Come determinare l'equilibrio costi/ricavi di produzione

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Conoscere la struttura dei costi aiuta non solo a formare il prezzo di vendita, ma anche a sapere se l’impresa, producendo a quel dato livello di costi, può ottenere un reddito positivo, e qual è la quantità di servizi che deve produrre e vendere affinché ciò avvenga. Non si tratta tanto di rispondere alla domanda: di quale importo esatto sarà il reddito in futuro, ma di prevedere l’andamento futuro di fattori fondamentali e controllabili dall’impresa come il fatturato, i costi operativi, l’indebitamento ecc. Esiste uno strumento molto semplice che consente di fare queste previsioni: si tratta dell’analisi del punto di equilibrio. In questa guida spiegheremo come determinare l'equilibrio costi/ricavi di produzione.

25

L’analisi del punto di equilibrio, nota anche con il nome originario inglese di break even point (BEP) o ancora break even analysis (BEA), è una tecnica usata nella contabilità industriale per analizzare le prospettive di reddito dell’impresa in funzione dei ricavi e dei costi, a loro volta considerati in funzione di una base variabile rappresentata dalle quantità, di prodotto o servizio, prodotte e vendute.

35

Indicando con RO (q) il risultato operativo (quindi il risultato della sola attività caratteristica della produzione e vendita del bene), con C (q) e R (q) i costi ed i ricavi, possiamo indicare RO (q) come la differenza tra R (q) e C (q), chiaramente a parità di produzione (q). Il termine Break Even Point indica quel valore della produzione q tale per cui i Costi sono prossimi ai Ricavi avendo come conseguenza un risultato operativo prossimo allo 0. Quindi R (q) = C (q) perciò RO (q) = 0 e chiamiamo questa quantità qP (quantità di pareggio).

Continua la lettura
45

Il prossimo passo è esprimere graficamente questa analisi in modo tale da avere una visione subito immediata della situazione, abbiamo perciò le equazioni: C (q)= (c x q) sommati ai CF e R (q)= p x q dove nella prima il coefficiente angolare è pari ai costi variabili unitari "c" mentre nella seconda il coefficiente è pari al prezzo unitario "p". Perciò, sintetizzando l'analisi
1. RO (q) = p x q - [(c x q) sommati ai CF].
2. RO (qP) = zero = p x qP - [(c x qP) sommati ai CF].

55

Ecco quindi che qP rappresenta quella produzione che annulla il risultato operativo e che quindi rende uguali i costi ed i ricavi: sul grafico è il punto dove si incontrano le due semirette C (q) e R (q), ossia in termini matematici qP = CF / (p-c) dove "/" è diviso. Chiaramente si dovrà aumentare la produzione oltre qP per avere un Risultato Operativo Positivo, mentre per q=0 ossia quantità prodotta nulla la perdita corrisponde ai CF.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come contabilizzare le rettifiche alle vendite

Tra le poste di bilancio maggiormente rappresentative di un'impresa deve essere senza dubbio annoverata, nel conto economico, la voce "Ricavi di vendita" facente parte del gruppo A- Ricavi della produzione, del conto, che accoglie i componenti positivi...
Aziende e Imprese

Come Calcolare Il Ros

Il ROS o il cosiddetto Return On Sales, è uno dei più utilizzati indicatori nell'analisi di bilancio insieme ai ROE e ROI; in sostanza è il rapporto tra il risultato operativo caratteristico e le vendite nette di un determinato periodo. Esso esprime...
Aziende e Imprese

Come gestire un'etichetta discografica indipendente

Attualmente, è molto diffuso il fenomeno delle etichette discografiche indipendenti e, attorno ad esse si sono create delle scene, sono nate delle tendenze e delle controculture; inoltre, hanno avuto origine nuovi gruppi musicali che hanno influenzato...
Finanza Personale

Come calcolare i ratei attivi e passivi

I ratei rappresentano il reddito che deve essere registrato nel periodo contabile, in cui è stato guadagnato. Pertanto, il reddito maturato deve essere riconosciuto nel periodo contabile in cui sorge, piuttosto che nel periodo successivo, in cui sarà...
Aziende e Imprese

Come aumentare i ricavi aziendali

In un periodo di crisi economica prolungata come quello che stiamo vivendo, è davvero difficile fare in modo che l'azienda abbia una stabilità finanziaria. Il problema fondamentale è che il mercato è saturo, dunque è complicato trovare dei clienti...
Aziende e Imprese

Come Determinare L'Enec

L'eccedenza Nominale Economica (ENEC) è una misura economica che tende a determinare il valore di un investimento dal punto di vista reddituale basandosi su costi e ricavi temporalmente non omogenei. Si tratta quindi, nella sostanza, della determinazione...
Aziende e Imprese

Come riclassificare il conto economico

Il conto economico, per rappresentare efficacemente il reddito d'esercizio ai fini dell'analisi di gestione aziendale, dev'essere strutturato e formalizzato in una specifica maniera; dev'essere riclassificato, per poter ottenere le informazioni aggiuntive...
Aziende e Imprese

Come Contabilizzare I Ricavi Delle Agenzie Di Pubblicità

Quando si ha un'agenzia di pubblicità solitamente bisogna saperne controllare la contabilità. Questo compito però non risulta essere sempre facile per tutti. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato, in pochi e semplici passaggi, come fare per...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.