Come comunicare al datore di lavoro la gravidanza

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il mondo del lavoro può diventare un ambiente ostico specialmente per le donne, nonostante una teorica "uguaglianza" di diritti che non rispecchia la realtà: infatti è notizia di questi giorni come lo stipendio di una donna rimane più basso rispetto a quello di un collega uomo con la stessa mansione. Le regole del gioco sono sempre decise dagli uomini e tra i tanti aspetti ancora penalizzati vi è quello della maternità, che spinge molte lavoratrici a temere il momento in cui dovranno comunicare al proprio datore di lavoro la gravidanza. Vediamo insieme qualche consiglio utile per affrontare il tema con il capo, senza subire penalizzazioni.

27

Occorrente

  • Sicurezza di sé e consapevolezza dei propri diritti di lavoratrice e madre.
37

Sarà capitato a molte di voi di affrontare un colloquio di lavoro e arrivare al momento della fatidica domanda: Lei ha intenzione di avere figli? Ebbene sì: molti datori di lavoro considerano problematica la prospettiva della gravidanza per le proprie dipendenti, portandoli a considerare gli uomini potenzialmente più produttivi e affidabili. Ma nel caso in cui doveste scoprire di essere incinta non temete: esistono tutele legali, tra le quali l'assenza d'obbligo di comunicare al capo il vostro stato interessante, subito dopo esserne venute a conoscenza.

47

La legge vi permette di attendere il settimo mese prima di inviare qualsiasi comunicazione, per poi presentare tutti i documenti per l'avvio delle pratiche di congedo per maternità. Siate chiare col vostro superiore sulle vostre intenzioni: specificate che non avete intenzione né di venire meno ai vostri impegni lavorativi, né di ottenere ferie aggiuntive oltre quelle previste per legge. Se il vostro impiego vi costringe a lunghe sessioni senza pause, a mantenere la stazione eretta per molte ore consecutive o a un impegno fisicamente più stressante, potete chiedere un temporaneo cambio di ruolo.

Continua la lettura
57

Per tutte quelle mansioni "a rischio", la legge prevede che durante tutti i nove mesi le lavoratrici in attesa di un figlio non potranno essere esposte a lavori pericolosi, al trasporto e spostamento di carichi pesanti e a ruoli particolarmente debilitanti. Se la vostra azienda lo prevede, dopo il parto e successivo rientro a lavoro potrete modificare il contratto per andare incontro alle esigenze di madre. In caso contrario rimarcate con convinzione l'intenzione di tornare pienamente operative senza che la maternità pregiudichi la vostra produttività in azienda.

67

Non tutti i datori di lavoro sono ben disposti ad accettare l'eventualità di gravidanze nel personale, cosa che risulta discriminatoria per la donna, ma non regolamentata da norme specifiche. Siate comunque sicure di voi e risolute nel ribadire la vostra assoluta serietà e professionalità con il vostro superiore.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se possibile, fate consultare il vostro contratto di lavoro da un avvocato per utili consigli su come agire.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Maternità obbligatoria: 5 cose che devi sapere

Con il concetto di maternità obbligatoria, chiamato anche congedo della maternità, ci si riferisce a quel particolare periodo in cui una donna, madre lavoratrice, è obbligata ad astenersi dal posto di lavoro. Come vedremo nel corso di questa guida,...
Richieste e Moduli

Come fare la domanda di maternità

Le lavoratrici dipendenti in possesso dei requisiti richiesti, fortunatamente, riescono ad avere particolari diritti. Se si dovessero considerare i vari avvenimento in cui la donna risulta avere dei diritti, c'è sicuramente la domanda di maternità....
Richieste e Moduli

Come compilare il modulo di maternità obbligatoria INPS

Il momento più bello della vostra vita è arrivato, finalmente siete in dolce attesa e dovete conciliare il lavoro con la maternità. All’inizio è facile e non avete nessun problema, ma quando il pancione inizierà a crescere non potrete più svolgere...
Lavoro e Carriera

Maternità obbligatoria e facoltativa

Nel corso degli ultimi decenni la tutela delle lavoratrici madri sul piano fisico ed economico lavoratrici, è stata garantita dalle diverse leggi succedutesi nel tempo. Rientra nella tutela disciplinata dalla legge qualunque lavoratricie dipendenti....
Previdenza e Pensioni

Come trattare contabilmente il periodo di astensione per maternità

Le assunzioni di impiegate femminili aumentano sempre di più, come dovrebbero, ma anche i problemi non fanno che moltiplicarsi. Quando un datore di lavoro assume una lavoratrice di sesso femminile, essa avrà bisogno di un periodo di astensione dagli...
Lavoro e Carriera

Come calcolare la retribuzione in maternità

Calcolare la retribuzione in maternità può essere un problema per molte future mamme. Questo specifico tema è regolato dal diritto del lavoro e rappresenta un principio cardine della nostra Costituzione. Dare la possibilità alle lavoratrici in dolce...
Previdenza e Pensioni

5 cose da sapere sulla maternità anticipata

Per le donne durante il periodo di gravidanza, è sicuramente fastidioso recarsi al lavoro, perché molte aziende non riescono a concedere il periodo che spetta da dedicare alla maternità. In realtà secondo la legge, deve essere assolutamente previsto...
Lavoro e Carriera

Come richiedere on line la maternità

Il congedo di maternità o la maternità obbligatoria rappresenta quel periodo nel quale una madre lavoratrice deve obbligatoriamente astenersi dal proprio lavoro. Il periodo in questione dura cinque mesi, e generalmente comprende due mesi precedenti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.