Come detrarre l'Irpef in assenza di spese detraibili

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Le spese deducibili, sono quelle che all'interno della dichiarazione dei redditi, danno la possibilità di essere sottratte al reddito imponibile, prima di andare a calcolare l'imposta che si dovrà versare all'erario. Tra queste spese, rientrano i contributi previdenziali ed assistenziali, che sono obbligatori per legge, ovvero i contributi facoltativi versati alla gestione pensionistica obbligatoria d'appartenenza, quelli versati per il riscatto degli anni di laurea e quelli versati al fondo delle casalinghe. Inoltre, rientrano in questo gruppo, anche i contributi versati alle forme di previdenza complementare, come sono i fondi pensioni oppure le assicurazioni sulla vita e, infine, troviamo i contributi versati a favore di colf e badanti per un importo non superiore a 1.549,37€ per la parte a carico del datore di lavoro. Altri oneri che possono essere detratti, sono gli assegni periodici che vengono corrisposti successivamente alla separazione dal coniuge, ovvero i famosi alimenti; inoltre, le spese che vengono sostenute dai disabili per le prestazione del medico generico, quindi l'acquisto di medicinale, l'assistenza particolareggiata alla persona e, infine, la metà delle spese che vengono sostenute dai genitori adottivi di minori cosiddetti stranieri. Ma, all'interno di questa guida, ci occuperemo di un altro aspetto. La domanda sostanzialmente è questa: si può detrarre l'IRPEF in assenza di spese detraibili? La risposta è si, perché come andremo a vedere, ci sono alcune possibilità di detrarre dal nostro reddito anche altre spese che non fanno parte delle categorie citate precedentemente. Ti ricordo che per quanto riguarda la dichiarazione del 730, non servirà allegare documentazioni e scontrini ma sarà comunque necessario tenerle con se a disposizione dell'Agenzia delle Entrate per cinque anni.
All'interno di questa guida, andremo a vedere come detrarre l'irpef, in assenza di spese detraibili. Ora, non vi resta che leggere l'intera guida.

27

Occorrente

  • Fatture
  • Scontrini
37

Cosa possiamo dedurre di altri costi sostenuti, rispetto a quelli conosciuti comunemente? Dobbiamo partire dalle donazioni e dalla beneficenza; infatti, sono valide tutte le donazioni fatte alle organizzazioni non lucrative (ONLUS) ed alle iniziative umanitarie, religiose o laiche intraprese da associazioni, comitati ed enti purché riconosciuti e presenti in uno dei paesi dell'Ocse. Il fisco per queste operazioni riconosce la detrazione del 19% dal reddito imponibile, con un tetto massimo di 2.065,83€. È possibile andare a detrarre dall'imponibile anche le erogazioni liberali, che sono delle donazioni che vengono corrisposte in caso di calamità naturale avvenuta, anche se in uno Stato differente dall'Italia. Queste offerte, devono essere fatte attraverso assegni, vaglia o bonifici bancari, mi sembra chiaro. Non basta, dovrete presentare una dichiarazione scritta dell'organizzatore che avrà ricevuto la vostra donazione.

47

Proseguendo con la nostra analisi, tra le spese detraibili, in questo caso al 19%, troviamo quelle per i dispositivi medici, necessari per la cura dei danni causati da determinate patologie. All'interno del sito del Ministero, potrete trovare un elenco, comprendente tutti i dispositivi inseriti nella lista come "detraibili". La condizione necessaria per la detraibilità è che nello scontrino o nella fattura risultino la descrizione dell'oggetto e il nome del soggetto che ha sostenuto la spesa. Infine bisogna anche necessariamente conservare la documentazione relativa alla certificazione di conformità stampata sulla confezione, ovvero il marchio CE.

Continua la lettura
57

Infine è possibile detrarre dall'IRPEF il mutuo per l'acquisto della casa. Anche qui detraibile al 19%. Il tetto massimo per cui calcolare la detrazione è 4.000,00€. Se la casa fosse cointestata, ciascuno dei contestatori può detrarre un massimo proporzionale alla propria quota. Nel caso specifico di marito e moglie, si possono verificare due casi differenti: i coniugi non sono necessariamente fiscalmente a carico l'uno dell'altro, e sono in parti ugualitarie, cointestatari del mutuo della casa, per esempio. In questo caso, potranno calcolare una detrazione fiscale sull'imponibile da versare all'erario, pari al 19%, su un massimo di 2.000,00€ ciascuno. In alternativa, un coniuge potrebbe essere fiscalmente a carico dell'altro ed il mutuo cointestato. In questo specifico caso, il coniuge avente a carico l'altro coniuge, potrà usufruire di una detrazione massimale di Euro 4000,00.
Visitate anche: http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/Nsilib/Nsi/Home/CosaDeviFare/Richiedere/Agevolazioni/DetrRistrEdil36/SchInfoDetrRistrEdil36/

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Verificate con precisione le vostre possibilità di detrazione
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come detrarre le spese del mutuo per la prima casa

Grazie a questo articolo, che abbiamo deciso di proporvi, saremo in grado di capire per bene, come poter detrarre, le spese del mutuo per la prima casa. La prima cosa che dobbiamo ricorda, in questo ambito di mutui bancari, è che comprare casa è da...
Finanza Personale

Come detrarre il costo della RC auto dalla dichiarazione dei redditi

In questo periodo di crisi economica e preoccupante recessione potrebbe essere un aiuto a tutti i consumatori ricordarsi di detrarre i costi dell'assicurazione auto o del motociclo dal modello 730, tenendo a mente che la detrazione è possibile anche...
Finanza Personale

Come Detrarre Gli Interessi Passivi Dei Mutui Nella Dichiarazione Redditi

La prima casa rappresenta per gli Italiani il bene a cui sono più legati, ma sul quale puntualmente ogni anno si concentrano le attenzioni dei vari governi che si succedono, al fine dell'imposizione fiscale. Oltre alle tasse da pagare, esistono però...
Finanza Personale

Come detrarre le spese per la badante

In Italia sono tante le persone che si avvalgono dei servizi di una badante. Spesso e volentieri si tratta di personale altamente qualificato. Ciò comporta un certo investimento da parte della persona che ha necessità di assistenza. Fortunatamente è...
Finanza Personale

Come detrarre le spese sanitarie

Con il sempre più crescente costo della sanità, si dovrebbe essere sempre vigili nella ricerca di possibilità per rivendicare le agevolazioni fiscali per le spese mediche. Ogni cittadino contribuente può potenzialmente richiedere una detrazione delle...
Richieste e Moduli

730: tutte le detrazioni

Cominciamo col dire che, il 730 è il modulo attraverso il quale viene effettuata la denuncia dei redditi e viene stabilito l'importo di tasse da pagare allo Stato. Tuttavia, dai redditi, devono essere sottratte alcune somme che fungono da "rimborso"...
Finanza Personale

Come detrarre l'irpef per le spese di ristrutturazione

Le spese di ristrutturazione degli immobili consentono, già dal 1998, di detrarne una quota ai fini del pagamento dell'irpef in dichiarazione dei redditi con il decreto sviluppo e decreto Stabilità tese alla semplificazione nella comunicazione da fare...
Richieste e Moduli

Ristrutturare casa: tutti gli incentivi

Se pensiamo a quello che ci aspetta in occasione dei lavori di ristrutturazione casa, ma soprattutto ai soldi che dobbiamo spendere, è facile che lo sconforto prenda il sopravvento facendoci perdere tutto l'entusiasmo. Invece ristrutturare casa è un'ottima...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.