Il Post

Come compilare la ricevuta per una Prestazione Lavorativa Occasionale

di M. R. difficoltà: media

Come compilare la ricevuta per una Prestazione Lavorativa Occasionale In questa guida, semplice e veloce, che vogliamo proporvi, abbiamo deciso di insegnarvi come poter compilare la ricevuta per una prestazione lavorativa del tutto occasionale, in modo da poter essere al sicuro ed anche in ordine con la legge e con lo Stato.
Iniziamo subito con il dire che la prestazione lavorativa occasionale è inquadrata dall'articolo 2222 del Codice Civile che disciplina il Contratto d' opera alla luce del quale si può definire "lavoratore autonomo occasionale colui che si obbliga a compiere, dietro corrispettivo, un'opera o un servizio con lavoro prevalentemente proprio, senza vincolo di subordinazione, nè potere di coordinamento del committente ed in via del tutto occasionale. Più precisamente le prestazioni lavorative occasionali sono state introdotte nel nostro ordinamento civile grazie alla riforma del mercato del lavoro e alla cosiddetta "Legge Biagi" (D. Lgs. N. 276/2003). In questo articolo viene descritto come compilare una ricevuta per prestazione lavorativa occasionale.
Non ci resta che metterci all'opera e darci alla lettura di questo articolo veramente unico e speciale, ed in particolar modo molto utile per tutti!

Assicurati di avere a portata di mano: domanda 730 documento di Cu

1 La collaborazione occasionale è molto richiesta, soprattutto nei casi di lavoro tramite internet, o per i lavori part-time. Per stipulare questo rapporto di lavoro non c'è bisogno di un contratto nè tanto meno occorre essere titolare di partita IVA. Tuttavia ci sono alcune regole fondamentali da rispettare affinché la prestazione lavorativa possa essere definita occasionale:- il compenso totale per l'opera prestata non deve superare i 5000 euro all'anno (il non superamento di tale soglia consente al prestatore di lavoro occasionale di essere considerato esente da obblighi fiscali e contributivi;- il contratto non deve durare più di 30 giorni.

2 Per tutelare questo tipo di rapporto lavorativo la legge prevede che il lavoratore sia obbligato a rilasciare al committente una ricevuta per prestazione lavorativa occasionale. La ricevuta deve contenere:- il luogo e la data;- il numero progressivo della ricevuta;- i dati anagrafici del lavoratore;- i dati anagrafici del committente;- la descrizione dell'opera prestata; - l'importo lordo della prestazione;- l'importo netto della ritenuta d'acconto per prestazioni occasionali.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Altre cose da precisare: la data della ricevuta deve riferirsi alla data in cui il lavoratore riceve il compenso del committente; sulla nota deve essere applicata una marca da bollo da 1 euro e 81 centesimi qualora la prestazione di lavoro superi la cifra di 77,47 euro; alla fine del documento vanno inseriti i dati relativi alla modalità di pagamento scelte dal lavoratore occasionale.  In internet si possono facilmente trovare dei modelli di ricevuta per prestazione lavorativa occasionale, di seguito è riportato l'indirizzo dove poter trovare un modello di ricevuta e un esempio di come calcolare la ritenuta d'acconto per prestazioni occasionali:. 

Non dimenticare mai: Cercare di compilare ogni documento necessario alla Dichiarazione dei Redditi, è utile ed anche importante. Alcuni link che potrebbero esserti utili: http://www.dailynterpreter.com/archives/334

Lavoro: come pagare le piccole collaborazioni con i voucher Come funziona il Lavoro Occasionale Accessorio Come compilare la ricevuta per prestazione di lavoro occasionale Come lavorare in proprio senza partita iva

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altri articoli