Come Determinare Il Ccn

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il CCN (Cpitale Circolare Netto) è l'ammontare di risorse che compongono e finanziano l'attività operativa di una azienda ed è un indicatore che viene utilizzato allo scopo di verificare l'equilibrio finanziario dell'impresa nel breve termine. Questo capitale è un margine costituito dalla differenza tra le attività correnti e le passività correnti, in altri termini da (Rimanenze + Liquidità Immediate + Crediti a Breve Termine) meno (Debiti Finanziari + Debiti a Breve Termine). Questo margine è conosciuto anche con il termine "finanziario", in quanto al suo interno ne fanno parte non soltantole voci di natura operativa (come per esempio crediti verso clienti, scorte di magazzino e debiti commerciali), ma anche di natura finanziaria, come banche a breve (sia attive che passive) liquidità in cassa, assegni, valori bollati. Attraverso i passaggi seguenti andremo a vedere come bisogna procedere per determinare il CCN.

26

Cominciamo subito col dire che il Capitale Circolante Netto esprime le la quantità di capitale che si "Muove" entro 12 mesi dal momento della misurazione. Questo indicatore può essere sia finanziario che economico. La differenza tra i due consiste nelle poste che andiamo ad inserire. Dal punto di vista Economico il CCN è dato dalla differenza tra capitale di esercizio e passività di gestione. Il primo elemento è dato da tutti quegli elementi attivi che sono legati all'attività tipica dell'azienda e sono pertanto a veloce rigiro.

36

Il secondo elemento, invece, è dato da tutte quelle passività legate alla gestione caratteristica dell'impresa acquisite nel corso dell'esercizio. Il CCN Finanziario è dato dalla differenza tra Attivo Circolante e Passività Correnti. In sostanza, si può dire che si tratta della differenza tra gli elementi finanziari che saranno liquidi entro i 12 mesi e tutti gli elementi passivi che invece richiedono liquidità entro lo stesso periodo.

Continua la lettura
46

Vediamo un esempio di calcolo del CCN Finanziario per comprendere meglio di cosa stiamo parlando. Supponiamo che un'impresa abbia dei debiti a breve per € 2.000, Cassa per € 500 e dei crediti a breve per € 3.000. Le rimanenze di esercizio sono pari a € 2.000. Inoltre si hanno in portafoglio Titoli di stato liquidabili a breve per 1.500 €. Il CCN sarà dato dalla somma degli elementi attivi meno la somma degli elementi passivi. Nel nostro caso si avrà quindi la somma di tutti gli elementi detti meno i Debiti a breve che verranno sottratti. Quindi 3.000 più 500 più 2.000 più 1.500 meno 2.000; il CCN è pari a € 5.000. Infine, il Capitale Circolare Netto si può ottenere anche sottraendo il capitale fisso ai finanziamenti durevoli, ovvero la somma del capitale proprio e delle passività consolidate. Come avrete capito, il calcolo da eseguire è molto semplice e in pochi passaggi riuscirete a determinare il CCN.

56

Guarda il video

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come calcolare il Capitale Circolante Netto

Un'attività commerciale, per verificare le proprie risorse economiche a breve termine, necessita di un indicatore. Si tratta del "capitale circolante netto", ovvero quel margine ottenuto dalla differenza fra le "Attività correnti e le "Passività correnti"....
Aziende e Imprese

Come Determinare La Posizione Finanziaria Netta

Il concetto di debito netto è particolarmente importante negli investimenti ed è uno dei parametri più comunemente utilizzati in analisi tecnica. Azioni che ottengono buoni risultati nel tempo, tendono ad essere emessi da aziende che sono finanziariamente...
Aziende e Imprese

Come Calcolare e ad analizzare gli indici di liquidità di un'azienda

La gestione dell'azienda comporta anche la valutazione della sua situazione finanziaria. Uno degli strumenti utilizzati per eseguire una corretta analisi del bilancio d'esercizio sono gli indici di liquidità. Questi determinano se l'azienda sia in grado...
Aziende e Imprese

5 cose da sapere sul conto patrimoniale

Il conto patrimoniale, più comunemente chiamato stato patrimoniale, è uno dei documenti contabili che compongono il bilancio d'esercizio, insieme al conto economico ed alla nota integrativa. Il conto patrimoniale definisce la situazione patrimoniale...
Aziende e Imprese

Come registrare in partita doppia

Il seguente tutorial ha l'obiettivo di spiegare in modo semplice e preciso come si deve procedere alla registrazione dei "fatti contabili" di un'impresa utilizzando il metodo della "partita doppia". Questo procedimento è quello maggiormente utilizzato...
Aziende e Imprese

Come analizzare un bilancio bancario

È ben precisa la tecnica che ci descrive come analizzare un bilancio bancario. La comprensione dello stesso risulta di vitale importanza per diversi soggetti che, per motivi di prassi lavorativa quotidiana, sono costretti ad averne a che fare. Stiamo...
Aziende e Imprese

Come calcolare gli indici di rotazione dei crediti e dei debiti

L'analisi per indici si occupa di calcolare quozienti o rapporti tra valori e grandezze di natura diversa. Si distingue a seconda dell'aspetto della gestione che viene esaminato. L'analisi finanziaria, in particolare, va a esaminare quella che è l'attitudine...
Aziende e Imprese

Come calcolare i rischi finanziari

Il rischio finanziario nel mondo degli investimenti risulta essere misurato in termini di debito. Quelle aziende che emettono più debito, si dice che hanno un elevato pericolo finanziario a differenza di quelle che sono finanziate principalmente con...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.