Come detrarre le spese per la ristrutturazione della prima casa

di Leonardo Locardo tramite: O2O difficoltà: media

Per chi avesse un'abitazione principale e volesse ristrutturarla può beneficiare delle agevolazioni fiscali governative e usufruire di una detrazione pari al 50% su una spesa massima consentita di 96.000,00 euro (a unità immobiliare) se la ristrutturazione avviene entro il 31 dicembre 2015. Mentre se i lavori di ristrutturazione vengono eseguiti nel 2016 la detrazione scende al 36% della spesa sostenuta per un importo massimo di 48.000,00 euro.
Per beneficiare di questa agevolazione fiscale non bisogna essere necessariamente i proprietari o nudi proprietari dell'immobile o dell'appartamento, ma è sufficiente anche essere i locatari che dimorano nell'abitazione come domicilio principale. Inoltre è assimilato a proprietario colui che vive in usufrutto nell'abitazione da ristrutturare, o anche il convivente del beneficiario se questi partecipa a tutte le spese relative all'abitazione come ad esempio le spese di condominio e le utenze domestiche. In questa guida vedremo proprio come detrarre le spese per la ristrutturazione della prima casa.

Assicurati di avere a portata di mano: Ristrutturare solo l'abitazione principale Domanda di accatastamento Ricevuta del pagamento dell'IMU Delibera dell'assemblea condominiale Abilitazione e permessi amministrativi Fatture, ricevute e bonifici che provino i pagamenti sostenuti Lettera alla asl Consenso del proprietario dell'immobile (nel caso i lavori fossero sostenuti dal locatore)

1 La ripartizione della detrazione viene suddivisa in dieci rate annuali tutte dello stesso importo che potranno essere detratte dall'Irpef. La spesa massima di 96.000,00 che si può detrarre è riferita alla singola unità immobiliare, quindi se ad esempio due coniugi sono coproprietari dello stesso appartamento la detrazione viene tra loro suddivisa. Per le persone con più di 75 anni si può richiedere il totale ammontare del rimborso in 5 anni. Per gli ultraottantenni si può richiedere in 3 anni. Sul sito dell'Agenzia delle Entrate è presente un elenco di tutti i tipi di lavori che si possono effettuare per ottenere la detrazione richiesta.

2 Per fruire dell'agevolazione non bisogna più presentare la dichiarazione DIA (Dichiarazione di Inizio Lavori) all'Agenzia delle Entrare poiché gli adempimenti, negli ultimi anni, sono stati ridotti e semplificati. Non occorre neanche che le fatture presentate abbiano la suddivisione tra costi dei materiali e costi della manodopera.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Nella dichiarazione dei redditi basta indicare i dati catastali che identificano l'appartamento o l'immobile, e se i lavori sono eseguiti dal proprietario occorre presentare il titolo che ne attesti la proprietà.  Inoltre è opportuno conservare ed esibire, su richiesta, all'Agenzia delle Entrate i seguenti documenti: Domanda di accatastamento, Ricevuta del pagamento dell'IMU, delibera dell'assemblea condominiale (se si tratta di lavori in un condominio), abilitazione e permessi amministrativi per i lavori da svolgere, fatture, ricevute e bonifici che attestino i pagamenti sostenuti.  Approfondimento Come detrarre il 50% per una ristrutturazione edilizia (clicca qui) A tal proposito è indispensabile effettuare i pagamenti tramite bonifico bancario o postale per testimoniare che questi siano effettivamente avvenuti e non si tratti di una frode.

4 È obbligatorio per ottenere la detrazione anche la comunicazione dei lavori all'Asl di appartenenza tramite raccomandata. Nella comunicazione devono essere esposti le seguenti informazioni: - Generalità del committente dei lavori ed ubicazione di questi - Natura dell'intervento - Dati identificativi dell'impresa di costruzione - Data dell'inizio dei lavori.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali

Come detrarre le spese di ristrutturazione Ristrutturare un edificio comporta delle spese notevoli e in questa particolare ... continua » Come detrarre il canone d'affitto dal 730 Chi vive in affitto ha diritto ad alcune detrazioni fiscali Irpef ... continua » Le agevolazioni fiscali sugli immobili A causa della forte crisi economica anche il settore dell'edilizia ... continua » Guida alle detrazioni fiscali per la sostituzione di una porta blindata Guida alle detrazioni fiscali per la sostituzione di una porta blindata ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. ATTENZIONE: tali contributi NON possono essere in alcun modo considerati appelli al pubblico risparmio e\/o sollecitazione all’investimento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.