Come compilare il modulo di maternità facoltativa INPS

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

In questo articolo vedremo come compilare il modulo di maternità facoltativa INPS. Tale domanda, anche chiamata congedo parentale, può essere obbligatoria oppure facoltativa, e dovrà essere presentata all'ente in modo telematico tramite tramite l'applicativo presente alla sezione "servizi online" del sito "www.inps.it".
In alternativa è possibile contattare il numero 803 164, che corrisponde al Contact Center integrato. Questo servizio telefonico è gratuito da rete fissa, mentre da rete mobile si potrà chiamare il numero 0616416, a pagamento in base alla tariffa applicata dal proprio gestore telefonico.
Un terza metodologia consiste nel rivolgersi ad un Patronato ed usufruire dei servizi appositamente erogati in materia. Vediamo quindi nella guida che segue alcuni consigli su come compilare il modulo di maternità facoltativa Inps.

27

Occorrente

  • Necessità di fare domanda di maternità facoltativa Inps
37

Prima di tutto dovrete scaricare e successivamente stampare la domanda prestando attenzione, in fase di compilazione, a tutte le clausole citate. All'interno di queste ultime, sono spiegati i requisiti di legge che dovrete possedere affinché la domanda abbia esito positivo. La prima parte della domanda riguarda le generalità del richiedente cioè nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, indirizzo di residenza e/o di domicilio ed i recapiti telefonici principali.

47

Nella seconda parte del modulo invece, occorrerà sottoscrivere le generalità dell’azienda dove si presta lavoro solo se si è lavoratori dipendenti. In particolare occorrerà indicare, oltre al nome dell'azienda, l'indirizzo di quest'ultima e la data di assunzione. In seguito dovrete specificare il settore di attività, come per esempio edilizia, artigianato o industria ed infine bisognerà barrare la casella che descrive nel dettaglio l'attività svolta da chi richiede il congedo di maternità facoltativa Inps.

Continua la lettura
57

Ora passiamo a spiegare la terza parte del modulo. In questa sezione dovrete dichiarare di non essere parenti del datore di lavoro, indicare le generalità del coniuge, quindi nome, cognome, luogo e data di nascita e codice fiscale, ed esplicitare la sua situazione lavorativa. Allo stesso modo, dovrete procedere nella compilazione della parte successiva relativa ai dati dei figli minori barrando la casella che descrive la vostra situazione: se si tratta di un figlio biologico, oppure adottato o affidato.

67

Nell'ultima parte del modulo, quindi la quarta, dovrete indicare il periodo di congedo richiesto, indicando nello specifico il giorno di inizio ed anche quello di fine comunque non superiore a sei mesi. Sarà necessario infine, fornire la dichiarazione dei redditi ed indicare il codice IBAN del proprio conto corrente, bancario o postale, sul quale si desidera ricevere il bonifico di accredito. Inoltre sarà possibile conferire delega alla riscossione ad un patronato di fiducia. Se consegnate la domanda all’INPS direttamente, dovrete ricordarvi di allegare una fotocopia del vostro documento di identità valido.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Rivolgersi ad un patronato per avere informazioni utili

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

Come trattare contabilmente il periodo di astensione per maternità

Le assunzioni di impiegate femminili aumentano sempre di più, come dovrebbero, ma anche i problemi non fanno che moltiplicarsi. Quando un datore di lavoro assume una lavoratrice di sesso femminile, essa avrà bisogno di un periodo di astensione dagli...
Lavoro e Carriera

Il congedo di maternità facoltativo

Oltre alla tipologia di astensione dal lavoro più ricorrente, ovvero il "congedo di maternità obbligatoria", ne esiste una seconda tipologia detta "facoltativa". Il congedo di maternità facoltativo, anche detto "congedo parentale", presenta una serie...
Richieste e Moduli

Come compilare il modulo di maternità obbligatoria INPS

Il momento più bello della vostra vita è arrivato, finalmente siete in dolce attesa e dovete conciliare il lavoro con la maternità. All’inizio è facile e non avete nessun problema, ma quando il pancione inizierà a crescere non potrete più svolgere...
Richieste e Moduli

Come richiedere i benefici della maternità

Le donne in dolce attesa possono usufruire di un'indennità economica messa a disposizione dall'INPS. Questi benefici riguardano le lavoratrici che devono assentarsi dal lavoro a causa della gravidanza. La legge che disciplina i congedi e permessi di...
Lavoro e Carriera

Maternità obbligatoria: 5 cose che devi sapere

Con il concetto di maternità obbligatoria, chiamato anche congedo della maternità, ci si riferisce a quel particolare periodo in cui una donna, madre lavoratrice, è obbligata ad astenersi dal posto di lavoro. Come vedremo nel corso di questa guida,...
Previdenza e Pensioni

5 cose da sapere sulla maternità obbligatoria

La maternità obbligatoria rappresenta il periodo in cui la madre lavoratrice deve esimersi dal lavoro. Qui di seguito, verranno riportate le 5 cose più importanti da sapere sul congedo obbligatorio, trascritte nel decreto legislativo n. 151 del 26 marzo...
Previdenza e Pensioni

Congedo per paternità: come inoltrare la domanda all'Inps

Molte persone credono che, quando si diventa genitori, tutti i benefici previsti dall'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale e quindi dalle relative aziende dislocate sul territorio nazionale spettino esclusivamente alla madre. Da qualche anno invece,...
Lavoro e Carriera

Come richiedere on line la maternità

Il congedo di maternità o la maternità obbligatoria rappresenta quel periodo nel quale una madre lavoratrice deve obbligatoriamente astenersi dal proprio lavoro. Il periodo in questione dura cinque mesi, e generalmente comprende due mesi precedenti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.