coloro che conseguono una maturità tecnica possono aspirare ad una carriera giudiziaria.

35

Conseguita la maturità, è necessario iscrivervi alla facoltà di giurisprudenza. La durata del corso di laurea è di tre anni più due, di specialistica, durante i quali sostenere un certo numero di esami e discutere due tesi. Una volta laureati bisogna effettuare il praticantato presso uno studio legale e superare l’esame di abilitazione alla professione forense. In alternativa, è possibile iscrivervi alla scuola di specializzazione per professioni legali, a durata biennale e conseguire un diploma di specializzazione in una disciplina giuridica.

Continua la lettura
45

Una volta completato l’iter di studi è possibile accedere al concorso, indetto annualmente per uditore giudiziario, aperto a tutti coloro che non hanno compiuto 40 anni. È opportuno sottolineare che il concorso è accessibile anche ai laureati che hanno effettuato un tirocinio presso gli uffici giudiziari o l’Avvocatura dello Stato.

55

Un ulteriore limite per diventare giudice è rappresentato dal fatto che al concorso per uditore giudiziario non si può partecipare più di 3 volte. Le prove da superare sono: 3 scritte, concernenti la conoscenza del diritto civile, penale e amministrativo e una orale riguardanti il diritto civile e gli elementi fondamentali di quello romano, la procedura civile, penale, il diritto del lavoro e internazionale, oltre alle materie previste nello scritto e una lingua straniera europea a scelta. Negli ultimi anni è stata introdotta una prova di informatica che prevede dei quiz in materia amministrativa, civile e penale. Superato il concorso si devono sostenere due anni di tirocinio retribuito presso la Corte d'Appello, al termine del quale si diventa Giudice.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come fare un decreto ingiuntivo

Il decreto ingiuntivo è il provvedimento attraverso il quale il giudice competente tutela il diritto al credito di chi ne fa ricorso. Solitamente il debitore è tenuto a saldare il dovuto entro quaranta giorni dalla notifica; il l procedimento di ingiunzione...
Richieste e Moduli

Come Ottenere Gli Atti Dal Tribunale

È possibile richiedere copia di qualsiasi atto, documento, provvedimento depositato presso un Ufficio giudiziario; tale possibilità spetta anzitutto alle parti e ai loro difensori e, più in generale, a chiunque ne abbia interesse. Le copie possono...
Aziende e Imprese

Come obbligare una Pubblica Amministrazione all'esecuzione di una sentenza

Se siete incappati in un atto giudiziario contro una Pubblica Amministrazione e ne siete usciti vincitori, ma i tempi della giustizia italiana sono enormemente dilatati e ancora la sentenza non è stata eseguita, vi è un rimedio che la legge mette a...
Case e Mutui

Guida allo sfratto per morosità

Lo sfratto per morosità è un provvedimento che può sembrare antipatico, ma in molti casi risulta necessario per riprendere legittimamente il possesso di un immobile. Per avere validità tale procedimento deve essere costituito da un titolo esecutivo...
Lavoro e Carriera

Come prepararsi per il concorso in Magistratura

Il concorso in magistratura, come quello in avvocatura, è tra quelli più difficili che un laureato in giurisprudenza possa affrontare. Molti giovani laureati mirano a questo ambizioso traguardo, ma purtroppo solo una piccola parte riesce a raggiungerlo....
Finanza Personale

Fasi di un procedimento civile

Il procedimento civile, è uno strumento giuridico atto a dirimere le controversie aventi come oggetto il diritto privato. Si basa sui principi del diritto processuale civile contenuti per gran parte nel Codice di Procedura Civile. Il procedimento civile,...
Finanza Personale

Come funziona la mediazione civile

Il Decreto Legge n. 69/2013, convertito con la legge n. 98/2010, ha modificato il precedente decreto legislativo con il quale veniva introdotta per la prima volta in Italia la disciplina della mediazione civile. Con l’espressione “mediazione” la...
Case e Mutui

Come chiedere lo sfratto per morosità

Lo sfratto per morosità, anche se molti probabilmente non lo hanno mai sentito nominare, è un normalissimo procedimento legale che permette al locatore di ottenere un immobile prima che scada effettivamente il contratto. Ma cos'è la morosità? Essa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.