Come comunicare la malattia all'INPS

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Quando un lavoratore dipendente viene colpito da una qualsiasi malattia, e quindi si trova impossibilitato a svolgere la sua normale attività lavorativa, ha diritto ad un'indennità riconosciuta dall'INPS, il quale si fa carico di parte della retribuzione spettante al dipendente durante la sua assenza dal lavoro. L'importo ed il periodo di tempo coperto da tale assistenza varia a seconda del settore lavorativo (industria e terziario, agricoltura, lavoratori marittimi), del tipo di contratto (a tempo indeterminato, a tempo determinato) e di altre specifiche posizioni professionali (apprendisti, disoccupati, lavoratori sospesi e lavoratori iscritti alla gestione separata). Quello che però accomuna tutte queste categorie è la metodologia da usare per comunicare la malattia all'INPS. Vediamo come fare.

26

Occorrente

  • certificato medico
36

La prima cosa da fare per il lavoratore è recarsi dal medico curante e farsi rilasciare il certificato di malattia. Sarà compito del medico stesso trasmettere all'INPS, in maniera telematica, questo certificato. È molto importante, in questa fase, che il lavoratore sia particolarmente attento nel comunicare al proprio medico i suoi dati anagrafici esatti e l'indirizzo preciso del domicilio per la reperibilità. Può capitare infatti che il lavoratore malato sia sottoposto a visite mediche di controllo a domicilio in particolari fasce orarie, per verificarne l'effettiva temporanea incapacità lavorativa. Se per qualche ragione il lavoratore dovesse trovarsi nella necessità di cambiare indirizzo di reperibilità, dovrà farne comunicazione, con congruo anticipo, alla struttura territoriale INPS di appartenenza a mezzo PEC, fax o lettera raccomandata A/R.

46

Una volta inviata la comunicazione telematica della malattia all'INPS, il lavoratore viene esonerato dall'obbligo di far pervenire l'attestato di malattia al suo datore di lavoro. Questi, infatti, potrà prendere visione di tale attestato, fruendo di appositi servizi messi a sua disposizione dall'INPS. Se il medico curante fosse impossibilitato ad effettuare la comunicazione telematica, sarà compito del lavoratore, nel tempo massimo di due giorni dalla data del rilascio, far pervenire all'INPS il certificato di malattia ed al datore di lavoro il relativo attestato. Quando, invece, ci si trova ad affrontare un ricovero ospedaliero o di pronto soccorso la comunicazione telematica del certificato di ricovero e dimissione da parte della struttura sanitaria non è ancora attiva. Si dovrà procedere dunque con la comunicazione dei suddetti certificati in maniera cartacea, anche oltre il termine dei due giorni dal rilascio, ma comunque non oltre il termine di prescrizione della prestazione.

Continua la lettura
56

Per quanto riguarda i certificati riguardanti la giornata di pronto soccorso va precisato che sono ritenuti validi dall'INPS solo quelli che contengono le generalità del lavoratore, la data del rilascio, la firma leggibile del medico e la diagnosi comportante l'incapacità lavorativa. Nel caso in cui la malattia insorga in un paese straniero, infine, bisogna distinguere due possibili procedure: se ci si trova in un paese appartenente alla Comunità Europea vanno applicate le stesse leggi previste dal paese di residenza del lavoratore; se, invece, la malattia insorge in un paese Extracomunitario, che non ha stipulato con l'Italia specifici accordi in materia, sarà compito della rappresentanza diplomatica italiana ivi presente farsi carico delle procedure per legalizzare la certificazione di malattia.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Porre molta attenzione alla correttezza dei dati inseriti nel certificato
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come richiedere una visita fiscale per un dipendente in malattia

Durante il percorso lavorativo un dipendente potrebbe ammalarsi, risultando di conseguenza impossibilitato nel recarsi a lavoro per un breve o lungo periodo di tempo. In questi casi, però, il datore di lavoro ha comunque il diritto di accertarsi dello...
Lavoro e Carriera

Come trasmettere il certificato medico di malattia

Dal primo febbraio 2011 sono cambiate le modalità per trasmettere il certificato medico, relativo alla malattia, da presentare al proprio datore di lavoro, sia esso pubblico che privato. Sebbene le maggiori incombenze siano a carico del certificante,...
Lavoro e Carriera

Come inviare il certificato di malattia via internet

Nel 2010, abbiamo assistito all'introduzione della possibilità di inviare il certificato di malattia per via telematica.Tramite un decreto del 26 febbraio, questa opportunità si è fatta strada con lo scopo di semplificare il processo di gestione dei...
Previdenza e Pensioni

Come richiedere un congedo per malattia

Nessuno può sfuggire ad un seppur lieve malanno durante l'anno e persino il lavoratore più zelante e stakanovista, si ritrova a dover chiedere almeno una volta in 365 giorni qualche giorno per malattia. Quando si tratta di qualcosa di più serio o di...
Finanza Personale

Come calcolare l'indennità di malattia

L'indennità di malattia è un risarcimento in denaro riconosciuto ai lavoratori quando questi sono impossibilitati, a causa di una malattia, ad assolvere ai loro doveri lavorativi. L'indennità di malattia è a carico dell'INPS e non è un diritto di...
Lavoro e Carriera

5 cose da sapere sul pagamento con i voucher

Oggi non è sempre facile riuscire a trovare un'occupazione sicura, stabile e duratura nel tempo. Per tutti quei lavoratori che svolgono lavori discontinui, poco sicuri e che, nella maggior parte dei casi, non offrono tutti i vantaggi di cui un lavoratore...
Richieste e Moduli

Cos'è e a chi spetta la mini Aspi

La "mini ASPI" è una prestazione a domanda riguardante una retribuzione a favore di quei lavoratori che hanno involontariamente perso il lavoro, o che non rientrano nelle categorie di lavoratori agricoli o dipendenti a tempo indeterminato delle Pubbliche...
Aziende e Imprese

Come annotare le retribuzioni in partita doppia

Se ti trovi in questa pagina significa che sei alle prese con un libro giornale ed una partita doppia, e sia che tu sia uno studente in cerca di aiuto e suggerimenti per capire il procedimento e prendere un bel voto a scuola, sia che tu sia alle prese...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.