Come cessare una ditta individuale

di Francesco De Stasio tramite: O2O difficoltà: facile

Questa guida spiega i passaggi necessari a chiudere la propria ditta. Qualunque essa sia, infatti, non può cessare da un momento all’altro, ma deve seguire un particolare iter, il quale comprende il comunicare la vostra decisione sia alla camera di commercio che ai vari enti a cui vi siete rivolti per intraprendere la vostra attività individuale e, alla fine ci tutto ciò, potrete dichiarare l’avvenuta chiusura. Vediamo dunque ora, passo per passo, come procedere e a chi rivolgersi per cessare una ditta individuale.

1 Si arriva alla conclusione di chiudere un’attività per svariati motivi. Se nel vostro caso è sopraggiunto il limite d’età (pensionamento), o vi sono dei motivi personali che vi impediscono di continuare l’impresa o, ancora, è evidente che i guadagni sono minimi e non sono quelli sperati, bisogna cessare ogni rapporto con i vari enti in cui, per legge, vi siete registrati. Il primo passo è chiudere la partita IVA, indispensabile per intraprendere un’attività ed acquistare la merce per quest’ultima; è possibile procedere individualmente per via telematica oppure tramite il vostro commercialista di fiducia.

2 Dopo aver ottenuto la ricevuta della chiusura della vostra partita IVA andate a ritirare il modulo prestampato alla camera di commercio: vi richiederà di inserire i vostri dati e, in ultimo, di pagare un bollettino di 14,62 euro presso l’ufficio postale; se invece la vostra era un’attività artigianale, come ad esempio un negozio di vostri articoli creativi o una pasticceria di vostra produzione, questo passaggio dovete svolgerlo recandovi all’ufficio comunale.

Continua la lettura

3 Adesso la vostra domanda di chiusura sarà mandata dalla camera di commercio all’INPS (Istituto Nazionale della Previdenza Sociale); in ogni caso, per sicurezza, è consigliabile recarsi all’ente in questione e accertarsi che la domanda sia effettivamente pervenuta e, in caso contrario, procedete a far domanda di cessazione direttamente lì.  Dovete avere sempre con voi la ricevuta di cessazione della partita IVA.  Approfondimento Come E Perchè Iscriversi Alla Fondazione Enasarco (clicca qui) Premuratevi di chiedere informazioni su ciò che dovete fare e quali moduli dovete procurarvi per ottenere tutte le deduzioni, detrazioni nonché dilazioni sulle cartelle esattoriali che vi sono dovute.  Al fine di completare la procedura dovete, naturalmente, comunicare l’avvenuta cessazione dell’attività a vari enti: quello che si occupa dei rifiuti, all’Enel, all’eventuale società del gas ecc.

Come cessare un attività La cessione di una attività può essere causata da svariati fattori ... continua » Come trovare online la partita IVA di un’azienda La partita iva di un'azienda equivale, in poche parole, a ... continua » Come aprire una ditta individuale Per ditta individuale si intende l'atto di mettersi in proprio ... continua » Come aprire partita iva La partita IVA è una serie di cifre utili a identificare ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come aprire una rosticceria

Se vi piacerebbe entrare a far parte del mondo del commercio, ma non sapete come fare, in questa guida potrete trovare qualche dritta. Specialmente se ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. ATTENZIONE: tali contributi NON possono essere in alcun modo considerati appelli al pubblico risparmio e\/o sollecitazione all’investimento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.