Come chiedere il congedo parentale

di Francesca Dalfino tramite: O2O difficoltà: facile

Quando lavoriamo ed abbiamo un fidanzato od un marito, ad un certo punto potrebbe arrivare un pargolo in famiglia. Come ci comporteremo al lavoro? In questa guida spiegheremo come chiedere il congedo parentale. Spieghiamo di cosa si tratta: il congedo parentale è un periodo di assenza dal lavoro (di solito 10 mesi) retribuito direttamente dall'Inps spettante alla mamma come al papà per permettere loro di accudire dovutamente il bambino nei suoi primi mesi di vita con lo scopo di soddisfare i suoi bisogni affettivi e relazionali. In generale il congedo può essere richiesto in qualsiasi momento entro gli 8 anni di vita del bambino da entrambi i genitori biologici o adottivi o affidatari. Si tratta di una indennità del 30% della retribuzione fino a compimento del terzo anno di vita del bambino. Per il periodo compreso tra il quarto e l'ottavo anno valgono le condizioni richieste dall'Inps. Dal gennaio 2013 alcune modifiche sono state introdotte grazie al Decreto Crescita ed al Decreto Salva Infrazioni. Proseguiamo nel capire come richiederlo.

Assicurati di avere a portata di mano: PIN on line INPS Richiesta patronato Numero verde 803164

1 I tempi del congedo Come spiegavamo i genitori possono richiedere il congedo durante i primi 8 anni di vita del figlio biologico e lo stesso tempo per figli adottati o affidati. I genitori possono richiederlo contemporaneamente oppure in tempi frazionabili per un periodo di 6 mesi per la madre e 7 mesi per il padre come da limiti fissati dalla normativa. Tale astensione, se viene usufruita da ambedue i genitori, non può comunque essere superiore agli undici mesi.

2 Il congedo per le diverse categorie Le lavoratrici autonome sono spettanti del congedo parentale per un periodo massimo di 3 mesi entro il primo anno di vita del bambino, mentre i padri non possono usufruirne. Stesso periodo temporale spetta ai lavoratori parasubordinati sia padri che madri. La nuova normativa ha semplificato l'invio dei certificati medici per richiedere il congedo, operazione che può essere effettuata on line direttamente dal medico del SSN che ha in cura il bambino. In più è stato introdotto anche il congedo parentale ad ore: ciò significa che, sempre fino all'ottavo anno del bambino, il genitori anziché perdere una giornata lavorativa, potrà fare richiesta di assentarsi per alcune ore dal lavoro per poi rientrare alla mansione. Per usufruirne sarà necessario dare un preavviso di almeno 15 giorni.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Richiedere il congedo in pratica Come dicevamo, per richiedere il congedo, è necessario possedere i requisiti richiesti dalla legge, inoltre occorre compilare un modulo da presentare sia alla sede Inps di residenza o domicilio sia al datore di lavoro.  Esso è da spedire per posta raccomandata oppure presentato tramite un Ente di patronato ed allegare un documento di riconoscimento in corso di validità.  Approfondimento Come richiedere il congedo parentale (clicca qui) Dovrete ottenere il PIN online per operare direttamente dal portale di Inps.  Attivo anche il seguente numero verde: 803164.  Qualora non avesse il PIN sarà sufficiente seguire le indicazioni fornite dal portale per ottenerlo.

Come richiedere il congedo parentale per lavoratrice autonoma Da quando è entrata in vigore, la legge italiana ha sempre ... continua » Come richiedere il congedo parentale Il congedo parentale consiste nel diritto spettante sia alla madre e ... continua » Il congedo di maternità facoltativo Oltre alla tipologia di astensione dal lavoro più ricorrente, ovvero il ... continua » 5 cose da sapere sulla maternità facoltativa Quando una lavoratrice è in dolce attesa segue, su indicazione del ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Maternità e lavoro: linee guida

In questa guida trattiamo un tema di grande importanza, fonte purtroppo di molti problemi per molte donne, quello della maternità nell'ambito del lavoro. Cominciamo ... continua »