Come diffidare il costruttore per vizi dell'immobile

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

In questa guida cercheremo di capire come può fare un acquirente di un immobile a tutelarsi da danni riscontrati nell'abitazione appena acquistata. Partiamo col dire che eventuali "vizi" (è questo il termine specifico utilizzato per indicare i danni) sono a carico del costruttore e che quindi l'acquirente ha tutto il diritto di agire per via legale e ottenere un eventuale rimborso. Dunque andiamo subito a vedere nello specifico come possiamo fare per diffidare il costruttore per vizi dell'immobile e quali sono le tempistiche e le accortezze che vanno rispettate per ottenere giustizia.

24

Innanzi tutto cerchiamo di capire quali tipologie di vizio dell'immobile esistono e come bisogna comportarsi nei confronti di ognuna di esse. Iniziamo col dire che bisogna distinguere le difformità riscontrate in corso d'opera da quelle riscontrate dopo la consegna dell'immobile. Infatti se l'acquirente/appaltatore si rende conto che i lavori non si stanno svolgendo nei termini previsti dal capitolato d'appalto, può inviare una diffida al costruttore e stabilire un periodo di tempo entro cui risolvere i problemi. Se allo scadere di questo periodo tutti i danni non sono stati risolti, l'acquirente può recidere il contratto e fare richiesta di risarcimento.

34

Per quanto riguarda i danni riscontrati dopo l'acquisto dell'immobile bisogna fare un'ulteriore distinzione tra i vizi non gravi e i vizi gravi. I vizi non gravi sono regolamentati dall'articolo 1667 del codice civile e comprendono tutti i danni di entità minore (come un rubinetto che perde o una finestra con i vetri rigati). In questi casi l'acquirente può ricorrere a vie legali entro 60 giorni dalla scoperta dei danni ed ottenerne la sistemazione a spese del costruttore o una riduzione sul prezzo dell'immobile. Per questo tipo di danni la prescrizione arriva dopo due anni. I vizi gravi invece sono regolamentati dall'articolo 1669 del codice civile e comprendono i danni che compromettono la funzione dell'immobile. (infiltrazioni d'acqua, cedimenti, ecc. Ecc.). In questi casi l'acquirente può inviare una diffida al costruttore entro un anno dalla scoperta dei problemi. Per questo tipo di danni la prescrizione arriva dopo dieci anni. In entrambi i casi la diffida va inviata tramite una raccomandata con ricevuta di ritorno.

Continua la lettura
44

Ma come è strutturata una lettera di diffida per vizi dell'immobile? Quali elementi devono essere presenti? Innanzi tutto devono essere indicati nome, cognome e indirizzo del mittente e nome, cognome e indirizzo del destinatario. Nell'oggetto bisogna specificare se si tratta di un vizio grave o di un vizio non grave e indicare dove è stato riscontrato. Indicate poi la data di acquisto dell'immobile e la data in cui sono stati scoperti o sono subentrati i danni indicati. Indicare a questo punto le anomalie nel dettaglio, allegando eventuali foto o prove che li accertino. Infine bisogna specificare che tipo di intervento si sta chiedendo al costruttore. Si può infatti richiedere la riparazione dei danni entro una determinata data con conseguente richiesta di risarcimento qualora i lavori non vengano effettuati in tempo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come comprare casa senza rischi

L'acquisto di un appartamento presenta sempre dei rischi, dunque bisogna riflettere abbastanza prima di assumere la decisione finale. Per comprare una nuova abitazione senza avere problemi di varia tipologia, occorre considerare diversi parametri. Bisogna...
Case e Mutui

Come controllare la regolarità di un immobile prima dell'acquisto

Quando si deve effettuare un'acquisto di un bene mobile o di uno immobile vi sono sempre delle condizioni che devono essere verificate (per gli elettrodomestici le misure per la collocazione, ecc..), per non trovarsi in difficoltà o in altri tipi di...
Case e Mutui

Come tutelarsi per l'acquisto della casa

Con l'avanzare della crisi economica, l'acquisto di una casa rappresenta l'ambizione maggiore per molti. Oggi, per potere accedere a questo vantaggio di pochi, le banche e diversi istituti che operano in campo finanziario, riescono a fornirci numerose...
Case e Mutui

Acquistare casa in cooperativa: 5 cose da sapere

Come vedremo di seguito, per molte famiglie acquistare una casa in cooperativa è l'unica possibilità vantaggiosa per poter diventare proprietari esclusivi di un immobile abitativo. Tuttavia, prima di procedere al vero e proprio acquisto, è necessario...
Case e Mutui

Come fare un rogito

Il rogito è un documento ufficiale con cui si formalizza il possedimento di un bene immobile, lo si può paragonare al passaggio di proprietà per l'acquisto di un'automobile. Il rogito è un'azione fondamentale per diventare proprietari dell'immobile...
Finanza Personale

Come effettuare il rogito per la casa

Avete trovato la casa dei vostri sogni? Avete firmato il contratto preliminare (detto anche compromesso) di vendita di immobile? Bene, a questo punto non vi rimane altro da fare che rendere formale il passaggio di proprietà della casa acquistata. Davanti...
Finanza Personale

Come richiedere il bonus per l'acquisto di un eco immobile

Se è già nelle nostre intenzioni acquistare un eco-immobile, è bene ricordare che dal 3 novembre 2010 è ancora possibile usufruire di 100 milioni di euro dei 300 milioni stanziati lo scorso marzo. Diciamo pure che parlando di eco-immobili, ci riferiamo...
Case e Mutui

Come annullare un contratto di compravendita immobiliare

La compravendita immobiliare si stipula tramite un contratto con il quale un soggetto, detto venditore, si impegna a trasferire la proprietà di un bene immobile ad un altro, definito acquirente, in cambio di un corrispettivo. Ai sensi della normativa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.