Come compilare il modello QUIR per la richiesta del TFR in busta paga

di Francesca L. tramite: O2O difficoltà: media

Il 3 aprile 2015, con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, sono entrate in vigore le disposizioni del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri DPCM n° 29/2015 che trattano della possibilità, per i lavoratori dipendenti del settore privato, di richiedere al proprio datore di lavoro l’accredito del TFR (Trattamento di Fine Rapporto noto anche come liquidazione o buonuscita) “maturando”, direttamente in busta paga mensile anziché, come previsto finora, essere messo da parte e liquidato alla cessazione del rapporto di lavoro o versato sul proprio fondo pensione.
Il decreto definisce il TFR maturando in busta paga come QuIR ossia “Quota maturanda del Trattamento di fine rapporto come parte Integrativa della Retribuzione”.
L'anticipazione del TFR mensile in busta paga deve essere richiesta presentando al proprio datore di lavoro il cosiddetto modello QuIR, un modulo messo appunto dal Governo ed allegato in fac-simile al DPCM n° 29/2015.
Di seguito viene esposta un'utile guida riguardo quando e come compilare il modello QUIR per la richiesta del TFR in busta paga.

1 Innanzitutto, qualora si deciderà di richiedere l'accredito del TFR sulla busta paga, bisognerà ricordare che l’importo accreditato equivale al TFR che matura ad ogni mese di stipendio, e che pertanto non dovrà essere confuso con quello già maturato in passato. Questo infatti non viene regolato dal Decreto. Quindi per i lavoratori che faranno tale scelta, la quota maturata in ogni mese di stipendio verrà liquidata subito sulla busta paga mensile insieme alla retribuzione spettante, mentre il TFR maturato in passato rimarrà accantonato.

2
Chi ha diritto a richiedere il TFR in busta paga? Ha diritto al TFR in busta paga il lavoratore dipendente con un’anzianità di servizio di almeno 6 mesi. Quindi, un lavoratore neo-assunto che abbia solo 2 mesi di lavoro, dovrà attenderne altri 4, qualora volesse attivare questa opzione prevista dalla legge. Va ricordato che si tratta di anzianità minima maturata presso il medesimo datore di lavoro.
Sono esclusi dal fare la richiesta, i seguenti dipendenti:
- i lavoratori dipendenti domestici;
- i lavoratori dipendenti del settore agricolo;
- i lavoratori dipendenti di aziende in CIGS o sottoposte a procedure concorsuali;
- i lavoratori dipendenti che abbiano posto il TFR a garanzia di finanziamenti;
- i lavoratori dipendenti per i quali il CCNL preveda già la corresponsione periodica del TFR e quindi il suo accantonamento presso soggetti terzi (come ad esempio i lavoratori a chiamata).

Continua la lettura

3
Da quando parte l'erogazione del TFR in busta paga?
Per le aziende con più di 50 dipendenti, il TFR in busta paga sarà disponibile dal mese successivo a quello di presentazione della domanda; nel caso, invece, di aziende con meno di 50 dipendenti che intendano avvalersi del finanziamento assistito e garantito dall’INPS, l'erogazione potrà avvenire dal terzo mese successivo a quello di efficacia della richiesta.
Ad esempio, in caso di richiesta effettuata entro il 31 marzo 2015, nella prima situazione, la prima quota mensile sullo stipendio inizierà ad essere erogata in busta paga da aprile 2015, nel secondo caso da luglio 2015.

4
Quando è possibile fare la richiesta del TFR in busta paga?
I lavoratori dipendenti potranno avanzare tale richiesta in qualsiasi momento a partire dal 1° marzo 2015, ma non oltre il 30 giugno 2018, dal momento che questa misura introdotta dal Governo è in via sperimentale. Va però ricordato che una volta richiesta, la QuIR avrà valenza di tre anni e sarà irrevocabile fino al 30 giugno 2018.
Dopo tale data, la legge non avrà più valore e verrà ristabilita, per il lavoratore, la situazione esistente prima della scelta del TFR in busta paga.

5
Qual è la tassazione del TFR in busta paga? Quanto conviene fare questa scelta?
Normalmente il TFR viene liquidato al termine del rapporto di lavoro e tassato con il regime della “tassazione separata” (ossia non entra a far parte dei redditi dell’anno in cui viene erogato e viene tassato separatamente dagli altri redditi). Invece la QuIR sarà tassata applicando le aliquote IRPEF ordinarie, cioè, le percentuali applicate agli scaglioni reddito IRPEF 2015.

Ciò significa che tale cifra, quando accreditata in busta paga, si andrà ad aggiungere al reddito già percepito dal lavoratore, il quale dovrà pagare le imposte in base alla aliquota più alta prevista per il reddito percepito nell’anno.
Tutto ciò comporta che chi fa questa scelta avrà dei vantaggi solo se il reddito complessivo è basso, mentre per chi ha redditi medio-alti (superiori a 28 mila euro) risulterà più sconveniente.
Inoltre, va sottolineato che l'accredito del T. F. R. In busta paga, causando un aumento del reddito lordo, determinerà una minore detrazione dalle imposte da pagare (le detrazioni dal reddito e quelle per i familiari a carico), una diminuzione degli “assegni familiari”, ed inoltre un aumento dell’ISEE (per chi ne fa uso, ad esempio, per il pagamento delle tasse universitarie, per gli asili nido, ecc.).

6
Tuttavia il TFR liquidato in busta paga, non verrà considerato nel calcolo del reddito complessivo, sia per quanto riguarda il diritto al bonus Irpef di 80 euro, sia a fini dell’imponibile previdenziale.
Quindi, tenendo anche conto della tassazione sconveniente, prima di decidere o meno se effettuare la richiesta, converrà fare un calcolo preventivo, magari ricorrendo all'aiuto del CAF o di professionisti del settore.

Come si compila il modulo QuIR?
Il modulo QuIR. È molto semplice ed intuitivo: vanno inseriti negli appositi spazi il nome ed il cognome, la data e la città di nascita ed infine il codice fiscale. Apposte la data e la firma si deve consegnare il modulo al proprio datore di lavoro.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Modulo Qu.I.R.

5 cose da sapere sulla tredicesima in busta paga Sapete quali sono i mesi preferiti da una certa categoria di ... continua » Come calcolare quante tasse paghiamo sui buoni pasto I buoni pasto sono delle agevolazioni che molto spesso spettano ai ... continua » Come leggere la busta paga: dallo stipendio lordo al netto La busta paga altro non è che un documento che include ... continua » Come leggere la propria busta paga La busta paga è un vero e proprio tabulato, in cui ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come leggere la busta paga

La busta paga è il riassunto di un compenso per prestazioni lavorative. In un foglio di carta sono racchiusi tantissimi valori che sono molto importanti ... continua »