Come cambiare il medico di base quando si trasferisce la propria residenza

di G. D. tramite: O2O difficoltà: facile

Può capitare a tutti nella propria vita per svariati motivi di cambiare residenza da una città o regione ad un altra. Si trasferisce così anche il proprio medico di base altrimenti si corre il rischio di essere cancellati dalle liste dell'Asl del comune in cui si era precedentemente residenti e rimanere senza assistenza sanitaria.
Vediamo dunque, con questa guida, come cambiare il medico di base quando si trasferisce la propria residenza.

Assicurati di avere a portata di mano: Certificato di residenza Fotocopia documento di identità Vecchio tesserino sanitario

1 Per individuare la persona giusta per cambiare il medico di base quando si trasferisce la propria residenza occorre consultare gli elenchi posti negli uffici del distretto sanitario di appartenenza (oggi anche on line), e magari prendere un appuntamento per un primo incontro conoscitivo. Occorre poi recarsi in comune e farsi rilasciare un certificato di residenza. Potrebbe essere necessario anche uno stato di famiglia nel caso foste sposati. Se il cambio di residenza avviene all'interno dello stesso comune, ma di ASL diversa, il medico di famiglia può essere mantenuto, dal momento che il cambio avviene all'interno del territorio dello stesso comune. Se invece si tratta di cambio di residenza in un comune diverso, ciò comporta la revoca automatica del medico di famiglia da parte della ASL.

2 È da notare che se si cambia nuovamente residenza, tornando a quella originaria, la scelta del medico di famiglia va fatta di nuovo, non essendo automatica la re-attribuzione del medico precedentemente scelto. Si può scegliere un medico anche al di fuori del comune di residenza, anche se a tempo determinato. Occorre fare poi una fotocopia di un documento d'identità in corso di validità ed una fotocopia del libretto sanitario e della relativa tessera sanitaria. Questi documenti vanno consegnati al nuovo comune di residenza per poi provvedere alla scelta del medico. Nel caso foste sposati ed il coniuge è residente il problema della scelta del medico non sussiste, sarà lo stesso del vostro coniuge, a meno che non vogliate espressamente cambiarlo. In tal caso dovrete attenervi alla lista che vi verrà consegnata dall'ASL.

Continua la lettura

3 Nel caso vogliate invece tenere il medico del vostro coniuge quando si trasferisce la propria residenza la legge del ricongiungimento familiare ve lo consente anche se questo ha raggiunto il numero massimo di assistiti.
La cancellazione dalla vecchia ASL avverrà in maniera del tutto automatica, attraverso una comunicazione della nuova ASL di appartenenza.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Il medico di famiglia per i non residenti Come cambiare medico di base Azienda Sanitaria Locale - Wikipedia.org

Cosa fare in caso di cambio di residenza In questo tutorial vedremo cosa fare in caso di cambio di ... continua » Come fare la dichiarazione per cambio di residenza o di abitazione La residenza si definisce come il luogo nel quale l'individuo ... continua » Come regolarizzare un cambio residenza Capita nella propria vita di cambiare città o più semplicemente di ... continua » Come richiedere la tessera sanitaria Ogni cittadino di uno stato europeo sin dalla nascita è dotato ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come fare un'autocertificazione

Quando dobbiamo dichiarare il nostro stato lavorativo o civile, possiamo presentare un documento chiamato autocertificazione, meglio conosciuto come legge Bassanini. Si tratta in sostanza della ... continua »

Come cambiare il cognome

Sono tante le ragioni che possono indurre i cittadini a scegliere un cognome diverso da quello di origine. A volte si tratta di un termine ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. ATTENZIONE: tali contributi NON possono essere in alcun modo considerati appelli al pubblico risparmio e\/o sollecitazione all’investimento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.