Come compilare un F24 per ravvedimento operoso

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il debito pubblico dello Stato viene coperto da una grossa quantità di persone che rappresentano i punti deboli, esse dovranno sobbarcarsi di moltissime spese. In tal modo si evince una società dove tutto si paga a caro prezzo. Non tutti però riescono a pagare le cifre che vengono richieste e così è facile trovarsi in mano a persone poco raccomandabili come strozzini e creditori. La guida in questione va a dare una buona spiegazione per quanto riguarda il modo di compilare un modello F24 per ravvedimento operoso cioè un modulo che offre la possibilità di pagare una sanzione minore basta che si saldi il debito.

25

L'F24

Tale procedura è stata disciplinata, prima di tutto dall’Art. 14 della Legge n.29/1990 e successivamente dall’Art. 13 del Decreto Legislativo n. 472 del 1997. Mediante tale procedura è più facile pagare il proprio debito, in quanto vengono ridotte le penalità e le multe da pagare che non fanno altro che ritardare la possibilità di ottemperare al pagamento. Tutti i giorni, infatti, l'interesse è dell'1% sul pagamento che dovrà essere effettuato. Per il pagamento di tutta la somma dovuta, bisogna stilare un modello chiamato appunto F24 che, di solito, si usa per regolarizzare le imposte sugli intrattenimenti, sull'IVA, sui redditi, quelle sostitutive, l’IRAP.

35

L'elenco dei codici tributo

Recandosi sul sito web dell'Agenzia delle Entrare si potrà accedere all'elenco dove ci sono tutti i codici tributo, essi dovranno essere inseriti negli spazi allora assegnati. Il pagamento a rate purtroppo non è previsto, però si potrà adottare la compensazione coi crediti d’imposta se sono presenti. Questa tipologia di modello, ossia l'F24 è presente solo in Italia ed in sostituzione di altri modelli utilizzati in passato.
Vedi il seguente link: http://ricerca.agenziaentrate.gov.it/Wrapper/tributi_tp/?q="codice+tributo".

Continua la lettura
45

La procedura

Quando il modello F24 sarà legittimato, andranno fatte tre copie dove due restano all'ufficio dove si eroga il denaro, mentre l'altra oltre ad essere restituita dovrà essere anche timbrata. Anche in questo caso la tecnologia viene in supporto. Infatti, si potrà fare ciò tramite internet a seconda degli istituti che lo prevedono. Bisognerà dirigersi sui servizi denominati Internet corporate Banking per le imprese e l’”home Banking” per i soggetti privati. Si potrà ricorrere al ravvedimento parziale nel caso in cui preferiate utilizzare il frazionamento del debito d’imposta, con le penalizzazioni fiscali di cui sopra abbiamo già accennato. Va però detto che qualora la scelta ricada su questa determinata soluzione, si andrà a correggere in parte la violazione. La motivazione è da ricercare nella specificazione chiara, visto che si abbracciano più procedure, quindi andrà detta la motivazione della domanda e la modalità di pagamento.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Ravvedimento operoso: 5 cose da sapere

Il ravvedimento operoso, come suggerisce il termine, si verifica quando si riconosce di aver agito male e ci si corregge. L' art.13 del Dlgs n.472 del 1997, inquadra il ravvedimento operoso come strumento con il quale un contribuente, spontaneamente provvede...
Finanza Personale

Ravvedimento operoso: come aderire

Il Ravvedimento Operoso è stato sancito dall'Articolo 13 del Dlgs n.472 del 1997. Con questo strumento i contribuenti possono regolare la propria situazione tributaria in maniera spontanea ossia prima che l'agenzia delle entrate notifichi l'irregolarità....
Finanza Personale

Ravvedimento operoso: come regolarizzare le imposte omesse

Il ravvedimento operoso rappresenta un'operazione che viene eseguita per regolarizzare le imposte omesse. Tramite questo tipo di procedimento il contribuente beneficia di alcune riduzioni sulle irregolarità commesse, anche se deve pagare la multa entro...
Finanza Personale

Come rettificare o integrare il Modello Unico

Il Modello Unico è un modello unificato di dichiarazione dei redditi mediante il quale è fattibile fare più dichiarazioni fiscali. Se dopo aver presentato quest'ultimo ci si accorge di aver commesso degli errori o di aver dimenticato di indicare alcuni...
Finanza Personale

Come mettersi in regola con fisco

Annualmente l'Agenzia delle Entrate invia, a una determinata quota di contribuenti, degli avvisi in merito a delle anomalie riguardati la dichiarazione dei redditi e la non dichiarazione dei canoni di locazione. I soggetti sopracitati vengono richiamati...
Finanza Personale

Come rimediare alla mancata registrazione del contratto di locazione

Nel caso in cui dovessi abitare sotto un tetto che non è di tua proprietà, ossia sei un affittuario e nel momento in cui il locatore dell'abitazione in cui vivi ti ha ceduto la sua casa, un problema che può capitare è che non ti ha proposto alcun...
Richieste e Moduli

Come fare il ravvedimento per errata indicazione importo su Modello F24

Il modello F24 è un modulo, ovvero un documento in parte già compilato con il quale si possono pagare diverse tasse. Tempo fa infatti, per ogni tassa c'era un modello specifico, ora esiste un modello unico che è appunto il modello F24. Quindi, da questo...
Richieste e Moduli

Come compilare l'F24 per il pagamento dell'IMU

Con la sigla IMU si indica l'Imposta Municipale Unica, una nuova tassa introdotta nel 2012. Questa è un tributo richiesto per il possesso di fabbricati e terreni, sia edificabili che agricoli, e sostituisce la vecchia tassa denominata ICI. L'IMU è stata...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.