Come comunicare la risoluzione del contratto di locazione

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Il contratto di locazione è il documentario mediante il quale il locatore (ovvero il proprietario dell'immobile) e l'affittuario (colui che prende in affitto l'immobile) si impegnano a rispettare tutte le clausole trascritte al suo interno. Il contratto di locazione prevede una durata limitata, che solitamente è di quattro anni; questa durata, tuttavia, può essere prolungata a seconda delle esigenze delle due controparti. Il contratto d'affitto, però, può essere anche risolto anticipatamente per volere dell'affittuario. Tale risoluzione deve essere comunicata in anticipo per iscritto. Vediamo allora, attraverso i passi della seguente guida, come comunicare la risoluzione del contratto di locazione.

24

Se intendiamo lasciar passare il periodo di tempo prestabilito basta solamente aspettare che gli anni trascorrano. Se invece vogliamo sciogliere prima il contratto dobbiamo rispettare alcune importanti procedure. Secondo la legge, il contratto può essere sciolto anticipatamente solamente in situazioni o casi molto particolari. Solitamente comunque è sempre l'inquilino ad essere tutelato maggiormente.

34

La risoluzione del contratto può avvenire solo quando si raggiunge un accordo tra i due soggetti, cioè quando viene manifestato il consenso da entrambe le parti; ma può però verificarsi anche in presenza di cause previste dalla legge. Nel momento in cui il conduttore decide di recedere dal contratto, deve inviare un preavviso al locatore attraverso una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno. Questo deve essere fatto almeno con sei mesi di anticipo, mentre sono solo tre in presenza di contratto transitorio. La comunicazione del preavviso deve essere chiara in ogni sua parte e vanno messe in risalto sia la decisione e l'intenzione di recedere anticipatamente, sia la volontà di riconsegnare l'immobile nel mese previsto.

Continua la lettura
44

Quando il locatore riceve una comunicazione di risoluzione anticipata del contratto deve provvedere al versamento delle tasse utilizzando il modello F23, seguendo le istruzioni allegate per la compilazione. Il proprietario può poi prendere accordi con il conduttore, ma deve attenersi ad una precisa procedura prevista per tale caso. Il proprietario dell'immobile deve comunicare la cessazione del contratto al Fisco attraverso il pagamento dell'imposta di registro sempre con il modello F23. Quest'ultimo deve contenere le generalità del proprietario e del conduttore e il codice di tributo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come disdettare anticipatamente un contratto di locazione

Il Codice Civile nostro, prevede anche il contratto di locazione, fra gli altri tipi di contratto. Esso non è altro che un contratto di fitto mediante il quale il locatore, cioè il proprietario di un immobile, conferisce in affitto la sua proprietà...
Case e Mutui

Affittare con contratto 4+4: errori da evitare

Avere un appartamento da mettere in affitto rappresenta oggi una rendita aggiuntiva, che per molte famiglie significa avere la possibilità di integrare in modo adeguato le proprie entrate mensili. Sia che si tratti di una proprietà ereditata da una...
Case e Mutui

Mancata restituzione deposito cauzionale locazione: cosa fare

Ogni volta che si prende in affitto una casa o comunque un immobile, il locatore, cioè il proprietario dell'immobile, richiede un deposito cauzionale di locazione da parte del conduttore, che sarebbe l'affittuario. Tale deposito cauzionale deve essere...
Case e Mutui

Locazione: motivi di risoluzione anticipata

Il contratto di locazione è un contratto mediante il quale una figura, detta locatore, cede un bene o un servizio ad una seconda parte, detta locatario, dietro la prestazione, di quest'ultimo, di una somma di denaro con periodicità regolare. Detta in...
Case e Mutui

Come recedere da un contratto di affitto

Vi sarà probabilmente capitato, alle volte, di dover cambiare appartamento in seguito ai motivi più vari: cambio di città, spostamento in zone meglio servite dai mezzi pubblici, la nascita di un figlio o i cattivi rapporti con il vicinato. Quando si...
Richieste e Moduli

Come annullare un contratto di locazione firmato

Un contratto di locazione firmato si può annullare per motivi di diversa natura. Ad esempio si trova un locale più confortevole, oppure ci si deve necessariamente trasferire presso una nuova abitazione. Se l'immobile si trova in affitto, si può decidere...
Richieste e Moduli

Come redigere un contratto di locazione ad uso abitativo

Come vedremo nel corso di questa guida, la normativa attualmente vigente in tema di contratti, non prevede una specifica forma obbligatoria per la redazione dei contratti. Tuttavia la legge, impone agli stipulanti l'indicazione di alcuni elementi importanti,...
Case e Mutui

Sublocazione: 5 errori da evitare

La sublocazione, per definizione, è un contratto di locazione con il quale il conduttore di un immobile, cede il contratto ad un terzo soggetto estraneo. In parole povere si può descrivere come l'affitto dell'affitto. Se avete in programma di subaffittare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.