Il Post

Come cancellare un protesto di un assegno postale o bancario

di Anna Trigilio difficoltà: media

Come cancellare un protesto di un assegno postale o bancario   risoluzionedebiti.it Quando emetti un assegno di pagamento, che sia postale o bancario, devi sempre assicurarti che la somma da prelevare sia disponibile nel tuo conto personale. Nel caso contrario, nel momento in cui il beneficiario dell'assegno si appresta a riscuoterlo, costui non potrà ricevere la somma richiesta. D'altra parte la banca segnalerà la situazione e tu ti ritroverai alle prese con un protesto presso la camera di commercio. Questa è una situazione molto imbarazzante poiché causa varie difficoltà per accedere al credito o altre procedure finanziarie in futuro e mina anche la tua credibilità come commerciante. In questa guida ti spiegherò come fare per cancellare il protesto e ottenere una riabilitazione al credito.

Assicurati di avere a portata di mano: L'assegno in originale (o eventuale denuncia di smarrimento) Visura uso protesti della propria camera di commercio di appartenenza Marca da Bollo di €70,00 Liberatoria dell'avvenuto pagamento dell'assegno da più di 1 anno con firma autenticata del creditore.

1 La prima cosa da fare è quella di recarsi presso la camera di commercio appartenente alla tua provincia di residenza. È molto importante che tu porti con te una copia dei documenti d'identità e del tuo certificato di residenza storico. Alla camera di commercio dovrai richiedere una VISURA USO PROTESTI. Con questa procedura otterrai un documento contenente i dati del protesto che vuoi eliminare.

2 La seconda tappa è quella di recarsi, con visura alla mano, presso il tribunale civile della propria zona, chiedendo della "sezione protesti". Qui dovrai innanzitutto compilare una domanda di riabilitazione per avvenuto pagamento del titolo. Per compilare questa domanda deve essere passato almeno un anno dall'avvenuto pagamento. Allega alla tua domanda i seguenti documenti:- L'assegno in originale;- La liberatoria firmata da entrambe le parti dell'avvenuto pagamento, con firme autenticate del notaio;- La copia dei propri documenti di identità;- Il Certificato di residenza;- La Visura uso protesti della camera di commercio;- Infine una Marca da bollo del valore di €70,00.

Continua la lettura

3 Dopo la presentazione della tua domanda di cancellazione del protesto, dovrai aspettare almeno 1 mese (anche di più se ci sono ritardi burocratici).  Trascorso adeguato periodo, il Tribunale in cui ti sei recato dovrà rilasciarti un "Attestato di Riabilitazione" che conferma l'avvenuto pagamento del Titolo.  Approfondimento Come sapere se sei protestato (clicca qui) Con questo attestato dovrai nuovamente recarti presso la camera di commercio e questa volta chiedere la cancellazione del protesto, compilando un modulo predisposto per questa procedura.  La cancellazione del protesto e la riabilitazione per l'accesso al credito ti verranno comunicati entro 10 giorni circa.. 

Non dimenticare mai: Evita di rivolgerti alle agenzie di cancellazione, che chiedono somme eccessive, mentre basta la semplice marca da bollo

Come chiedere riabilitazione e cancellazione dei protesti Cambiale protestata: quando succede e come risolvere Come ottenere l'affidabilità creditizia Come ottenere un prestito cambializzato

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide utili