Come Compilare Il Prospetto Fiscale Per Le Opere Ultrannuali

tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

Nella vita di un'azienda arriva il momento in cui bisogna mettere mano alle proprie strutture per ammodernarle, rinfrescarle o modificare qualcosa in base alle normative vigenti. Queste operazioni importanti sia dal punto di vista economico che strutturale spesso non si chiudono nell'arco di un solo esercizio ma richiedono un periodo più lungo per essere portate a termine. Proprio per questo genere di lavori il legislatore ha previsto la necessità di una comunicazione da fare all'erario con un'apposita dichiarazione da allegare alla dichiarazione dei redditi. In questo modo si rendere più veloce e di più facile la consultazione della situazione aziendale a tutti i suoi stakeholders. In questa guida vedremo quindi come compilare il prospetto fiscale per le opere ultrannuali.

29

La norma che prevede e regola il prospetto per le opere ultrannuali è quella all'art. 93 (in precedenza art.60) del DPR 917/86 del T. U. I. R. (testo unico imposte sui redditi). Nell'art. 93 al comma n°6 si parla appunto del prospetto per le opere ultrannuali, che deve essere allegato anche più volte, in base a quante opere abbiamo in cantiere.

39

Nella prima parte del prospetto (parte A), è necessario inserire nella prima riga l'importo dell'intervento realizzato, come risulterà dalla fattura di fine lavori o dal contratto iniziale. Nella seconda riga si inseriscono eventuali somme aggiuntive pattuite per lavori extra o comunque non inizialmente previsti. Infine nella terza riga va inserito il totale degli interventi complessivo, che ovviamente corrisponderà al valore del contratto (prima riga) più gli eventuali lavori supplementari (seconda riga).

Continua la lettura
49

Parte B) «Maggiorazioni di prezzo già definite»
In tale sezione vanno evidenziatele maggiorazioni di prezzo integranti il contratto e liquidate in via definitiva, le quali derivano da disposizioni di legge o da clausole già inserite nel contratto, inserendo per ciascuna maggiorazione; la data di presentazione della richiesta; importo; importo liquidato in via definitiva e somma degli importi liquidati.
Parte C) «Importi già liquidati in via definitiva»
Qui vanno collocati gli importi che sono già stati liquidati definitivamente.

59

Parte D) «Ammontare complessivo dei corrispettivi pattuiti non ancora liquidati in via definitiva».
Si ottiene sommando il totale Parte A ed il totale Parte B e sottraendo il totale Parte C.
Parte E1) «Valutazione delle prestazioni eseguite non ancora liquidate in via definitiva»
Devono essere riportati in questa Parte i dati relativi alle richieste di corrispettivi pattuiti, liquidati provvisoriamente, comprensivi degli eventuali anticipi e delle ritenute a garanzia; non devono invece essere riportate le maggiorazioni di prezzo.

69

Parte E2) «Valutazione delle prestazioni eseguite dalla data dell'ultimo stato di avanzamento lavori presentato al committente, alla data di fine periodo d'imposta»
Devono essere, pertanto, indicati i beni e le prestazioni adoperati per l'esecuzione delle opere, forniture e servizi.
Parte E3) «Maggiorazioni di prezzo da definire»
Le maggiorazioni di prezzo da indicare sono quelle richieste al committente, sulla base di disposizioni di legge o di clausole contrattuali, non ancora liquidate in via definitiva.

79

Parte F1) «Valutazione totale eseguita»
Il valore da indicare in tale sezione si ottiene sommando alla valutazione delle prestazioni eseguite non ancora liquidate definitivamente (E1) la valutazione delle prestazioni per le quali non è stato presentato nessuno stato di avanzamento lavori (G) e il totale della valutazione delle maggiorazioni di prezzo (E3).

89

Parte F2) «Rischio contrattuale»
Il valore da inserire in tale parte andava determinato secondo quanto indicato al comma 3 dell'art. 60 non più in vigore.
Parte F3) «Valutazione contabilizzata»
L'importo relativo, che andrebbe determinato sottraendo dall'importo relativo alla valutazione totale eseguita (F1) l'importo del rischio contrattuale (F2), è, alla luce della predetta abrogazione, pari a quello della parte F1.

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per un aiuto ulteriore potete rivolgervi ai centri di assistenza fiscale, come ad esempio il CAF

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come sottoscrivere un fondo comune

Il fondo comune è una formula d'investimento che un risparmiatore può scegliere tra diverse possibilità offerte dalle banche. A differenza di altre soluzioni questa risulta essere più interessante ed a volte conveniente. È la soluzione maggiormente...
Previdenza e Pensioni

Come controllare se la propria polizza vita è gestita correttamente

Chi decide di sottoscrivere una polizza sulla vita, ha bisogno in qualche modo di verificare che questa venga gestita nel modo più corretto dalla compagnia che offre questo servizio. L'accertamento dello stato della propria polizza, può essere effettuato...
Lavoro e Carriera

Come controllare la busta paga

Per un impiegato è fondamentale saper controllare la propria busta paga. Questo documento rilasciato dal datore di lavoro comprende una serie di voci e di informazioni per il dipendente. La loro lettura informa sul calcolo effettuato per addivenire al...
Finanza Personale

Come compilare un F24

In Italia il Modello F24 è il prospetto che deve essere utilizzato per il pagamento della maggior parte delle tasse, imposte e dei contributi. Può essere utilizzato sia dai contribuenti non titolari di partita IVA, che non hanno l'obbligo dei effettuare...
Aziende e Imprese

Come Contabilizzare Le Spese Per Salari E Stipendi

Una delle categorie di scritture contabili che produce, sicuramente, delle maggiori problematiche è quella riguardante le modalità per la contabilizzazione degli emolumenti da corrispondere ai lavoratori dipendenti. La finalità di questa semplice ed...
Aziende e Imprese

Come redigere la situazione contabile

Nessuna società o attività commerciale in genere può davvero funzionare senza una buona situazione contabile ben gestita e registrata. Questo perché il bilancio è davvero il centro di ogni attività, perché mantiene traccia di tutte le operazioni...
Finanza Personale

Rating: cos'è e come funziona

Come avrete sicuramente compreso attraverso la lettura del titolo di questa guida, ora andremo a occuparci di rating. Nello specifico, andremo a spiegare cos'è il rating e quale sia il suo funzionamento.Il rating è semplicemente una metodologia attraverso...
Finanza Personale

Come calcolare il rendimento delle azioni

Molti di voi ricorderanno la storia del leggendario investitore delle azioni, il famoso Warren Buffett, il quale fu in grado di guadagnare miliardi e miliardi di dollari grazie al suo capitale investito, con la "semplice" capacità di distillare i fondamenti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.